Il Toro riparte da Bormio, senza Darmian ma con Baselli e Zappacosta

BORMIO – Da qualche giorno è iniziato il ritiro estivo del Toro nella quiete della Valtellina; i lavori procedono, ma c’è anche il tempo di pensare al mercato fatto ed a quello ancora da fare.

UN DARMIAN IN MENO, UN BASELLI E UN ZAPPACOSTA IN PIÙ – Era nell’aria. Forse è arrivato un po’ dopo il previsto, tant’è che i tifosi granata hanno sperato nella sua permanenza. La partenza del nazionale per Manchester è stata comunque vissuta con “sportività” dalla società e dai tifosi stessi, fermo restando che quel vuoto sul campo sarà difficile da riempire. D’altra parte un segnale confortante, anche per i giovani italiani: dopo tre acquisti stranieri (Avelar, Acquah ed il mancato Bjarnason) l’arrivo di Baselli e Zappacosta dovrebbe aiutare a riempire il suddetto vuoto in difesa ed anche quello in cabina di regia.

COSA MANCA IN TAVOLA? – Il problema del Toro resta la cabina di regia e l’attacco, praticamente gli stessi dell’anno scorso. El Kaddouri non c’è più e comunque non aveva convinto, mentre là davanti non si può sempre e solo contare sui generosissimi Quagliarella e Maxi Lopez. I nomi dei rinforzi girano, Belotti in primis, ma Zamparini sembra poco intenzionato a cederlo almeno per ora. Chi vivrà vedrà, come sempre. Intanto passano i giorni a Bormio, a cui seguirà il ritorno a Sisport e altre due settimane a Chatillon in Valle d’Aosta. Nel frattempo i tifosi sperano che gli ultimi pezzi promessi arrivino, e che il Toro possa tornare a sognare l’Europa riassaporata quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *