Al “Matusa” Dionisi abbatte l’Empoli, per il Frosinone prima vittoria in serie A

PRIMA-  il Frosinone supera 2-0 l’Empoli e conquista la sua prima vittoria in serie A, raggiungendo a quota 4 in classifica proprio i toscani, al secondo stop consecutivo. Partita decisa nella ripresa da una doppietta di Dionisi, complici due disimpegni errati degli azzurri, che non hanno invece capitalizzato alcune buone occasioni nel primo tempo. L’espulsione di Saponara, al 77’, ha poi definitivamente chiuso il match. I ciociari hanno meritato il successo se non altro per l’atteggiamento, specie nella ripresa, ma la differenza l’hanno fatta gli episodi, e la solidità difensiva delle due squadre. L’Empoli, più dotato sul piano tecnico, è apparso poco concreto e a tratti lezioso, non cercando mai la conclusione dalla distanza ma sempre e solo il fraseggio anche in piena area di rigore, e solo nella seconda parte del primo tempo si è reso davvero pericoloso. I toscani, per salvarsi, hanno bisogno assoluto del miglior Saponara che invece, stasera, è completamente mancato, mentre i ragazzi di Stellone hanno mostrato umiltà e agonismo, in una delle partite fondamentali per la corsa alla salvezza.

PRIMO TEMPO- Mentre Giampaolo si affida all’11 titolare, con il consueto 4-3-1-2 dove Saponara agisce da trequartista dietro Maccarone e Pucciarelli, Stellone ne cambia 5 rispetto al pareggio in casa della Juve, e schiera in attacco la coppia Ciofani-Dionisi, con Soddimo schierato a destra e Sanmarco quasi a uomo su Saponara. 20 minuti soporiferi con ritmi alti ma senza tiri in porta, con il Frosinone ben organizzato e cortissimo ma imperniato essenzialmente sulla distruzione del gioco avversario. Un tiro-cross di Ciofani attraversa tutta l’area senza far danni, poi al 24’ ottimo scambio Maccarone-Saponara che, da posizione defilata, spara su Leali. Il rinvio del portiere è sbagliato e Maccarone viene servito solissimo in area ma viene fermato per un fuorigioco millimetrico. E’ il momento migliore degli ospiti, che a cavallo della mezz’ora mettono prima Saponara e poi Pucciarelli in condizione di calciare in piena area ma Blanchard, vero dominatore della propria area, in entrambi i casi rimedia. Ci prova anche Croce col sinistro senza fortuna, poi si vede il Frosinone; Ciofani di testa non inquadra lo specchio della porta, poi Blanchard, rimasto in area avversaria dopo un corner, sempre di testa sfiora il vantaggio. Laurini in contropiede viene chiuso da Dionisi, e il primo tempo finisce qui.

RIPRESA- I padroni di casa entrano in campo con piglio aggressivo, Soddimo viene spostato sulla sinistra e continua a far male; al 51’ Mario Rui mette provvidenzialmente fuori un suo pericoloso cross. L’Empoli non cambia né atteggiamento né modulo e sembra calare anche fisicamente, e al 58’ un deconcentrato Saponara sbaglia un facile rinvio; sul cross, Ciofani ha un rimpallo favorevole e calcia dai 10 metri, Skoruspki respinge su Dionisi che segna. Stellone toglie Tonev e inserisce Paganini, passando in teoria al 4-3-3 ma di fatto coprendosi di più, lasciando Ciofani unica punta con Dionisi e Paganini ai lati a rientrare. Saponara ci prova ma viene chiuso dal solito Blanchard, e finalmente, al 70’, Giampaolo cambia qualcosa; dentro Livaja e Paredes, fuori Croce, infortunato, e Pucciarelli. Ma subito dopo Mario Rui sciaguratamente serve in disimpegno Dionisi che irrompe in area e supera di nuovo Skorupski. La partita sarebbe finita, la lapide la mette Saponara che, nonostante Maccarone lo porti via e gli tappi la bocca, protesta vibratamente con l’arbitro e viene espulso. Il finale vede solo qualche interessante punizione dal limite per l’Empoli, che esaltano Leali; all’80’ su Mario Rui, e soprattutto al 86’ su Paredes, ma il risultato non cambia più. Per Giampaolo molto lavoro da fare, specie nell’atteggiamento dei suoi.

PAGELLE

FROSINONE

Leali 6.5 – sostituito da Blanchard nel primo tempo, nella ripresa si fa trovare pronto sulle punizioni dell’Empoli

Rosi 6 – soffre un po’ Maccarone nel primo tempo. Meglio nella ripresa

Diakite 6 – Roccioso ed efficace

Blanchard 7 – insuperabile sulle palle alte, il suo salvataggio su Pucciarelli vale un gol. Sfiora anche il vantaggio di testa. Baluardo assoluto

Pavlovic 5.5 –fatica contro Laurini nel primo tempo, spinge poco

Tonev 5.5 –alterno e impreciso, non a caso il primo ad essere richiamato da Stellone

Gori 6.5 – Buono in interdizione, nonostante la precoce ammonizione si gestisce assai bene. Dall’81’ Frara sv – 

Sammarco 6 – Praticamente a uomo su Saponara nel primo tempo, nella ripresa si libera un pochino da esigenze tattiche e lo si vede di più.

Soddimo 6.5 – schierato a destra nel primo tempo e poi passato sulla mancina, sempre propositivo ed efficace. Da tener d’occhio .Dal 73′ Chisbah sv –

Dionisi 7.5 – Nel primo tempo quasi non si vede, ma è l’uomo decisivo nella ripresa con una storica doppietta che regala il primo successo in A alla sua squadra IL MIGLIORE SPORTMAIN

  1. Ciofani 6.5 –Si mangia un gol nel primo tempo ma è l’attaccante più pericoloso. Dal suo tiro nasce l’1-0

EMPOLI

Skorupski 6 – mai impegnato nel primo tempo, sul primo gol fa un miracolo su Ciofani ma la respinta finisce su Dionisi, incolpevole sul raddoppio.

Laurini 6 – Bene nel primo tempo dove vince il duello con Tonev, più in difficoltà con Soddimo Dal 74′ Bittante sv –

Tonelli 5.5 – qualche sbavatura difensiva e qualche improbabile tiro dalla lunga distanza.

Costa 5.5 – si perde Dionisi sul primo gol.

Mario Rui 5 –cala decisamente alla distanza e un suo sciagurato disimpegno causa il 2-0

Zielinski 5 – Spaesato e fuori posizione, sembra perennemente fuori ruolo

Diousse 6 – ottima personalità nel primo tempo, calo verticale nella ripresa

Croce 6 – come sempre tanta corsa e impegno. Dal 70′ Paredes 6.5 –grande talento, andava inserito prima

Saponara 4 – solo un paio di giocate nel primo tempo, poca presenza in campo, poi l’errore che costa il vantaggio ciociaro, infine l’espulsione per proteste che costerà almeno due giornate di squalifica. Serve un bagno di umiltà

Maccarone 6 – Gioca di sponda correndo tantissimo, ma cosi non tira mai in porta. Nulla da dire per l’impegno

Pucciarelli 5 – Invisibile. Dal 70′ Livaja 5- si fa notare solo per buttare la palla addosso al guardalinee che gli costa il giallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *