La Fiorentina affonda ancora: Siviglia in finale

montella

FIRENZE – Serviva la rimonta impossibile. Arriva invece la seconda batosta in una settimana. La Fiorentina affonda anche al Franchi al cospetto di un Siviglia pratico, cinico, che ha strameritato la qualificazione alla finale di Europa League. Venti minuti di speranza, un miracolo di Rico su Gonzalo Rodriguez poi due reti in cinque minuti, entrambi su palla inattiva, mettono KO le flebili speranze viola. Finisce 0-2, con il Franchi che ironizza sui giocatori e sul tecnico viola, protagonisti di una serata da dimenticare

Per sognare la proibitiva “remuntada” Montella dirotta in panchina l’unica prima punta di ruolo, Gomez, e punta tutto su Ilicic, reduce da due doppiette consecutive in campionato. 3-5-2 il modulo viola, con Joaquin chiamato agli straordinari sulla corsia destra. Poche sorprese nell’undici andaluso: Aleix Vidal, il castigatore dei viola all’andata parte nei tre dietro a Bacca, solo panchina per Reyes. La Fiorentina è la solita di sempre: palleggio lento a centrocampo, scambi stretti ma troppa prevedibilità per scardinare la solida difesa del Siviglia. L’unica occasione arriva su palla inattiva e ci vuole un pazzesco riflesso di Rico per respingere il colpo di testa di Gonzalo Rodriguez. Il Franchi ci crede ma l’illusione dura poco: Pizarro commette uno sciocco fallo nei pressi dell’area di rigore, la punizione tesa di Banega passa tra le gambe di Joaquin e Basanta e trova Bacca che, dentro l’area piccola, anticipa sia Savic che Neto e porta in vantaggio il Siviglia. Adesso serve un autentico miracolo (non solo sportivo) anche perché al 27′ arriva il raddoppio andaluso. Altra punizione dalla trequarti, la difesa della Firoentina è impresentabile e Carrico, da dentro l’area piccola, appoggia in rete.

CLIMA SURREALE – Il secondo tempo non ha più senso. Montella prova a cambiare l’inerzia della gara con l’ingresso di Pasqual al posto di Basanta. Si sfrutta la fascia sinistra, il terzino viola arriva spesso sul fondo, il problema è che la Fiorentina gioca senza attaccanti e in area non c’è nessuno a raccogliere i cross. Poche idee, tanti fischi e cori di scherno, in un secondo tempo che scivola via tra i fischi dei tifosi viola. Montella fa riscaldare Gomez per mezzora e poi non lo fa entrare, intanto Pizarro conquista un calcio di rigore: potrebbe essere il gol della bandiera ma Ilicic spara in Fiesole. Il pubblico ride per non piangere e la Fiorentina esce nel peggiore modo possibile dall’Europa League.

 

FIORENTINA (3-5-2): Neto 5; Savic 4, Gonzalo 5, Basanta 4 (1′ st Pasqual 6); Joaquin 5 Borja Valero 4,5 (40′ st Lazzari sv), Pizarro 5, Fernandez 4,5 (23′ st Badelj 6), Alonso 5; , Ilicic 4,5, Salah 6. A disposizione: Tatarusanu, Aquilani, Bernardeschi, Gomez. Allenatore: Vincenzo Montella.
SIVIGLIA (4-2-3-1): Rico 7; Coke 6, Carriço 7, Kolo 6, Trémoulinas 6,5; Krychowiak 5,5, Mbia 6,5; Aleix Vidal 7, Banega 6,5 (10 ‘st Iborra 6), Vitolo 6 (29′ st Reyes sv); Bacca 7 (25′ st Gameiro sv).A disposizione: Beto, Navarro, Figueiras, Suarez. Allenatore: Unai Emery.

RETI: 22′ pt Bacca, 27’ pt Carrico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *