La Roma rimonta l’Udinese e mantiene il secondo posto: 2-1 all’Olimpico

Nainggolan Udinese

ROMA – Essenziale vincere, ci sarà un’estate per riflettere sugli errori (ancora troppi). Il vantaggio dei friuliani illude Stramaccioni, ma l’Udinese fallisce il raddoppio e la Roma rientra in partita con Nainggolan, allo scadere del primo tempo. Il gol fortunoso di Torosidis nella ripresa regala tre punti vitali ai giallorossi. Prestazione da dimenticare per la squadra di Garcia, ma ora è troppo tardi per rimediare le lacune tattiche. Il derby dirà chi, tra Roma e Lazio, merita di più la Champions League.

MANOLAS DISTRATTO, GIOIA PERICA – La partita da non sbagliare si apre con un errore che avrebbe potuto compromettere la gara dei giallorossi. Dopo 19′ di tanta sostanza e poca qualità, il difensore greco Manolas concede a Thereau un pallone facile per infilarsi in area di rigore, sbagliando clamorosamente il rinvio. L’attaccante francese tira contro De Sanctis, ma il più veloce di tutti a fiondarsi sul pallone è Perica, che trova la prima rete in serie A. Il 19enne croato, in prestito dal Chelsea, festeggia con i compagni un vantaggio forse insperato. La Roma si fionda in attacco ma è imprecisa. Un tiro di Nainggolan è ribattuto in angolo, Yanga-Mbiwa salta due uomini ma calcia alto. L’assedio giallorosso prosegue, spesso con confusione ma non manca l’impegno per ritrovare il pari. Due occasioni per Ibarbo, ma il colombiano spreca la prima (conclusione a lato) e tira addosso a Karnezis dopo un ottimo dribbling nella seconda. L’Udinese attende, mantenendo alta la densità in mezzo al campo, e riparte quando può. Come al 44′ quando i friuliani, partiti in contropiede, con Allan in possesso di palla, falliscono l’azione dello 0-2. La Roma, troppo sbilanciata, non paga dazio e anzi viene premiata con il gol del pareggio. L’azione più bella del match per i giallorossi nasce da uno scambio Pjanic-Totti, il Capitano giallorosso pesca Nainggolan in area, tiro sotto la traversa del belga. Uno a uno e, dopo una traversa di Guilherme su punizione, arriva il doppio fischio di Banti.

QUANTI RISCHI, MA ARRIVANO TRE PUNTI – La ripresa si apre subito con un’azione pericolosa dell’Udinese: la Roma si fa trovare inspiegabilmente sbilanciata in avanti, ne approfitta Badu che scappa verso l’area difesa da De Sanctis, ma De Rossi è provvidenziale in scivolata. Un’altra occasione di Thereau, su errore di Yanga-Mbiwa, viene sventata da De Sanctis. Davvero troppe le disattenzioni difensive della Roma: tanto impegno ma pochissima attenzione tattica e concentrazione. Problemi su cui Garcia dovrà interrogarsi a lungo. Al 63′ ancora i friulani, Allan arriva davanti a De Sanctis ma Yanga-Mbiwa rimonta salvando il risultato. Un minuto dopo i giallorossi trovano il raddoppio. Pallone in mezzo, senza troppe pretese, di Nainggolan: Heurteaux buca l’intervento, Widmer lisca, Torosidis anticipa Karnezis e segna il 2-1. Il risultato rassicura i giallorossi, forse troppo, così l’Udinese tenta di rimontare lo svantaggio, prendendo in mano il gioco. Le occasioni migliori sono comunque giallorosse. Nainggolan di tacco, su assist di Iturbe, impegna Karnezis (migliore in campo) che devia sul palo. Cholevas all’85’ spedisce sulla traversa, da posizione ravvicinata, l’occasione per chiudere la partita. Ancora qualche minuto di sofferenza finale, poi la Roma può liberare la tensione con un’esultanza che, comunque, non cancella i problemi di una squadra apparsa confusa e disattenta. Il +1 sulla Lazio è un margine minimo di vantaggio, la corsa al secondo posto si giocherà tutta probabilmente la prossima settimana con l’attesissima stracittadina.

ROMA-UDINESE 2-1 (1-1)

Marcatori: 19′ Perica (U), 45′ Nainggolan (R), 65′ Torosidis (R)

ROMA (4-3-3): De Sanctis 6.5; Torosidis 6.5, Manolas 5, Yanga-Mbiwa 5.5, Cholevas 6; Pjanic 6 (87′ Ljajic SV), De Rossi 6.5, Nainggolan 7; Ibarbo 6, Totti 5.5 (74′ Keita SV), Iturbe 5.5 (82′ Doumbia SV). A disp.: Skorupski, Lobont, Cole, Balzaretti, Astori, Pellegrini, Uçan, Paredes, Sanabria. All. Garcia

UDINESE (4-3-1-2): Karnezis 7; Widmer 5, Danilo 6, Heurtaux 6; Piris 5.5 (73′ Bruno Fernandes SV), Allan 6.5, Pinzi 5.5, Badu 6.5; Guilherme 6 (82′ Geijo SV); Perica 6.5 (66′ Kone 6), Thereau 6.5. A disp.: Scuffet, Meret, Neuton, Bubnjic, Heurtaux, Gabriel Silva, Pasquale, Aguirre, Geijo. All. Stramaccioni

Ammoniti: Piris (U), Heurtaux (U), Nainggolan (R), Torosidis (R), Ljajic (R)

Arbitro: Banti

Spettatori: 35.720

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *