Sassuolo Milan 3-2: il Berardi show (parte II) condanna i rossoneri all’ennesima sconfitta stagionale

Domenico Berardi

Reggio Emilia – Ancora Berardi: dopo il poker rifilato al Milan nel 4-3 dello scorso anno, il giovane talento neroverde mette a segno la tripletta che consente al Sassuolo di battere i rossoneri (per la terza volta in quattro incontri di serie A) nel match delle 12:30 valido per il 36^ turno. I rossoneri hanno disputato una partita discreta, ma hanno sofferto tantissimo le iniziative di Berardi e la velocità del tridente di Di Francesco. Il Sassuolo si dimostra tra l’altro scatenato contro le milanesi quando gioca il lunch match: precedentemente aveva già battuto l’Inter per 3-1. Per il Milan si tratta dunque dell’ennesima sconfitta stagionale, che incide molto sul morale dei tifosi, ma poco quanto niente sulla stagione e sulle decisioni che verranno prese a fine anno.

Primo tempo – Poche sorprese nei due schieramenti iniziali: nel Sassuolo l’unica novità è la presenza del giovane Fontanesi al posto di Vrsaljko, che ha accusato un problema fisico nel riscaldamento; nel Milan, Alex recupera e gioca al posto di Mexes. Partita inizialmente condizionata dal gran caldo, come dimostra il ritmo blando dei primi dieci minuti. Al 13′ arriva il gol fantasma di Berardi: tiro insidioso dalla lunga distanza del giovane fantasista sul quale Diego Lopez si oppone in maniera goffa e pallone che sembra varcare la linea di porta prima del salvataggio dello stesso portiere. Inizialmente l’arbitro non concede il gol, poi l’arbitro di porta Damato comunica a Guida che il pallone avrebbe superato la linea: l’impressione però è che non tutta la sfera sia entrata in rete. L’Emilia continua a portare davvero sfortuna al portiere spagnolo,dopo le quattro reti subite a Parma. Il Milan, in maniera disordinata e nervosa, prova a reagire ma lascia grossi spazi alle ripartenze dei padroni di casa. Al 31′ arriva così il 2-0: lancio in profondità di Missiroli, Berardi brucia i due centrali e infila con un tiro di prima Diego Lopez. I rossoneri reagiscono con Van Ginkel che va vicino al gol, Bonaventura che trova la rete al termine di una bella percussione con un tocco stile calcetto, Honda (parata di Consigli) e Destro. Si va al riposo sul 2-1 per i padroni di casa, anche se un pareggio sarebbe stato probabilmente più giusto viste le occasioni da rete.

Eusebio Di Francesco

Secondo tempo – Il pareggio arriva però nei primissimi minuti nella ripresa. Alex, su un cross preciso di Suso (che aveva preso il posto di Abate, uscito per infortunio), anticipa di testa Consigli e trova la rete del momentaneo 2-2. Il Milan sembra avere la possibilità di portare a casa addirittura la vittoria, ma ancora una volta Guida prende una decisione controversa a danno dei rossoneri: per un tocco di mani, intento solo a proteggere il volto, l’arbitro espelle Bonaventura per doppia ammonizione. Il Sassuolo ricomincia così ad attaccare andando vicino al gol con Sansone e poi trovando il 3-2 con Berardi: azione di Floro Flores che mette in mezzo un interessante pallone, tocco di Zaza e gol del mattatore di giornata. Da quel momento fioccano solo polemiche più che occasioni: Berardi chiede veementemente un rigore, Honda viene ammonito per simulazione, El Shaarawy (al ritorno in campo dopo l’infortunio) si prende un giallo gratuito per proteste reiterate ed infine Suso viene espulso per un fallo inutile e pericoloso a centrocampo al 94′. Altro giro, altra sconfitta per i rossoneri: la quarta nelle ultime cinque uscite (unica vittoria contro la Roma). Ormai c’è davvero poco da salvare in questa stagione per il Milan, mentre il Sassuolo festeggia nel migliore dei modi una meritata salvezza. Nel prossimo turno il Milan affronterà il Torino, il Sassuolo invece sfiderà in trasferta l’Udinese.

 789102_heroa

Tabellino

SASSUOLO (4-3-3) Consigli; Fontanesi (dal 74′ Magnanelli), Acerbi, Cannavaro, Peluso; Biondini, Missiroli, Taider (dal 61′ Brighi); Berardi, Zaza, N.Sansone (dal 70′ Floro Flores). A disposizione: Pomini, Celeste, Longhi, Natali, Bianco, Chibsah, Floccari, Lazarevic. Allenatore: Eusebio Di Francesco

MILAN (4-3-3) Diego Lopez; Abate (dal 46′ Suso), Alex, Paletta, Bonera; Poli, De Jong, Van Ginkel; Honda (dal 79′ El Shaarawy), Destro (dal 68′ Pazzini), Bonaventura. A disposizione: Abbiati, Gori, Zaccardo, Bocchetti, Mexes, Albertazzi, C.Zapata, Mastalli. Allenatore: Filippo Inzaghi

Reti: 13′ Berardi, 31′ Berardi, 33′ Bonaventura, 51′ Alex, 78′ Berardi

Ammonizioni: Missiroli, Consigli (S), Bonera, Honda, El Shaarawy, Paletta (M)

Espulsioni: Bonaventura (doppia ammonizione) e Suso (M)

Arbitro: Guida

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *