Inter, devi segnare! Mancini ritrova Medel, dubbio J.Jesus-A.Telles

Milano – Una partita che vale uno scudetto, o quasi. La Roma capolista affronta l’Inter inseguitrice, in un match che sa tanto di tricolore. I giallorossi vorrebbero l’allungo in classifica, i nerazzurri non vogliono perdere il treno delle prime. Mancini ritrova Miranda ma perde Felipe Melo. Ballottaggio Perisic-Ljajic.

ATTACCO & DIFESA – Da una parte il reparto più solido e inattaccabile di tutto il campionato, dall’altra un attacco da far concorrenza al trio delle meraviglie del Barcellona. Mancini ha dimostrato, sin qui, di aver lavorato tanto, e bene, con la difesa, con i nuovi Miranda e Murillo baluardi di una zona del campo che negli ultimi anni sembrava più fragile di un castello di sabbia. Confermato Handanovic in porta, il tecnico jesino ha così allestito un reparto di notevole spessore, forte anche della crescita di Santon (aveva già le valigie pronte in estate) e Juan Jesus, in alternativa ad Alex Telles. Una linea imperforabile che dovrà vedersela ora con l’attacco più prolifico della Serie A, quello giallorosso, con i vari Dzeko, Gervinho, Salah, Iturbe e Iago Falque pronti a fare male in un San Siro allestito per le migliori occasioni. Garcia è stato capace di creare la giusta alchimia tra i nuovi arrivati e i veterani che, talvolta, mugugnano per una panchina di troppo. Con Totti ancora ai box per infortunio, i tifosi della Roma si stanno, per così dire ‘accontentando’ dei sostituti. Oro colato.

LO DICE LA STORIA – Sogni da scudetto? Meglio, per il momento, metterli da parte. Perché se l’Inter era data come favorita dopo l’exploit iniziale, ora arranca a favore di una Roma più cinica e solida, di una Fiorentina in crescita e di un Napoli pronto a sbocciare definitivamente. La squadra di Mancini paga pesantemente la scarsa vena realizzativa dei suoi attaccanti, con soli 10 gol segnati in altrettante partite. E la storia, che di numeri se ne intende, dice che nessun club vittorioso a fine anno ha mai segnato così pochi gol nelle prime giornate. Quindi, o segni o non vinci. L’Inter sta invertendo il mantra, meglio perciò prendere pochi gol e portare a casa quanti più punti possibili. Con la Roma il compito si complica ulteriormente, ma nel calcio ci si può aspettare di tutto. Persino un gol di Montoya, panchinaro d’eccezione nell’Inter rinnovata di Mancini.

LE PROBABILI FORMAZIONI – Mancini deve fare a meno dello squalificato Felipe Melo e rilancia Medel, dal 1′, davanti la difesa. Al suo fianco Guarin e uno tra Brozovic e Kondogbia. In avanti Icardi (reduce dal gol di martedì contro il Bologna), Jovetic (lasciato a riposo contro i felsinei) e Perisic, al momento in vantaggio su Ljajic, che stenta a decollare in nerazzurro. Davanti al solito Handanovic, si riforma la coppia Miranda-Murillo, con Santon a destra e Juan Jesus sulla fascia opposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *