Copa América 2015: Cile e Argentina in semifinale tra tante difficoltà. Nella notte clamorosa eliminazione del Brasile

Tanta fatica per le big in questi quarti di finale che si concludono con la clamorosa esclusione del Brasile per mano del Paraguay. Fatica soprattutto l’Argentina che per liberarsi della Colombia deve arrivare fino ai calci di rigore mentre il Cile riesce a sbloccare la gara a pochi minuti dal termine grazie alla rete di Isla. Le due semifinali saranno Cile – Perù e Argentina – Paraguay, la finale di questa Copa América  sembra già scritta ma in questa competizione le sorprese non sembrano finire mai.

Botte, simulazioni e il gol finale di Isla, questo è il miglior modo per sintetizzare quello che è successo tra Cile e Uruguay. La Roja, dopo una partita durissima e tiratissima, è riuscita a piegare i campioni in carica grazie al centrocampista bianconero. I padroni di casa in semifinale affronteranno il sorprendente Perù che nella gara contro la Bolivia ha stravinto grazie alla tripletta di Guerrero. Sarà una semifinale tutto da vivere e per niente scontata, il Cile inizia a sentire la pressione del paese che vede la possibilità di alzare la Copa América per la prima volta nella storia ma di fronte troverà un Perù che è già andato oltre le sue aspettattive e può giocare relativamente più libero, continuando a sognare grazie allo stato di forma dei suoi attaccanti. I padroni di casa possono contare su un ritrovato Vidal, capitano e trascinatore della Roja, mentre la squadra di Gareca aveva già impressionato nel debutto contro il Brasile e ora non ha intenzione di fermarsi ad un passo dalla finale.

Vidal cile

Brasile – Argentina, la partita che tutti volevano non ci sarà. Nell’ultimo quarto di finale la squadra di Dunga viene eliminata dal Paraguay, già finalista nell’ultima edizione, e deve dire addio alle possibilità di vittoria. Il Brasile era passato in vantaggio nel primo tempo grazie al gol di Robinho salvo poi farsi riprendere nella seconda frazione di gioco. La partita finita sul risultato di 1 a 1 si è decisa ai calci di rigore e per la squadra di Dunga sono stati fatali gli errori di Everton Ribeiro e Douglas Costa.
Può sorridere invece l’Argentina che nella gara con la Colombia domina nella prima frazione di gioco costruendo tanto ma trovandosi davanti un Ospina in versione superman. Alla distanza invece esce la squadra di Pekerman che costruisce un paio di occasioni potenziali senza però impensierire mai Romero. La gara, finita 0 a 0, si decide ai calci di rigore: fatale l’errore del neo interista Murillo che permette a Tevez di regalare la semifinale.

Tevez Argentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *