Roma vittoriosa a Palermo, ma i rosanero sfiorano la rimonta: finisce 2-4

PALERMO – Sembra Bate-Roma, ma al contrario. I giallorossi segnano tre gol nel primo tempo, poi nella ripresa il Palermo accorcia con Gilardino e si rifà sotto disperatamente al 91′ con il Gonzalez. La squadra di Iachini, ormai riversata in attacco, concede però alla Roma spazi invitanti, e Gervinho servito da Ucan fa 2-4.

L’APPROCCIO GIUSTO – Iachini e Garcia, panchine a rischio. Anche se Zamparini e Pallotta in settimana hanno rassicurato i propri tecnici. Siciliani in crisi dopo tre sconfitte di fila, giallorossi reduci dalla sconfitta di Champions League contro il Bate Borisov. Al primo affondo è la Roma a passare. Pjanic duetta con Florenzi, poi beffa Sorrentino con un tocco da sotto: al 2′ è già 0-1. Ma la difesa giallorossa è perforabile e un minuto dopo Szczesny-Manolas per poco non confezionano un regalo per Vazquez, che tira a lato. I giallorossi non sono dominanti ma l’attacco gira: al quarto d’ora Florenzi raccoglie palla su tiro impreciso di Pjanic e trafigge Sorrentino. Troppo distratta in marcatura la difesa di Iachini. Sembra tutto facile per gli 11 di Garcia, il Palermo si scopre e si aprono spazi invitanti, soprattutto per Gervinho. L’ivoriano sembra tornato su buoni livelli, e dopo le reti contro Carpi e Bate conferma la vena realizzativa saltando due uomini palla al piede e scaricando sotto al sette la rete dello 0-3.

aNxA1iM

LA RIAPRE IL GILA – L’incantesimo sembra spezzarsi allo scoccare della mezzora, ma il colpo di testa di Vazquez, a Szczesny battuto, finisce sulla traversa. La Roma non dà mai l’impressione di solidità e concentrazione assoluta, anche se il morale della squadra di Iachini è basso e i giallorossi non soffrono più di tanto. Nella ripresa è ancora la Roma a partire meglio: dopo la figuraccia rimediata in Bielorussia, l’approccio mentale dei romanisti è stato decisamente differente. Sorrentino devia in angolo il tiro potente di Digne. Poi però gli ospiti si spengono e, giocoforza, esce il Palermo, fin lì tramortito e poco propositivo. Decisivo l’ingresso di Gilardino, che su lancio di Vazquez elude l’intervento di De Rossi e rimette in corsa i suoi. Iachini inserisce il dinamico Quaison, il Palermo ci crede e al 71′ sfiora la seconda rete con un colpo di testa di Gilardino ribattuto da Szczesny. La stanchezza di coppa si fa sentire, e Garcia sarà costretto a inserire l’ex Emerson Palmieri per Falque, Ucan per Salah e Gyomber al posto di Florenzi. Mentre la partita sembra avviarsi verso il suo epilogo, Gonzalez anticipa tutti su cross di Quaison a tre minuti dal termine. Ma passano due minuti e sull’altro fronte Gervinho è abile a saltare un difensore e tirare all’angolino per il definitivo 2-4.

PALERMO-ROMA 2-4 (0-3)

Marcatori: 2′ Pjanic (R), 14′ Florenzi (R), 28′ Gervinho (R), 58′ Gilardino (P), 91′ Gonzalez (P), 93′ Gervinho (R)

PALERMO (4-3-1-2): Sorrentino; Struna (85′ Rispoli), Gonzalez, El Kaoutari, Lazaar; Rigoni, Jajalo (46′ Gilardino), Chochev; Hiljemark; Trajkovski (58′ Quaison), Vazquez. A disp.: Colombi, Vitiello, Andelkovic, Goldaniga, Cassini, Brugman, Maresca, Daprelà, La Gumina. All. Iachini

ROMA (4-4-1-1): Szczesny; Torosidis, Manolas, De Rossi, Digne, Florenzi (83′ Gyomber), Nainggolan, Pjanic; Salah (76′ Ucan), Gervinho, Iago Falque (66′ Emerson). A disp.: De Sanctis, Maicon, Nura, Castan, Machin, Vainqueur, Iturbe, Ponce, Sadiq. All. Garcia

Arbitro: Damato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *