Il Verona pareggia ancora, l’Udinese recupera all’84’: 1-1 al Bentegodi

VERONA – Brutta partenza per entrambe le squadre in questo campionato: da una parte il Verona, unica squadra senza aver collezionato vittorie (4 pareggi e 3 sconfitte), dall’altra l’Udinese, alla ricerca del terzo risultato utile consecutivo. Assenze determinanti sia per i gialloblù sia per i bianconeri: Mandorlini cambia quattro dei suoi rispetto alla formazione che ha pareggiato del derby contro il Chievo (fuori Viviani e Torni, Pazzini guida l’attacco e Matuzalem in regia, tornano titolari Marquez e Siligardi); Colantuono deve invece fare a meno di Zapata (fuori per quattro mesi), Kone e Guillerme, in panchina Pisano e Badu, sostituito da Iturra. 4-3-3 dunque per il Verona e 3-5-1-1 per il Chievo.

PRIMO TEMPO – Come già in alcune delle giornate precedenti, il Verona cerca da subito di rendersi pericoloso: centrocampo ordinato, oggi tutto mancino (e infatti le azioni si sviluppano soprattutto da destra) che giostra il gioco, spinge più dell’Udinese, sfrutta le verticalizzazioni. Verso il quarto d’ora è proprio l’Udinese a soffrire gli attacchi, pur non precisissimi, avversari. Tra i friulani è Bruno Fernandes a tirare di più in porta: prima a sorpresa, di collo da fuori, che Rafael può solo deviare in angolo; poi con un rinvio centra in pieno Siligardi, che rischia l’autogol. È però Lodi a prendersi a carico il suo centrocampo e, complici anche gli avversari, spesso lasciato libero riesce ad affacciarsi oltre la metà campo e impostare il gioco dell’Udinese, così che è proprio Bruno Fernandes ad arrivare alla conclusione con facilità. Tra le altre cose, è proprio di Lodi il gol annullato (giustamente) per fuorigioco. Ma è comunque il Verona a fare la partita, e paradossalmente vede con fatica la porta avversaria. Al 41’, Wagué stende Siligardi in area: Pazzini dal dischetto non sbaglia, è 1-0. L’Udinese prova a rispondere con una punizione di Lodi dai 35 metri, Rafael respinge.

SECONDO TEMPO – Inizio di ripresa a ritmo più sostenuto, con l’Udinese forse un po’ più frettolosa nel cercare di recuperare. Colantuono inserisce Théréau al posto di Iturra, rimasto a terra dopo uno scontro con Hallfredsson. Il francese porta un po’ più di velocità, bravo anche in fase difensiva, e prova quasi subito una conclusione che impegna Rafael alla parata; poco dopo, ancora Théréau carica il destro esterno, che si perde sul fondo. Dopo qualche minuto di difficoltà, i friulani fanno leva sui loro uomini migliori: Théréau, Lodi, Badu (subentrato a Marquinho al 18’). Dall’altra parte il Verona gestisce il vantaggio, abbassa gli esterni e difende; a 15 minuti dalla fine entra un difensore, Helander, al posto di Siligardi, mentre l’Udinese si sistema in un 3-4-3 offensivo con l’ingresso di Perica per Felipe. La partita si risveglia nel finale: a pochi minuti dal 90’, finisce l’illusione del Verona: cross da destra di Bruno Fernandes, Rafael respinge male, Théréau colpisce di testa centra il bersaglio. Finisce 1-1.

Continua il momento no dell’Hellas, che pur gestendo buona parte della gara non riesce a trovare la vittoria; dall’altra parte, si rivelano provvidenziali le scelte di Colantuono a partita in corso: Théréau segna un gol importante, che tiene lontano in classifica il Verona e mantiene la scia di risultati positivi dei friulani in trasferta.

 

IL TABELLINO:

VERONA-UDINESE 1-1 (primo tempo 1-0)

MARCATORI: Pazzini (V), 41’ (rig.); Théréau (U), 84’

VERONA (4-3-3): Rafael 6; Sala 6, Marquez 6, Moras 6, Souprayen 6; Greco 6, Matuzalem 5.5 (56’, Pisano 6), Hallfredsson 6; Siligardi 6 (75’, Helander sv), Pazzini 6.5, J.Gomez 6.5 (a disp.: C.Winck, Ionita, Bianchetti, Jankovic, Coppola, Gollini, Helander, Pisano, Wszolek). All.: Mandorlini

UDINESE (3-5-1-1): Karnezis 6; Wagué 5.5, Danilo 6, Felipe 6 (75’, Perica sv); Edenilson 6, Iturra 6 (55’, Théréau 6.5), Lodi 6.5, Marquinho 5 (63’, Badu 6), Adnan; Fernandes 6.5; Di Natale 5.5 (a disp.: Widmer, Badu, Romo, Pasquale, Insua, Perica, Théréau, Pontisso, Piris, Domizzi, Aguirre, Meret). All.: Colantuono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *