L’Inter torna in testa al campionato, Bologna sotto con l’uomo in più (1-0)

bella bolointerBOLOGNA – Tra le difficoltà e con un uomo in meno questo anticipo della 10a giornata lo vince l’Inter di Mancini, in casa di un Bologna che dopo la rete di Icardi scompare dal campo nonostante l’uomo in più. L’Inter torna alla vittoria dopo più di un mese e ritrova momentaneamente la vetta della classifica, per Delio Rossi invece potrebbe arrivare l’esonero.

PRIMO TEMPO IN EQUILIBRIO – Un’Inter poco dinamica e propositiva lascia il gioco in mano ai padroni di casa per buona parte del primo tempo, con i rossoblu bravi a sfruttare gli spazi lasciati nelle retrovie dagli uomini di Mancini. Col passare dei minuti i nerazzurri guadagnano campo e Perisic si ritrova in più di un’occasione il pallone buono per fare male, ma l’azione più pericolosa se la inventa il rossoblu Ferrari, bravo a inserirsi tra le maglie della difesa, per poi venire però stoppato da una splendida diagonale di Santon ad un passo dalla conclusione.

rossomeloIN 10 E MEGLIO – I ritmi non sono esaltanti nemmeno nella ripresa, al 16′ ecco però l’episodio che cambia il match: Felipe Melo, già ammonito ferma Rizzo lanciato in contropiede. Per Banti è secondo giallo e quindi Inter in 10. Per la seconda volta i felsinei si trovano a giocare con l’uomo in più ma invece di portare a casa almeno un punto spianano la strada ad un Inter senza idee: prima Gastaldello serve malamente Brozovic, poi è Ferrari a lisciare clamorosamente il pallone sul lancio del nerazzurro che trova così Ljajic, il serbo punta la porta per poi scaricare su Icardi che non ha problemi a segnare con Da Costa battuto. Sotto nel punteggio il Bologna accusa il colpo e fatica tremendamente a creare pericoli. A 1′ dallo scaderei padroni di casa hanno l’occasione giusta per pareggiare quando il pallone arriva sui piedi di Destro, pescato all’interno dell’area piccola da un cross di Ferrari, ma l’ex Roma centra clamorosamente Handanovic. Finisce quindi 1-0 per gli ospiti.

mancioMANCINI CHE FATICA – Meglio in 10 che in 11 oggi l’Inter di Mancini, soprattutto più fortunata e cinica a capitalizzare una delle rarissime occasioni capitate tra i piedi dei suoi attaccanti. Impreciso Perisic, incapace di sfruttare gli spazi sulle fasce per servire i suoi compagni. Male anche Kondogbia, ancora lontano dalla brillantezza messa in mostra nella Ligue 1. Quello che conta nel calcio però è vincere e con i 3 punti di oggi i nerazzurri sono di nuovo momentaneamente in vetta alla classifica. Buone notizie anche per Icardi, tornato al gol dopo qualche giornata di astinenza, come ottime sono le indicazioni date da Ranocchia e la difesa in generale che davvero poco ha concesso agli avversari. Notizie meno buone invece in vista dell’11a giornata, che vedrà Roma e Inter giocarsi punti pesanti per il campionato: Felipe Melo non sarà della partita, vista l’espulsione rimediata nel match odierno.

delio viaBOLOGNA OGNI PUNTO CONTA – Per salvarsi, lasciarsi sfuggire occasioni come questa per portare a casa punti contro una grande può essere deleterio. Con l’uomo in più, prendere gol ingenui come quello di oggi non può che pesare sul morale dei giocatori. Occhi puntati ancora una volta su Delio Rossi, incapace di scuotere i suoi dopo la rete nerazzurra. Il tecnico rossoblu tarda a fare i cambi e decide nel finale di togliere Mancosu per Destro, tenendo una sola punta in attacco, non proprio l’idea migliore per una squadra che dopo il gol subito ha saputo creare una sola occasione da gol. Capitolo Destro: impensabile che un giocatore della sua caratura continui a non sfruttare le (pochissime, è vero) occasioni che gli capitano, l’ex Roma ha bisogno dei gol come ne ha il Bologna. Infine parliamo dei giovani, croce e delizia: buon primo tempo per la giovane truppa rossoblu, ma l’inesperienza è un’arma a doppio taglio, come evidenzia il maldestro intervento di Ferrari che ha concesso all’Inter la rete del vantaggio. Domenica al Dall’Ara arriva l’Atalanta e per allora, vista la presenta del Patron Saputo in città, chissà che molte cose non siano cambiate, anche se, visti i pochi giorni al prossimo incontro è difficile si possa parlare di un avvicendamento in panchina.

IL TABELLINO DI BOLOGNA-INTER 0-1 (primo tempo 0-0)
BOLOGNA (4-3-3) – Da Costa; Ferrari, Gastaldello, Rossettini, Masina; Taider, Diawara, Rizzo (dal 36′ s.t. Destro); Mounier; Mancosu (dal 36′ s.t. Falco), Giaccherini (dal 26′ s.t. Brienza). (Stojanovic, Sarr, Oikonomou, Morleo, Pulgar, Crisetig, Mbaye, Acquafresca, Brighi).
All. Rossi
INTER (4-3-3) – Handanovic; Santon, Miranda, Ranocchia, Juan Jesus; Brozovic, Melo, Kondogbia; Ljajic (dal 43′ s.t. Palacio), Icardi (dal 37′ s.t. Biabiany), Perisic (dal 29′ s.t. Guarin). (Carrizo, Berni, Jovetic, Telles, Montoya, Medel, Gnoukouri, Nagatomo, Manaj).
All. Mancini
MARCATORE – Icardi al 22′ s.t.
ARBITRO – 
Banti di Livorno.
AMMONITI – Kondogbia (I)
ESPULSI – Felipe Melo (I) e Mancini per proteste al 45′ s.t. per proteste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *