Pensieri dopo Torino-Sampdoria 2-0: i granata volano, i blucerchiati comunque in corsa

TORINO – Il match dell’Olimpico conferma le sensazioni di questo inizio stagione: il Toro sembra davvero fare sul serio ed è secondo da solo, la Samp perde ma resta comunque tra le candidate all’Europa League.

GRANATA IN STATO DI GRAZIA – Da 22 anni il Toro non partiva così bene. Nel 1993 però sembrava qualcosa di effimero, tant’è che a metà campionato i granata erano già scivolati all’ottavo posto. Questa volta l’exploit sembra più solido: difesa che difende, centrocampo che fa gioco, attacco che finalizza con Quagliarella sugli scudi. Il tutto condito da una buona condizione fisica e da uno spirito più forte degli infortuni avuti finora, uno spirito che ha portato quattro rimonte in cinque partite ufficiali. Che Cairo, Petrachi e Ventura abbiano trovato l’alchimia giusta? Chi vivrà vedrà, intanto sono comunque soddisfazioni per il mondo granata.

Fabio Quagliarella Torino

SAMP SOLO RIMANDATA – I blucerchiati hanno perso contro una diretta avversaria per andare in Europa League; sicuramente potrebbe pesare, ma i ragazzi di Zenga sono apparsi comunque competitivi e nella ripresa hanno “rischiato” di riaprire la partita. Hanno certamente pagato la prestazione maiuscola del Toro del primo tempo nonchè la scarsa serata del capocannoniere Eder. È comunque una compagine completamente diversa da quello umiliata dalla Vojvodina nei preliminari di Europa League; quello schiaffone ha fatto male ma ha sicuramente svegliato i blucerchiati. Nella corsa all’Europa ci saranno anche loro.

Sampdoria-Napoli serie A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *