Il Bologna la spunta all’ultimo respiro, Carpi battuto al Braglia (1-2)

image
MODENA – Lo decide Masina, all’ultimo respiro, il derby emiliano tra Carpi e Bologna. Dopo 7 mesi biancorossi e rossoblu ancora difronte a giocarsi punti fondamentali, allora per la vetta della B, oggi per la salvezza.

pPASSA IL CARPI – Un Carpi in cerca di riscatto ospita a Modena un Bologna con l’acqua alla gola al termine di una settimana dove le tensioni extra-calcistiche(vedi l’affaire Braglia) non sono di certo mancate. Al fischio di Tagliavento i padroni di casa si lasciano però alle spalle le difficoltà e dimostrano subito di esserci, con Matos che spara di poco a lato in contropiede. Gli uomini di Sannino giocano meglio e il gol è solo una naturale conseguenza: prima rete in Serie A per Letizia, che è il più lesto a gettare oltre la linea un pallone conteso nell’area piccola avversaria. I biancorossi hanno in mano il match, ma al 38′ Lollo, già ammonito, entra con troppa foga su Krafth. Per Tagliavento è giallo e quindi rosso, Carpi in 10.

masinaBOLOGNA CON L’UOMO IN PIÙ – I rossoblu ritornano improvvisamente in partita e il gol del pareggio arriva a inizio ripresa, a segnarlo è Gastaldello sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La rete del pareggio, invece di dare nuova linfa ai rossoblu, risveglia il Carpi e per gran parte del secondo tempo non sembra pesare agli uomini di Sannino l’inferiorità numerica visti i pochi pericoli imbastiti dagli ospiti. All’ultimo secondo però il Bologna riesce a rompere un equilibrio che sembrava destinato a durare fino al triplice fischio. A segno Masina, uno dei più positivi in campo, che salva Rossi e regala una vittoria fondamentale all’ambiente felsineo insaccando un cross di Brienza a due passi dalla porta.

CARPI, LA BEFFA NEL FINALE – Al termine di una settimana caratterizzata dalle note vicende legate allo stadio Braglia, il Carpi esce con una sconfitta pesante dal derby con il Bologna, una sconfitta che sa di beffa dopo il vantaggio iniziale. Ingenuo Lollo a farsi spedire sotto la doccia per un fallo inutile a centrocampo. Occasione persa per Sannino e i suoi: il gioco non manca, ma alla fine contano i punti.

ROSSI SALVATO ALL’ULTIMO – Da parecchie giornate si parla di un Rossi vicino all’addio. Un’ipotesi quella dell’esonero che dopo 90′ di partita si stava trasformando in certezza. Ma il calcio, si sa, è fatto di episodi ed è bastato il gol del giovane Masina ad un passo dallo scadere a salvare Rossi e il Bologna. Che sia questa la tanto attesa scintilla capace di accendere il campionato dei felsinei?

Il tebellino e le pagelle Carpi-Bologna 1-2 (1-0)
Carpi (3-5-1-1): Belec 6,5; Zaccardo 6, Spolli 5,5, Romagnoli 6; Letizia 6,5, Cofie 6, Marrone 5,5 (31’st Bianco sv), Lollo 4,5, Gabriel Silva 6;   Matos 6,5 (36’st Lasagna sv); Borriello 6,5(12’st Gagliolo 5,5). A disp.: Benussi, Brkic, Wallace, Bubnjic, Fedele, Lazzari, Di Gaudio, Acevedo, Mbakogu.
All.
: Sannino 6.
Bologna (4-3-2-1): Da Costa 6; Krafth 5,5 (41’pt Mbaye 6), Oikonomou 6, Gastaldello 6,5, Masina 7,5; Donsah 5,5, Diawara 6, Giaccherini 6; Mounier (11’st Brienza 5,5), Rizzo (39’st Falco sv); Destro 5. A disp.: Sarr, Morleo, Rossettini, Maietta, Pulgar, Crisetig, Brighi, Taider, Mancosu.
All.: Rossi 6.
Mvp Sportmain Masina 7,5 – Un gol che vale doppio per il Bologna, un gol frutto della sua tenacia. Questo terzino ha tutte le carte in regola per diventare grande, oggi ha dimostrato, una volta di più, di essere sulla buona strada.
Arbitro: Tagliavento di Terni.
Reti: 24’pt Letizia, 2’st Gastaldello, 48’st Masina
Ammoniti: Belec, Lollo, Mounier, Mbaye, Spolli.
Espulsi: Lollo al 37’pt