Serie B, mercato: il Como preleva dallo Spezia, Salernitana e Bari si contendono un Maniero, Ternana, Modena, Cagliari e Perugia fanno incetta di giovani

QUEL RAMO DEL LAGO DI COMO…MOVIMENTA IL MERCATO DI AGOSTO – E’ innegabile che una delle squadre più attive in questo scorcio di calciomercato sia il Como, del tutto intenzionato a non ritagliarsi un ruolo da comprimario, ma, se possibile, a tornare ai fasti del passato. Lo dimostrano le operazioni concluse all’interno di questa settimana. Intanto il doppio colpo che ha portato due pedine importanti…dal mare al lago: provenienti dallo Spezia, infatti, arrivano a Como il difensore Nicola Madonna, l’ultimo sopravvissuto dalla promozione della squadra aquilotta dalla Lega Pro di quattro stagioni fa, che aveva saputo resistere a tutte le rivoluzioni della dirigenza spezzina di questi anni (e che, paradossalmente lascia il Golfo nell’anno in cui i liguri hanno dato fine ai ribaltoni), e l’attaccante Giulio Ebagua (foto di copertina), tornato in Liguria dopo il prestito al Bari, senza, però, chiaramente, più rientrare nei piani di un allenatore, Bjelica, con cui la scorsa stagione ebbe anche uno scontro verbale dopo l’approdo ai galletti. Entrambi arrivano il Lombardia, a titolo definitivo, con desideri di rivalsa: il difensore per la sfortuna che l’ha colpito in queste stagioni, relegandolo troppo spesso in infermeria e permettendogli di mettere insieme solo qualche manciata di presenze stagionali, l’attaccante per lo stuolo di polemiche che accompagnò la scorsa stagione, dalle accuse di scarsa professionalità di inizio campionato, alle panchine allo Spezia, al tumultuoso passaggio al Bari con lo scambio di battute al veleno con il suo ex allenatore, ai primi gol con “dedica” seguiti, però, da un digiuno protrattosi fino a fine stagione (5 gol in totale, di cui 3 con lo Spezia e 2 con il Bari), alle tribune forzate in Puglia per motivi disciplinari, fino al disinteresse alla sua conferma sia da parte degli aquilotti che dei galletti. Da non sottovalutare, poi, l’approdo tra i pali di uno dei giovani portieri più promettenti del panorama nazionale, quel Simone Scuffelt, di cui, da anni, si dice un gran bene, e che arriva da Udine per raggiungere la completa maturità. Sempre sull’asse Como-Udine, poi, potrebbe arrivare l’esterno Marco Davide Faraoni, ex giovane promettente della Primavera dell’Inter, con esperienze nella stessa Udinese, all’estero nel Watford e, nella seconda parte della scorsa stagione, in B nel Perugia. Altro possibile arrivo è quello di Jherson Vergara, ventunenne centrale colombiano, in prestito dal Milan.

Image and video hosting by TinyPic
Nicola Madonna, a Como in cerca di riscatto

IL MANIERO CONTESO – Non una disfida medievale, ma il testa a testa, che sta vivacizzando questa fase del mercato, per far proprie le prestazioni dell’attaccante Riccardo Maniero, tra il Bari e la Salernitana. Il giocatore, che l’anno scorso cominciò alla grande la stagione a Pescara, passando, un po’ a sorpresa, al Catania durante il mercato invernale, per vivacizzare l’attacco di una squadra siciliana in difficoltà, la quale, però, nonostante i suoi gol, non uscì mai davvero dalla crisi, sembrava aver trovato un accordo con i galletti per un biennale con opzione per il terzo e le firme venivano annunciate imminenti, salvo, poi, subire un’improvvisa e inaspettata frenata per l’inserimento della Salernitana, che, a quanto punto, parrebbe la squadra destinata a spuntarla, anche per le preferenze dello stesso giocatore. La squadra pugliese ha comunque già pronta una possibile alternativa, visto che pare molto vicino il passaggio in maglia biancorossa dell’attaccante del Bologna Rolando Bianchi e, intanto, una sfida la vince, visto che batte il Cagliari nella corsa a Valerio Di Cesare, il ventitreenne difensore del Brescia, uno dei pochi dal rendimento alto nonostante la stagione poco esaltante delle rondinelle nel campionato appena concluso. E visto, che, però, evidentemente, a Bari piacciono le telenovele, prosegue quella con lo Spezia (e pare destinata a non trovare uno sbocco) per Pasquale Schiattarella: il giocatore, di proprietà dello Spezia, ma in prestito, a gennaio, in Puglia, non rientra più, chiaramente, nei piani della squadra di Bjelica, che, quindi se ne separerebbe volentieri, così come parrebbe disponibile il Bari ad integrarlo nei suoi ranghi, dopo il, comunque, buono scorcio di stagione, salvo però, a quanto pare, arenarsi tutto su una buonuscita (o un incentivo al trasferimento, a seconda di da che parte la si guardi) che nessuna delle due squadre sarebbe disposta a sobbarcarsi. Per ora tutto è bloccato e i silenzi dell’entourage del giocatore non aiutano a capire come andrà a finire. Dal canto suo, la Salernitana prosegue il suo lavoro di rafforzamento della rosa, confermandosi una delle più attive del mercato. Agli arrivi di Troianiello, Schiavi e Sciaudone, di queste ultime settimane, infatti, la dirigenza granata spererebbe di poter aggiungere quelli di Francesco Lodi dal Catania, un piccolo sogno per i campani, molto difficile a realizzarsi, ma non impossibile, del ventunenne difensore Valerio Nava dell’Atalanta (con cui sostituire il centrale Antonio Bocchetti che dovrebbe essere ceduto alla Juve Stabia) e di Emanuele Pesoli, trentaquattrenne difensore del Pescara, reduce da una buona stagione in Abruzzo, che potrebbe portare un carico di esperienza fondamentale per la retroguardia granata. In uscita, pare certa la partenza dell’attaccante Caetano Calil, uno degli artefici della promozione, che potrebbe entrare in uno scambio con la Juve Stabia per il ventiquattrenne terzino sinistro Sergio Contessa. Infine, sull’asse delle due squadre menzionate in questo paragrafo, potrebbe realizzarsi il passaggio in maglia granata del centrocampista Marino Defendi, ventinovenne giocatore del Bari, richiesto esplicitamente da Torrente, che fu proprio l’artefice del suo approdo in Puglia 4 anni fa.

Image and video hosting by TinyPic
Il conteso attaccante Maniero

TERNANA, MODENA, CAGLIARI E PERUGIA A CACCIA DI GIOVANI – La Ternana è alla ricerca di un portiere: pare esserci una trattativa ben avviata con il Catania per Alberto Frison, ventisettenne estremo difensore, che ha diviso la scorsa stagione tra i siciliani, in cui ha messo insieme 15 presenze, e la panchina della Samp, e che sarebbe la prima scelta della squadra rossoverde, la quale, comunque, starebbe monitorando anche l’esperto Alberto Pomini, in uscita dal Sassuolo. Intanto fa incetta di giovani: dalla Primavera della Lazio arriva il ventitreenne centrocampista Enrico Zampa; dal Perugia è stato ingaggiato l’esterno sinistro classe ’96 Alessio Lo Porto; trovato l’accordo con il Palermo per il prestito del diciannovenne difensore Davide Monteleone; dal Cittadella arriva in prestito il ventiduenne centrocampista Massimiliano Busellato; infine, dalla Primavera dell’Inter arriva Niccolò Belloni, ventunenne centrocampista di destra. Invece, per portare un po’ di esperienza, è in trattativa, sempre col Catania, per il centrocampista Manuel Coppola, classe ’82, con un passato in Genoa, Parma, Torino e Cesena. Anche il Modena è a caccia di giovani. Intanto deve risolvere la grana Hiwat: il trasferimento della forte ala olandese classe ’96, che la scorsa settimana veniva dato per certo, ha subito una brusca frenata per problemi burocratici, che, al momento, tengono l’operazione in stand-by. Invece, dopo un periodo di osservazione, che ha convinto Crespo, la società emiliana è pronta a mettere sotto contratto il centrocampista uruguaiano Agustin Oliveira, classe ’92, mentre è sicuro l’arrivo dal Cagliari del ventiduenne difensore rumeno Stefan Popescu. Per quel che riguarda la squadra sarda, intanto, pare ormai cosa fatta l’arrivo, dalla Juve, dell’attaccante diciannovenne Alberto Cerri, già messosi in evidenza, a suon di gol, all’inizio della scorsa stagione nelle file del Lanciano, in cui militava in prestito dal Parma. Intanto, in uscita, è ormai cosa certa la partenza di Diego Farias, essendo sfumato l’ennesimo tentativo di accordo per il rinnovo del contratto. Il Perugia chiude per due giovanissimi: il ventiduenne portiere Alessandro Piacenti, che ha sottoscritto un contratto annuale, e il centrocampista offensivo Rocco Patrignani, classe ’99, in prestito dalla Fiorentina. Intanto è vicinissimo a mettere sotto contratto il difensore classe ’97 Andrej Simic, cresciuto nella Lokomotiv Zagabria, già nel giro delle nazionali giovanili croate. Due anche le cessioni, sempre in ambito giovanile: il ventunenne difensore Marco Baldan va in prestito al Lumezzane, il Lega Pro, mentre il portiere classe ’97 Alessandro Farroni, si aggrega al Foligno, in D.

Image and video hosting by TinyPic
Il portiere Frison, ad un passo dalla Ternana

LE ALTRE OPERAZIONI – Ufficialmente terminata la telenovela Ciano: dopo una lunga e travagliata vicenda, già ricordata più volte nelle precedenti puntate di questa rubrica, l’attaccante è ufficialmente un giocatore del Cesena. Nello stesso reparto, i romagnoli cercano il colpo d’esperienza, su espressa richiesta di Drago, ovvero l’ingaggio di Sergio Floccari, in uscita dal Sassuolo. L’ex attaccante di Lazio e Atalanta, che ha già rifiutato il Bari, sarebbe disponibile a scendere di categoria solo per approdare in bianconero, adducendo motivi familiari, ma, ad ostacolare la trattativa, oltre al possibile inserimento di qualche squadra di A, al momento c’è anche il parco attaccanti cesenate che necessita di una sfoltita. Due operazioni in entrata per il Lanciano: ha ottenuto in prestito dal Cesena il centrocampista brasiliano, classe ’91, Zè Eduardo, portato in Italia dal Parma e con trascorsi in Empoli e Padova, e ha acquistato dall’Hajduk Kula il difensore serbo classe ’96 Boris Grodzic, che ha già vestito la maglia della Primavera del Palermo. Intanto tratta per ottenere in prestito dal Cagliari il portiere ventunenne Cragno. La Pro Vercelli rinforza la difesa con l’arrivo dell’esperto  ventinovenne Elia Legati, scuola Milan, con un passato in Padova, Crotone e Carpi, la scorsa stagione al Venezia. Intanto infoltisce la schiera dei giovani: dall’Inter torna in prestito l’esterno ivoriano, classe ’98, Joane Alain Goury, mentre dalla Juve, arrivano il sedicenne difensore Luca Pecori e l’attaccante Federico Naimo. In uscita, il centrocampista Gianni Fabiano ha rescisso il contratto e probabilmente si accuserà al Venezia. Lo Spezia annuncia l’ingaggio, in prestito, del portiere, classe ’93, Simon Sluga dal Rijeka, una delle principali fonti della squadra ligure, soprattutto perché anch’essa di proprietà del patron Sergio Volpi e presieduta da Damir Miskovic, plenipotenziario dirigente della società aquilotta. Intanto tratta con il Carpi per il ritorno del difensore Simone Romagnoli, uno dei più positivi protagonisti della promozione degli uomini di Castori, che ha già militato con la maglia bianconera, seppur con risultati tutt’altro che memorabili, nella seconda parte della stagione 12/13. In uscita, è certa la partenza di Martino Borghese, ambito da Salernitana e Brescia, ma con le rondinelle in vantaggio. Il Trapani annuncia l’ingaggio, in prestito, del centrocampista brasiliano, classe ’92, Igor Coronado, dal Floriana, squadra della massima serie maltese. Intanto cede, a titolo definitivo, il ventitreenne attaccante Pierantonio Sassano all’Ancona, mentre, in prestito, vanno il centrocampista Salvatore Aloi all’Akragas e il difensore Gianluigi Salvato al Fano. Il Crotone ha ingaggiato il giovane difensore, classe ’96, Luca Bruno e si appresta a battere la concorrenza di Ascoli e Como per l’attaccante Andrea Petagna, di proprietà del Milan, lo scorso anno un’esperienza in cadetteria tra Latina e Vicenza (1 gol). Il Latina fa firmare un triennale a Federico Moretti, prelevato a titolo definitivo dal Catania. Il centrocampista classe ’88 era di proprietà dei siciliani dal 2009, ma ha avuto molte esperienze in prestito in squadre della serie cadetta, come Modena, Spezia, Padova, fino all’ultima, positivissima, stagione con la maglia del Vicenza. Il Novara annuncia un colpo per l’attacco: l’arrivo del bulgaro Andrey Galabinov, 15 gol con l’Avellino e 6 con il Livorno, in B, nelle ultime due stagioni, in Italia fin da giovanissimo, perché figlio di Assen, al tempo allenatore della Pallavolo Modena. Doppio arrivo per il Pescara: entrambi svincolati dopo il fallimento del Varese, approdano in Abruzzo il ventunenne attaccante Luca Forte, 2 gol la passata stagione nel disastroso campionato dei lombardi, e il ventiduenne difensore Riccardo Fiammozzi. Infine, il Livorno rinforza il settore giovanile, con gli arrivi di Gian Marco Regoli, classe 2000, dall’Arezzo e Federico Cerri dal Lido di Camaiore.

Image and video hosting by TinyPic
Floccari, un sogno per il Cesena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *