Sassuolo-Atalanta 2-2; Pinilla da il ritmo alla partita.

SASSUOLO – In un pomeriggio di 2 a 2, non può che terminare 2 a 2 anche questa Sass-Ata.
Partita vivace e giocata a viso aperto da entrambe le parti; il tabellino parla di un pareggio totale; stesso numero di gol, un espulso per parte e un rigore sbagliato per entrambe le compagini.

PRIMO TEMPO SCOPPIETTANTE – Lo schema tattico dei primi minuti di gioco sembra essere chiaro: il Sassuolo a fare la partita, l’Atalanta a chiudersi e ripartire in contropiede.
Al 7’ Cherubin strattona ingenuamente Missiroli in area, rigore per i padroni di casa. Dal dischetto Sansone si fa ipnotizzare dal super Sportiello, al terzo rigore parato in serie A.
Al 13’ il “Papu” Gomez trova un varco sulla sinistra e mette in mezzo un pallone apparentemente innocuo, Pinilla prova la girata in acrobazia e insacca alla sinistra dell’ex Consigli; ormai il cileno ci ha abituati a questi gesti tecnici (quarto gol in rovesciata in otto mesi a Bergamo).
Il Sassuolo non ci sta e continua a spingere; trova il gol con Floro flores ma l’arbitro annulla tutto per fuorigioco. Pochi minuti dopo, al 22’, i neroverdi battono velocemente una punizione sulla sinistra, l’Atlanta è distratta, la palla arriva a Magnanelli che ha il tempo per preparare la botta e battere Sportiello, secondo gol in serie A per il capitano.
Al 22’ clamoroso errore di Peluso (ex atalantino) che sbaglia il retropassaggio centrale; Pinilla ne approfitta e insacca un Consigli non del tutto incolpevole.
 Al 40’ Risponde il Sassuolo, ancora con un tiro da fuori; stavolta è Floro Flores a insaccare, 2 a 2 alla fine di un primo tempo ricco di emozioni.

11998937_1092004330824613_1475890842677219731_n

PINILLA: IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO – Due gol sul tabelino del primo tempo e una prestazione da incorniciare; il bomber è in gran forma, corre, pressa e non si risparmia.
Nel primo tempo viene ammonito da Mariani per una simulazione che è da valutare con gli esperti.
Al 3° minuto della ripresa commette una grave ingenuità; la troppa foga lo porta a fare un fallo a metà campo che gli costa la seconda ammonizione, l’Atalanta resta in 10 per tutta la ripresa.

SECONDO TEMPO TIMIDO – Nessun cambio nella ripresa, ci sono tutti i presupposti per vedere altri gol.
Dopo solo 3 minuti di gioco Pinilla si fa cacciare e compromette la situazione nerazzurra, Reja corre ai ripari, fuori il deludente Kurtic e dentro l’esperienza di Raimondi. La tattica è chiudere bene tutti i possibili buchi in difesa e cercare di innescare “Speedy- Gonzalez” Maxi Moralez.
Dall’altra parta Di Francesco mantiene intatto il suo castello difensivo e cambia solo i 3 attaccanti.
 A 5 minutii dal fischio finale Moralez sghuscia via nell’area neroverde e viene steso da Vrsaljko; rigore ed espulsione.
Sul dischetto si presenta lo stesso argentino, per coronare una prestazione da 7 in pagella; probabilmente Consigli ha qualche reminiscenza dei vecchi allenamenti a Zingonia , si butta deciso alla sua sinistra, para il rigore e chiude la partita su un 2 a 2 che, a conti fatti, sta bene a entrambe le squadre.

TABELLINO
SASSUOLO – ATALANTA 2 – 2

MARCATORI: Pinilla (A) 13’ e 33’, Magnanelli (S) 22’, Floro Flores (S) 40’,
AMMONITI: Cherubin (A), Paletta (A), Bellini (A), Duncan (S), Pinilla (A), Sansone (S), Vrsaljko (S), Missiroli (S), Toloi (A).
ESPULSI: Pinilla (A), Vrsaljko (S).
ARBITRO: Maurizio Mariani

SASSUOLO 4-3-3: Consigli 6.5, Vrsaljko 5, Cannavaro 6, Acerbi 6, Peluso 5-, Duncan 5.5, Manganelli 6.5, Missiroli 6, Sansone 4.5 (Politano 6), Defrel 5 (Floccari 6), Floro flores 6,5 (Falcinelli s.v.).

ATALANTA 4-3-3: Sportiello 6.5, Bellini 6 (Toloi 6), Paletta 6 Cherubin 5, Dramè 6, Carmona 6, De Roon 6, Kurtic 4.5 (Raimondi 6.5), Gomez 6+ (Monachello S.V.), Moralez 6.5, Pinilla 7.

PINILLA 7 – MIGLIORE IN CAPO SPORTMAIN
Nonostante la sua prestazione sia macchiata di rosso, a nostro parere, resta lui l’MVP.
 Ormai non ci stupiamo più delle sue magie balistiche, ma gol a parte sembra che il cileno sia in un buon momento di condizione fisica e mentalmente; è proprio questa voglia di darsi da fare e aiutare la squadra che lo ha portato al secondo giallo.
Abbiamo scelto lui come migliore in campo perché la partita ha seguito esattamente il suo andamento, vivace e divertente nel primo tempo, e quasi nulla dopo la sua espulsione, MATTATORE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *