Mercato serie B: il Cagliari vuole il ritorno veloce in A, mentre Avellino e Pescara vogliono riprovarci, il Bari si rafforza, la Salernitana si organizza

CAGLIARI ALLA CACCIA DEL RITORNO IMMEDIATO IN A, AVELLINO E PESCARA CI RIPROVANO – Molto attivo sul mercato il Cagliari, che ha tutte le intenzioni di risalire il prima possibile in massima serie, e, per farlo, punta a pezzi di sicuro valore ed esperienza. Primo colpo è stato l’arrivo di Melchiorri, uno dei pezzi migliori dell’ultimo bel campionato del Pescara, protagonista sia durante la fase regolare che durante i play off, quando, in finale, in pieno recupero, ha colto la traversa sul campo del Bologna, fallendo, per pochi centimetri, la promozione per la sua squadra. Assieme a lui, sull’Isola arriva anche l’attaccante Marco Fossati, scuola Milan, l’ultima stagione al Perugia. Forti gli interessamenti per Giannetti dello Spezia, sempre per l’attacco, di Schiavi, per la difesa, di proprietà del Frosinone, ma nell’ultimo scorcio di stagione nelle file del Catania, e di Sebastien Frey per la porta, con il giocatore, attualmente in forza al Busaspor, che vedrebbe di buon grado un ritorno in Italia. Non sta a guardare neanche l’Avellino, uno dei delusi dell’ultimo turno di play off, fermato in semifinale dal Bologna, e che, per la nuova carica alla A decide di affidare la panchina a Tesser. I lupi hanno chiuso per l’acquisto di due ’94: Maxime Giron, terzino sinistro, di proprietà della squadra francese del Clermont, ma in forza al Chieti, in Serie D, la scorsa stagione, dove si è segnalato tra i migliori interpreti del ruolo, e Tommaso Bianco, portiere, proveniente dal Delta Porto Tolle. Intanto si intensifica l’interessamento per Tavano, che, nonostante il rinnovo con l’Empoli potrebbe svincolarsi per tornare in B, per Gagliardini, di proprietà dell’Atalanta, l’ultima stagione allo Spezia, e per Cascione, centrocampista, l’ultima stagione al Cesena. Quasi fatto, invece, per il prestito di Roberto Insigne, fantasista classe ’94, fratello di Lorenzo, di proprietà del Napoli. Chi alla A c’era arrivato ancor più vicino, il Pescara, ha tutte le intenzioni di riprovarci. Per questo, intanto, ha confermato il condottiero dei play off, Oddo, in panchina. Poi ha risolto a proprio favore la comproprietà con la Roma di Caprari, uno dei protagonisti della stagione ed ha confermato il prestito del portiere Fiorillo dalla Juve. Quindi ha completato l’acquisto del centrocampista Gianluca Barba, di proprietà dell’Atalanta, l’ultima stagione alla Pro Piacenza, operazione che potrebbe facilitarne un’ulteriore, ovvero lo scambio, sempre con i nerazzurri, tra Bjarnason, diretto a Bergamo, e Ardemagni, in direzione contraria.

Image and video hosting by TinyPic
Prime immagini di Melchiorri in rossoblu

GALLETTI SCATENATI, AQUILE AL LAVORO – Il Bari vuole riscattare la deludente stagione, chiusasi in anticipo, senza mai un reale coinvolgimento nella lotta per i posti che contano. Confermato in panchina Nicola, il primo colpo è stato l’arrivo di Savvas Gentsoglou, centrocampista greco, ex Samp, Livorno e Spezia, proveniente dalla squadra greca dell’Ergotelis, che ha firmato un triennale con la società di Paparesta. Quindi sono arrivati anche Giuseppe Gemiti, difensore tedesco, da tre anni in forza al Livorno, e Davide Di Gioia, centrocampista di 19 anni, prelevato dal Lecco. Il presidente barese è alla finestra anche per la situazione del Catania e punta decisamente a giocatori in forza ai siciliani, come Calaiò e Martinho, ma non abbassa l’interesse neanche per Di Gennaro, la scorsa stagione a Vicenza, Laribi, di proprietà del Sassuolo, dove torna dopo aver conquistato la A col Bologna, e Cacia, che alla fine dello scorso campionato ha dimostrato di non rientrare nei piani di Delio Rossi. Praticamente impossibile rivedere, invece, Schiattarella con la maglia biancorossa perché i galletti non sono intenzionati a riscattare il giocatore, considerando troppi i 150mila euro chiesti dallo Spezia. Il giocatore, difficilmente, comunque, resterà in maglia bianconera, non rientrando nei piani di Bjelica. Intanto i liguri, che non dovrebbero fare rivoluzioni epocali come nelle ultime stagioni, sembrano vicinissimi a chiudere per Camillo Ciano,  attaccante di proprietà del Parma, ma la scorsa stagione in forza al Crotone, dove ha ben figurato, mentre risolvono a proprio favore la comproprietà con l’Atalanta di Nicola Madonna, l’ultimo reduce della promozione e del triplete di tre stagioni fa (ora sulle sue tracce c’è l’Avellino), e riscattano Juri Cisotti. Poi la dirigenza aquilotta, mentre lavora per riuscire a trattenere Situm, bussa alla porta del Palermo per avere Terzi, che sembrava già vicinissimo durante il mercato invernale, e il centrocampista Bolzoni.

Image and video hosting by TinyPic
Gentsoglou alla firma in sede del Bari

LA SALERNITANA SI PREPARA ALLA B – La Salernitana vuole ben figurare dopo il trionfale ritorno in cadetteria, quindi è attiva sul mercato per allestire una rosa all’altezza. Intanto non ha confermato il tecnico della promozione Menichini, per affidare la panchina a Vincenzo Torrente. Quindi sonda il terreno per giocatori importanti in varie zone del campo: in porta, per venire incontro alla squalifica di Gori, si pensa al secondo di Perin, Eugenio Lamanna, mentre per la difesa si punta su Martino Borghese, di proprietà dello Spezia, l’ultima stagione al Varese, dove ha segnato anche 5 gol; a centrocampo si fa il nome di Raggio Garibaldi del Mantova, mentre per l’attacco si punta a due importanti svincolati, ovvero Galabinov, che ha rescisso col Livorno, e Palladino, libero dopo il fallimento del Parma.

Image and video hosting by TinyPic
La presentazione del nuovo tecnico

ALTRE OPERAZIONI – Anche se le parti sembravano lontanissime, e diversi nomi venivano fatti per la successione, Marino resta il tecnico del Vicenza, così ora potrà cominciare la campagna acquisti, che, intanto, vede l’arrivo di Francesco Orlando, esterno offensivo in forza al Chieti. Colpo del Livorno che si accaparra Comi, in prestito dal Milan, lo scorso campionato in forza all’Avellino, che ha condotto i lupi alla semifinale play off, segnando il gol vittoria nei supplementari del preliminare con lo Spezia. Il Latina fa firmare un triennale a Francesco Signori, centrocampista del Modena, mentre accoglie il ritorno di Jefferson dal Livorno, già nerazzurro qualche stagione fa. Panchine calde a Novara e Modena: i piemontesi ufficializzano l’arrivo di Marco Baroni, l’ultima stagione al Pescara, prima dell’esonero ad un paso dai play off, mentre gli emiliani devono decidere i successori di Pavan e Melotti e sulla bilancia mettono due ex giocatori di Serie A, ovvero Hernan Crespo, reduce dall’esperienza con la Primavera del Parma, e Paolo Montero, che ha allenato il Penarol. Il Crotone fa la spesa tra gli svincolati del Parma e porta a casa il portiere Alex Cordaz e il difensore Marco Ferrari. E sempre riguardo il Parma, il Cesena risolve a proprio favore la comproprietà con i gialloblu di Gregoire Defrel. Intanto i bianconeri sono anche vicini all’acquisto dell’attaccante Lorenzo Rosseti dell’Atalanta. Infine il Lanciano non eserciterà diritto di riscatto per Monachello, che, quindi farà ritorno al Monaco, da cui potrebbe ripartire per l’Italia, destinazione Carpi o Chievo, mentre è pronto a chiedere il ritorno, in prestito, di Thiam, dopo che la Juventus lo ha riscattato completamente, pur intenzionata a mandarlo a farsi le ossa in giro.

Image and video hosting by TinyPic
L’arrivo di Comi a Livorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *