le pagelle di Lazio-Milan 1-3: flop “Pipe” Anderson, top “Jack” Bonaventura

Foto: LaPresse

LAZIO (4-2-3-1)

Marchetti 5 – Respinge malamente sul primo gol ed esce a vuoto sul secondo. IMPRECISO

Basta 5 – Bonaventura lo fa impazzire ed è troppo confusionario in fase di spinta e d’impostazione. CAPOGIRO

Gentiletti 5,5 – Prova ad essere aggressivo ma sbanda come tutta la Lazio. Male anche in impostazione. INFILZATO

Mauricio 5,5 – Non brilla come tutta la squadra. Sale in ritardo sulla punizione che porta al gol di Mexes. ARRUFFONE

Lulic 6 – Uno dei pochi a meritare la sufficienza. Cerca di lottare ed è comunque lucido nelle giocate. CORAGGIOSO

Biglia 5,5 – Prova ad impostare come al solito ma viene limitato dall’ottimo pressing rossonero. IMBRIGLIATO

Onazi 5 (dal 46′ Cataldi 5,5 – Il contesto non lo aiuta. Entra in campo cercando di contribuire ad una ripresa diversa ma oggi la Lazio non c’è. POVERINO) – Sbaglia molti palloni in fase d’impostazione e va spesso in difficoltà sulla pressione dei centrocampisti rossoneri. PIEDI DI MARMO

Milinkovic-Savic 5,5 (dal 71′ Matri 6 – Dà, nei limiti del possibile, una ventata di vivacità all’attacco laziale. GENEROSO)  – Non trova quasi mai palle giocabili sulla trequarti, oscurato da Montolivo e limitato dai difensori di Mihajlovic. PALLIDO

Felipe Anderson 4,5 – Giornata da dimenticare in fretta. Abulico e quasi mai nel vivo del gioco. Non salta mai l’avversario. IRRITANTE

Candreva 5 (dal 63′ Kishna 6 – Buone giocate e bel gol con un ottimo sinistro. Ma pesa l’errore che porta il Milan sullo 0-3. PECCATO) – Antonelli lo mura praticamente sempre e non trova mai lo spunto giusto per esser pericoloso. FASE CALANTE

Klose 5 – Lontano dalla miglior condizione e poco aiutato dal gioco corale, non la vede quasi mai tra i centrali del Milan. POCHE KLOSE.

LAPR1096_mediagallery-page
Foto: LaPresse

MILAN (4-3-3)

Donnarumma 6 – Mostra personalità anche con i piedi il “bambinone” alto 1.97. Poteva fare meglio sul gol, ma il futuro è dalla sua parte. PROMESSA

De Sciglio 6 – Grazie all’aiuto dei compagni limita bene un irriconoscibile Felipe Anderson ma per il resto è troppo scolastico. PAROLA D’ORDINE: MIGLIORARE

Alex 6,5 (dal 52′ Mexes 7 – Spesso criticato e ad un passo, in estate, dal lasciare il Milan, si prende la sua rivincita personale l’ex romanista: entra a freddo, esordendo in campionato, e segna dopo pochi secondi. Per il resto difende bene. PERSONALITA’) – Sembra aver dato sicurezza al giovane Romagnoli con la sua esperienza. Mette paura a tutti svenendo su un colpo ricevuto in mischia da Kucka, che lo costringe a lasciare il campo. DA PAURA

Romagnoli 6,5 – Il futuro della Nazionale italiana e del Milan è quì. Personalità e classe. Le sbavature di inizio stagione sono solo un ricordo grazie anche ad una compattezza di squadra ritrovata. CAMPIONCINO

Antonelli 7 – Dalla sua parte non si passa. Non viene mai saltato da Candreva e gioca bene anche palla a terra. TOTEM

Montolivo 7 – Chiude tutti gli spazi davanti l’area ed efficace in cabina di regia. FARO

Kucka 6,5 – Grande corsa e anche buoni piedi. Un ottimo acquisto per rapporto qualità/prezzo. COSTANTE

Bertolacci 7 (dal 35′ Poli 6 – Ha meno qualità di Bertolacci ma fornisce un apporto sostanzioso. LOTTATORE) – Per lui era un derby e lo si vede. Lotta in mezzo al campo e dà qualità alla manovra. Trova il gol che sblocca la partita ma subito dopo esce per infortunio. SFORTUNATO

Cerci 7 (dall’81’ Honda s.v.)- Sembra un Cerci versione-Toro, come da tempo non lo si vedeva. Convinto nelle giocate e decisivo sul primo gol. Colpisce anche un palo dopo una super giocata. RITROVATA FIDUCIA

Bonaventura 7,5 – Un giocatore totale. Si conferma ancora a grandi livelli, a prescindere dal gioco della squadra. Sulla fascia è un “iradiddio” e sono suoi gli assist per i 2 gol della ripresa. Si becca un’ammonizione che gli costa la squalifica: salterà il match contro l’Atalanta, in cui è cresciuto. Conte lo trascura troppo. CAMPIONE MADE IN ITALY

Bacca 6,5 – Si vede poco fino al momento del gol. Ma anche questi sono i grandi giocatori. E tra l’altro il gol è da attaccante vero. BOMBER DI RAZZA

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *