SERIE B, 1A GIORNATA: SI RICOMINCIA DOPO GLI SCANDALI, CESENA: SEI MINUTI PER ABBATTERE IL BRESCIA, CALCIO SPETTACOLO A BARI E SPEZIA KO, IL CAGLIARI CALA IL POKER AL CROTONE

SI RIPARTE – Dopo i tumulti della sessione di mercato estiva, riprende il via la stagione calcistica di serie B 2015/2016. Tumulti dovuti non soltanto a operazioni di marketing, ma anche a tristemente note vicende giudiziarie. Si parla di “scommessopoli”, lo scandalo che ha investito il campionato la stagione passata e che ha di fatto sconvolto i presupposti di quella attuale, che arriva (seppur con due turni di ritardo) come uno spazzaneve che sgombera tutto ciò che in estate aveva destato tanta indignazione, lasciando adesso spazio al calcio giocato. Sono tre le ripescate in Serie B (Brescia, Ascoli, Entella), fatto più unico che raro, che hanno preso il posto di Catania, Teramo (retrocesse in Lega Pro con penalizzazione) e Parma (dopo il dichiarato fallimento).

SI APRONO LE DANZE A CESENAL’anticipo Cesena-Brescia apre la stagione 2015/16. La squadra di Drago si impone 2-0 sulla squadra emiliana segnando le sorti della partita nei primi sei minuti della gara. La prima emozione si ha dopo appena un minuto e dieci secondi dal fischio iniziale: autogol di Castellini nel tentativo di anticipare Rosseti sulla linea di porta. Il Brescia è spiazzato e, dopo 6 minuti, Ragusa riceve sui piedi la palla del 2 a 0 dopo una sfortunata respinta di Minelli sul tiro-cross di Molina. La squadra Emiliana è già K.O. Al 10′ il Cesena sfiora il tris su un colpo di testa a incrociare dello stesso Ragusa. Il Brescia dà segni di ripresa, ma non basta. La squadra di casa non molla e Rosseti spreca un gol praticamente fatto. La migliore chance per gli ospiti capita prima della fine del primo tempo sui piedi di Martinelli che sceglie la potenza tirando la palla in curva. Nel secondo tempo si vede un altro Brescia, i padroni di casa non rischiano e si riorganizzano. Sul finale Morosini sfiora il gol al termine di un’azione solitaria, poi Ragusa spara di testa sul corpo di Minelli. La partita si conclude e il Cesena si posiziona momentaneamente in vetta alla classifica.

SUPER RIMONTA DEL BARI – La partita tra Bari e Spezia è forse una delle dimostrazioni che si può ribaltare anche un risultato ritenuto ormai nefasto. I pugliesi infatti riescono a vincere 4-3 nonostante l’inferiorità numerica e nonostante lo Spezia avesse rimontato e superato il 2-0 iniziale in un 2-3, prima di crollare nel finale. Ma andiamo con ordine. Il Bari passa al 19′: Sabelli pennella al centro per De Luca che, lasciato colpevolmente solo, non sbaglia di testa. Raddoppio praticamente identico tre minuti dopo: cross di Del Grosso sempre per De Luca che schiaccia ancora di testa all’angolino. Ma lo Spezia accorcia le distanze al 33′ con De Las Cuevas e poco dopo pareggia i conti quando Di Cesare atterra Catellani in area: rigore e cartellino rosso. Dal dischetto il numero 10 dei liguri esegue il cucchiaio e segna il gol del pareggio facendo infuriare Guarna. E’ a inizio ripresa che lo Spezia pigia sull’acceleratore, segnando il gol del 2-3 grazie ad un colpo di testa di Nenè dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Ma il Bari pareggia di nuovo i conti con il neo acquisto Maniero, sempre dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Ed è sempre Maniero che al 32′, da un cross di De Luca scattato sul filo del fuorigioco, spinge la palla in rete. E’ il 4-3. Emozione nel finale: in pieno recupero Nenè colpisce traversa e sfuma il potenziale 4-4. Per tutta la partita la disparità numerica da parte del Bari non si è fatta assolutamente sentire.

POKER DEL CAGLIARI – E’ la giornata dei gol e neanche in Sardegna si fanno attendere le emozioni. Il Cagliari è la favorita di questo campionato, conseguenza della recente esperienza in A e dell’organico su cui può contare, e gioca per ultimo nel posticipo di lunedì sera contro il Crotone. I sardi partono subito forte sbloccando il risultato al 27′: Sau pesca un rinvio maldestro del Crotone e innesca Farias che insacca l’1-0. Per tutto il resto del primo tempo si vede poco; è dopo l’intervallo che il Cagliari dilaga e colpisce duro. Dopo un minuto dall’espulsione per somma di ammonizioni di Salzano (Crotone), Deiola scaglia una bomba dai 18 metri che si insacca alle spalle di Cordaz firmando il 2-0. Al 22′ è il turno di Sau e al 33′ Giannetti chiude definitivamente i conti punendo Cordaz dopo una bella iniziativa personale. Cagliari batte Crotone 4-0. I sardi hanno voglia di A e si vede.

RISULTATI – I risultati della 1a giornata di Serie B:

CESENA – BRESCIA 2-0 (2′ 1T Castellini (B, Autogol), 6′ 1T Ragusa (C))

ASCOLI – VIRTUS ENTELLA 0-0

LIVORNO – PESCARA 4-0 (7′ 1T rig. Vantaggiato (L), 33′ 1T Vantaggiato (L), 41′ 1T Ceccherini (L), 8′ 2T Fedato (L))

MODENA – VICENZA 0-1 (18′ 2T rig. Giacomelli (V))

NOVARA – LATINA 1-1 (28′ 1T Galabinov (N), 49′ 2T Brosco (L))

PERUGIA – COMO 2-0 (45′ 1T Del Prete (P), 28′ 2T Ardemagni (P))

PRO VERCELLI – LANCIANO 2-1 (42′ 1T Gatto (PV), 11′ 2T Ferrari (L), 34′ 2T Castiglia (PV))

SALERNITANA – AVELLINO 3-1 (12′ 1T Gabionetta (S), 15′ 1T Trotta (A), 11′ 2T Gabionetta (S), 50′ 2T Troianello (S))

TRAPANI – TERNANA 3-0 (19′ 1T Torregrossa, 5′ 2T Torregrossa, 7′ 2T Coronado)

BARI – SPEZIA 4-3 (19′ 1T De Luca (B), 22′ 1T De Luca (B), 33′ 1T de las Cuevas (S), 41′ 1T rig. Catellani (S), 6′ 2T Nenè (S), 12′ 2T Maniero (B), 33′ 2T Maniero (B))

CAGLIARI – CROTONE 4-0 (27′ 1T Farias, 16′ 2T Deiola, 22′ 2T Sau, 33′ 2T Giannetti)

CLASSIFICA SERIE B:

CAGLIARI 3, LIVORNO 3, TRAPANI 3, SALERNITANA 3, CESENA 3, PEUGIA 3, BARI 3, PRO VERCELLI 3, VICENZA 3, LATINA 1, SPEZIA 0, VIRTUS LANCIANO 0, MODENA 0, AVELLINO 0, BRESCIA 0, COMO 0, TERNANA 0, CROTONE 0, PECARA 0, NOVARA 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *