Tennis, Roma: Un Novak Djokovic insuperabile cala il poker. Maria Sharapova il tris

Il centrale del Foro Italico gremito per gli Internazionali Bnl d'Italia
Il centrale del Foro Italico gremito per gli Internazionali Bnl d'Italia

ROMA – Gli Internazionali Bnl d’Italia si concludono con il solito copione di questo inizio di stagione, con Novak Djokovic che alza al cielo il suo quarto Master 1000 (su 4 disputati) e si dimostra al momento insuperabile. In finale sconfitto un ottimo Roger Federer in due set. Porta bene anche a Maria Sharapova l’aria romana, con la russa che trionfa per la terza volta nel torneo italiano, questa volta battendo in rimonta una formidabile Carla Suarez Navarro.

MASTER 1000 – E’ sempre lui il vincitore. Ormai il copione di questo 2015 si ripete in continuazione e anche a Roma non poteva che essere così. Novak Djokovic gioca una settimana in crescendo e dopo aver lasciato per strada un set nelle prime tre partite con Almagro, Bellucci e Nishikori, alza il suo livello battendo prima David Ferrer in semifinale e poi Roger Federer in finale, entrambi in due parziali. Una finale che dopo la prima mezz’ora diventa a senso unico. L’elvetico, che fino a qui aveva disputato un torneo senza macchie, regge fino al 4-4 e 0-30 in suo favore, quando poi Nole mette la quinta e se ne va. Prima due ace, poi due vincenti, gli permettono di tenere il turno di servizio (5-4) e subito dopo trasforma l’unica palla break avuta per chiudere la prima partita (6-4). Roger non trova le contromisure e finisce sotto anche nel secondo per 3-0, salvandosi da un umiliante 4-0. Il serbo si limita a tenere i suoi turni di battuta senza grossi problemi e dopo un’ora e 15 minuti di gioco, chiude in suo favore per 6-4, 6-3.

nole-roma-2014
Novak Djokovic si gode l’ennesimo trionfo di questo 2015

INSUPERABILE Novak Djokovic si sta avvicinando alle 150 settimane in testa al ranking Mondiale, ma al momento viene da pensare chi può impensierirlo. Nel 2015 il tennista serbo ha perso solamente due partite (nei tornei meno importanti, in un 250 e un 500), vincendone invece 35 (striscia aperta di 22 consecutive). Tante vittorie che l’hanno portato a trionfare nel primo Slam della stagione a Melbourne, dove ha conquistato per la quinta volta agli Australian Open. La sua superiorità gli ha permesso di vincere tutti i Master 1000 fin qui disputati (assente a quello di Madrid, Murray ringrazia!), ovvero Indian Wells, Miami, Montecarlo e ora Roma. La sua bacheca in poco tempo si riempie di trofei di prestigio e nei 53 titoli totali ci sono ben 24 Master 1000.

PREMIER FIVE – Per la terza volta in carriera Maria Sharapova trionfa al Foro Italico. La tennista russa torna a vincere a Roma dopo i successi nel 2011 e 2012, questa volta battendo una sorprendente Carla Suarez Navarro. La tennista 27enne ha approfittato alla grande degli intoppi avuti dalle sue avversarie, arrivando in finale senza mai affrontare una top ten. Nell’ordine ha sconfitto Gajdosova, Jovanovski, Azarenka e la connazionale Gavrilova, prima di giungere all’atto conclusivo. La sua rivale per il titolo, invece, ha disputato una settimana di tennis di altissimo livello che gli ha permesso di sconfiggere avversarie del calibro di Bouchard, Kvitova e Halep. Nella finale l’iberica nel primo set si è fatta sorprendere dallo spettacolare gioco della spagnola (4-6) che è arrivata fino al 5-5 nel secondo parziale. Qui Sharapova ha inserito una marcia in più e in due ore e 36 minuti ha trionfato per 4-6, 7-5, 6-1, conquistando il suo 35esimo titolo in carriera. Da oggi, la russa riscavalca Halep in classifica, ritornando al numero due del mondo.

sharapova-roma-2015-2
Maria Sharapova, 27 anni, manda il consueto bacio al pubblico dopo le sue vittorie

Ora settimana di transizione per i due circuiti. Si stanno già disputando da ieri due Atp 250 a Ginevra e Nizza, mentre due International sono in corso a Strasburgo e Norimberga. Questa sarà una settimana per scaldare i motori in vista dell’appuntamento che prenderà il via ufficialmente lunedì 25 maggio, il Roland Garros, secondo slam stagionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *