Bologna, il punto sul mercato

Sampdoria's Luca Rizzo jubilates after scoring the 2-0 against Fiorentina during the Italian Serie A match between Uc Sampdoria and Ac Fiorentina at the Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 02 november 2014. ANSA/LUCA ZENNARO

PUNTO – A quasi due settimane dalla promozione del Bologna in serie A, Pantaleo Corvino è al lavoro per costruire una rosa competitiva; quanto meno, il primo anno, per una tranquilla salvezza. In 10 giorni decine di giocatori sono stati accostati ai rossoblu, ed è assai difficile distinguere quelle che sono solo offerte di procuratori a caccia di una commissione, e di società bisognose di monetizzare, dalle effettive trattative di mercato. Il lavoro del ds rossoblu è assai complicato, perché da un lato il tempo stringe, essendo il Bologna l’ultima squadra ad aver avuto la certezza della serie A e il mercato in entrata non aspetta; i giocatori buoni si prendono adesso, e su di loro la concorrenza è forte. Nello stesso tempo, Corvino sta giustamente lavorando in prospettiva, trattando giocatori giovani, piuttosto che nomi altisonanti spesso a caccia dell’ultimo ingaggio importante, ma non si sa quanto motivati e fisicamente idonei. Più avanti capiteranno le occasioni, gli esuberi delle grandi, e bisognerà anche pensare al mercato in uscita, ma il Bologna deve fare presto, anche per consentire a Delio Rossi di partire per il ritiro estivo con buona parte della rosa completata, e per dare impulso alla campagna abbonamenti, con la tifoseria ancora ebbra di entusiasmo per il ritorno nella massima serie.

TRATTATIVE – Attualmente gli acquisti ufficiali del BFC sono 2, il centrale difensivo Rossettini, e il non ancora 17enne centrocampista Diawara, prelevato dal San Marino. Nel momento in cui scriviamo, sembra anche in dirittura d’arrivo la trattativa per il centrocampista, classe 1992, Luca Rizzo, dalla Sampdoria. Ottimo prospetto, seguito in passato anche dalla Juve, Rizzo aveva iniziato la stagione da titolare con i blucerchiati, poi un infortunio lo ha fatto arretrare nelle rotazioni di Mihailovic. Le trattative con il ds doriano Osti sono fittissime; Corvino deve infatti definire le posizioni di Kristicic e Sansone, per il riscatto dei quali la cifra prestabilita è 6 milioni di Euro e il Bologna si aspetta uno sconto, e parlare dell’attaccante Stefano Okaka, che però ha sparato troppo alto come richiesta di ingaggio. Ci sono anche da considerare le difficoltà economiche in cui, pare, si dibatte il patron Ferrero, e le necessità quindi di fare cassa; siccome la Samp è interessata all’attaccante francese del Cesena Defrel, obbiettivo primario fin da gennaio di Corvino, acquistando Okaka e riscattando Kristicic (su Sansone pare ci sia meno interesse), anche con uno sconto, di fatto il Bologna porterebbe Defrel alla Samp. Vedremo gli sviluppi

ALTRI – Il Napoli ha chiesto Oikonomou, offrendo l’ex Britos e soldi. Bisogna capire quanti, ovviamente, ma a occhio non ci sembra un’operazione positiva, almeno a livello tecnico. Prosegue la caccia alla prima punta; tanti i nomi associati, da Pazzini ad Abel Hernandez, dallo sloveno Mandic, protagonista agli ultimi mondiali under 20, allo juventino Coman, oltre al già citato Okaka e all’ex Osvaldo. Paiono esclusi cavalli di ritorno come Diamanti e Gilardino, mentre potrebbe esserci un interesse per Gaston Ramirez, che non ha mai sfondato nella premier, ed è stato pure retrocesso con l’Hull city, anche se il suo cartellino è ancora di proprietà del Southampton. Sempre viva la pista Ilicic, che a gennaio rifiutò di scendere di categoria, ma la Fiorentina per ora chiede 7 milioni di euro e Corvino attende ribassi. In stand by la pista Pjaca, su cui hanno messo gli occhi anche le grandi, ma è caratteristica di Corvino lavorare a fari spenti, quindi occhio alle sorprese. Infine, il portiere; per Storari sembrava fatta ma l’attuale secondo di Buffon pretende un biennale e il Bologna, per un 38enne, offre un contratto di un anno. Alternative il milanista Agazzi, e, nelle ultime ore, il protagonista della promozione del Carpi, anch’egli di proprietà del Milan, Gabriel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *