Il Pipita riabbraccia Napoli. Intanto lo “shopping” continua…

DIMARO (TRENTO) – Ore 9.44, un lunedì di fine Luglio, un giorno qualunque per molti, attesa, trepidazione, poi i cori e la festa, per altri. Il tutto fa rima con “bentornato Gonzalo!”. Dai mugugni agli applausi il passo è breve, per ulteriori conferme (semmai ce ne fosse il bisogno) rivolgersi ad Higuain. Era il 31 maggio, era Napoli – Lazio, l’argentino sbaglia il rigore che avrebbe spedito i partenopei ai preliminari di Champions e il San Paolo si scaglia contro quest’ultimo. Poi la partenza per la Coppa America con la Selleción (con tanto di finale persa e un altro rigore fallito), la rottura, seppur verbale, con ADL, le voci di un addio imminente, le clausole, i milioni…niente di tutto questo. Due mesi dopo il Pipita torna a casa da eroe voglioso di riscatto, travolto da un entusiasmo singolare. Dalle tribune “Higuain, Higuain, Higuain”…..Napoli ti ama!

Higuain, l'uomo partita.

NO STOP – Dalle conferma alla ricerca di volti nuovi. Sono giorni intensi per il DS Giuntoli alle prese con ulteriori ritocchi per rendere competitiva la rosa di Sarri. Pista numero uno: c’è Vrsaljko in dirittura d’arrivo. 9 milioni più El Kaddouri l’offerta azzurra, i neroverdi preferiscono il cash, ma secondo indiscrezioni quest’affare s’ha da fare (le alternative non mancano). Tra le novità del giorno spicca il nome di Jonathas autore di 14 reti nella scorsa Liga con l’Elche. L’ex Toro coprirebbe il buco creatosi con la partenza di Zapata verso Udine. Restano calde le strade che portano a Dragovic e Vida della Dinamo Kiev, Hysaj e Saponara dell’Empoli (e pupilli di Sarri) e Chiriches ventiseienne in forze al Tottenham. Buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *