Milan atteso al Friuli per confermare i progressi contro l’incognita Udinese

Udine – La vittoria contro il Palermo ha alzato il morale dell’ambiente rossonero, un po’ sconfortato dall’inizio non proprio scoppiettante e la cocente sconfitta nel derby. La prestazione convincente, soprattutto dal centrocampo in su, ha messo in luce il probabile leader di questa squadra: Carlos Bacca. Il colombiano, con la doppietta rifilata ai rosanero, si è candidato a bomber trascinatore della squadra, quel “nove” che tanto manca in casa Milan dalla partenza di Ibra e il ritiro di Pippo Inzaghi. La serie di progressi iniziata nel derby, soprattutto sotto l’aspetto del gioco, e continuata contro il Palermo, deve essere confermata anche in Friuli, per dimostrare che il Milan può giocarsi le proprie chance per un posto in Europa.

MILAN ALL’ARREMBAGGIO – L’enorme passo avanti rispetto alla prima di campionato si è visto particolarmente nel gioco; il ritorno di un gran Capitan Montolivo, vero e proprio condottiero, affiancato dai prodi Kucka e Bonaventura, ha dato una scossa in positivo ai rossoneri, mettendo sul terreno di gioco idee degne di una squadra che ambisce alle posizioni di rilievo. Chi ha suonato la carica è stato anche il giovane terzino destro Calabria, che con la propria verve e incoscienza giovanile, abbinata a un grande talento, ha condotto al trionfo il Milan. Dalla partita in terra friulana ci si aspetta che alcune bandiere milaniste, ancora disperse tra le nebbie in Val Padana, si risveglino dal torpore e mettano in campo le capacità che sicuramente possiedono (vedi i vari De Sciglio, Zapata, Honda, Luiz Adriano..). La mano e il carattere di un condottiero come Mihajlovic si sono già viste, in particolare nella capacità di controbattere ai goal incassati (come contro Empoli e Palermo), anche se i risultati del duro lavoro saranno veramente apprezzabili tra qualche partita.

INCOGNITA UDINESE – Certamente i bianconeri sono una buona cartina al tornasole per verificare i progressi del Milan, anche se le prime partite non hanno fornito una chiara idea del potenziale dei friulani. La partenza col botto con la Juventus, sfociata nella vittoria allo Stadium, aveva proposto l’Udinese come una tra le pretendenti ad un posto in Europa. Le successive sconfitte in serie con Palermo, Lazio ed Empoli hanno un po’ ridimensionato le ambizioni dei bianconeri, lasciando interdetti tifosi e addetti ai lavori su quale sia il reale potenziale della squadra.

PROBABILI FORMAZIONI –  Colantuono deve rinunciare allo squalificato Kone, che sarà sostituito da Bruno Fernandes, pronto a prendersi il posto da titolare a centrocampo al fianco di Badu e Iturra. In attacco ci sarà Thereau al fianco del sempreverde Di Natale.

Udinese (3-5-2): Karnezis; Wague, Danilo, Piris; Widmer, Badu, Iturra, Fernandes, Adnan; Thereau, Di Natale. All. Colantuono.

Mihajlovic ha affermato che non ricorrerà al turnover, schierando una formazione molto simile a quella di sabato sera. De Jong prende il posto dell’acciaccato Kucka, mentre Balotelli dovrebbe esordire da titolare al fianco di Bacca, in sostituzione dello spento Luiz Adriano.

Milan (4-3-1-2): Diego Lopez; Calabria, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; De Jong, Montolivo, Bonaventura; Honda; Balotelli, Bacca. All. Mihajlovic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *