EUROPEAN QUALIFIERS, I VERDETTI FINALI: ITALIA PRIMA NEL GIRONE, GALLES E ALBANIA VOLANO IN FRANCIA, OLANDA ELIMINATA

qualificazioni euro 2016

Dopo 13 mesi e 260 partite, si è chiusa la fase a gironi di qualificazione a Euro 2016. Al momento, compresa la Francia padrona, si sono qualificate 20 squadre:  tra queste, ben quattro squadre faranno il loro esordio assoluto in una fase finale, ovvero Irlanda del Nord, Galles, Islanda e Albania.  Le teste di serie al sorteggio saranno Francia, Spagna, Belgio, Portogallo, Inghilterra e Germania, mentre l’Italia sarà in seconda fascia. Tra le grandi escluse, troviamo Olanda (reduce dal terzo posto mondiale) e la Grecia (campione d’Europa nel 2004). Ai playoff , il cui sorteggio avverrà Domenica, accedono Bosnia, Ucraina, Svezia, Ungheria, Danimarca, Norvegia, Slovenia e Irlanda (le prime quattro sono teste di serie).

Le grandi –  Le favorite per l’Europeo, ad eccezione della Francia qualificata direttamente e dell’Olanda eliminata, hanno tutte vinto il loro girone. L’Inghilterra ha fatto bottino pieno,  infatti è stata l’unica nazionale a vincere tutte le dieci partite del proprio girone. Il Belgio ha chiuso con sette vittorie ed una sola sconfitta, conquistando così l’ultima testa di serie e soprattutto raggiungendo la prima posizione nel ranking FIFA. La Spagna ha collezionato ben nove successi e un KO (contro la Slovacchia) e ha subito solo tre reti (miglior difesa insieme a quella inglese). L’Italia ha avuto la meglio su Croazia e Norvegia anche se, nonostante le avversarie abbastanza modeste , non ha sempre espresso un grandissimo gioco (ricordiamo le sofferenze contro Malta e Bulgaria). Il Portogallo, dopo il KO iniziale contro l’Albania, ha vinto tutte le sue partite dominando il suo girone (l’unico a 5 squadre). Infine la Germania, campione del mondo, ha sofferto tantissimo contro Polonia e Irlanda conquistando solo alla fine il primo posto nel proprio girone.

Le sorprese – Islanda, Galles, Irlanda del Nord e Albania, il prossimo Giugno in Francia, faranno il loro esordio assoluto agli Europei. Sono state sicuramente queste quattro nazionali le grandi sorprese di queste European Qualifiers: il Galles, trascinato da Bale e da una grande difesa, ha conteso addirittura al Belgio il primato nel girone; l’Islanda ha eliminato l’Olanda, l’ Irlanda del Nord ha addirittura vinto il proprio girone davanti a Romania, Ungheria (e Grecia); l’Albania ha eliminato Serbia e Danimarca (decisiva anche la vittoria a tavolino vs Serbia) agguantando meritatamente un posto ad Euro 2016. Tra le altre sorprese troviamo la Romania, uscita imbattuta dalle 10 partite (come Italia, Austria e Inghilterra); la Repubblica Ceca, che ha collezionato ben 22 punti; l’Austria, che ha ottenuto nove successi in dieci partite (nonostante il girone con Svezia e Russia) ed infine la Slovacchia capace di impensierire persino la Spagna.

Le eliminate – Le due grandi escluse sono Olanda e Grecia. Gli oranje non potranno riscattare il brutto europeo giocato nel 2012 e chiuso con tre sconfitte: la squadra di Hiddink prima e Blind poi, è stata protagonista di una campagna fallimentare ed è arrivata addirittura quarta nel girone con ben cinque sconfitte sul groppone. Un andamento imbarazzante per una squadra che appena due anni fa arrivava sul podio mondiale. La Grecia, arrivata agli ottavi in Brasile e campione d’Europa nel 2004, ha fatto persino peggio arrivando ultima, persino alle spalle delle Isole Far Oer, e segnando solo tre reti (escludendo i quattro gol nel pleonastico match contro l’Ungheria). Sorprende per certi versi anche l’eliminazione della Serbia: nonostante i grandi talenti, i serbi non riescono proprio a raggiungere le fasi finali sia degli europei che dei mondiali.

La miglior terza – Per delineare la classifica delle squadre giunte al terzo posto, si sono eliminati i risultati ottenuti contro l’ultima in classifica (ad eccezione del girone I, l’unico a cinque squadre). Sembrava tutto fatto alla vigilia dell’ultimo turno, con l’Ungheria promossa agli Europei e con Turchia ed Ucraina agli spareggi (insieme alle altre sei che non avevano alcuna possibilità). L’Ucraina doveva battere la Spagna per superare i magiari, impresa non riuscita. A quel punto, nell’ultima giornata, l’unica ad avere la chance era la Turchia: oltre a battere l’Islanda, i turchi dovevano sperare nel successo del Kazakistan in Lettonia, in modo da dover sottrarre meno punti (visti i due pareggi contro i lettoni). Inan, all’ultimo minuto, con una punizione magistrale ha dato i tre punti alla squadra di Terim, ma il vero mito ad Istanbul sarà Kuat: è lui l’uomo che ha regalato il successo ai Kazaki e gli europei ai turchi. L’Ungheria si dovrà accontentare degli spareggi, sperando che questa volta la dea bendata non gli volti le spalle.

CLASSIFICHE GIRONI

A – Repubblica Ceca 22, Islanda 20, Turchia 18, Olanda 13, Kazakistan 5, Lettonia 5.

B – Belgio 23, Galles 21, Bosnia 17,  Israele 13, Cipro 12, Andorra 0.

C – Spagna 27, Slovacchia 22, Ucraina 19, Bielorussia 11, Lussemburgo 4, Macedonia 4.

D – Germania 22, Polonia 21, Irlanda 18, Scozia 15, Georgia 9, Gibilterra 0

E – Inghilterra 30, Svizzera 21, Slovenia 16, Estonia 10,  Lituania 10, San Marino 0.

F – Irlanda del Nord 21, Romania 20, Ungheria 16, Finlandia 12, Far Oer 6, Grecia 6.

G – Austria 28, Russia 20, Svezia 18,  Montenegro 11, Liechtenstein 5, Moldavia 2.

H – Italia 24, Croazia 20, Norvegia 19, Bulgaria 11, Azerbaigian 6, Malta 2.

I – Portogallo 21, Albania 14, Danimarca 12, Serbia 4*(*3 punti di penalizzazione), Armenia 2.

Classifica squadre 3° posto –  Turchia 16, Ungheria 15, Ucraina 13, Norvegia 13,Danimarca 12, Svezia 12, Irlanda 12, Bosnia 11, Slovenia 10.

Qualificate: Francia (padrona di casa), Rep. Ceca, Islanda, Belgio, Galles, Spagna, Slovacchia, Germania, Polonia, Inghilterra, Svizzera, Irlanda del Nord, Romania, Austria, Russia, Italia, Croazia, Portogallo, Albania, Turchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *