Inter, ora la vetta è solitaria: 4-0 al Frosinone nel posticipo del “Meazza”

fonte: inter.it

La squadra di Mancini “asfalta” la neo-promossa di Stellone e vola da sola in testa al campionato dopo 13 giornate, centrando la quarta vittoria consecutiva

MILANO9 vittorie in 13 partite, nona partita senza subire gol e finalmente gioco discreto con quattro segnature all’attivo. L’Inter di Thohir continua a macinare punti (30 su 39 disponibili), ritrova anche il gol di Icardi (quarta rete per lui in questo campionato) e buone combinazioni tra i suoi giocatori offensivi, per la prima volta schierati tutti insieme. Il Frosinone regge fino ad un certo punto ma poi si scioglie come neve al sole e crolla nel finale.

PARTENZA SPRINT DEL FROSINONE – Dopo un paio di minuti di assestamento, parte bene la squadra ospite (prima volta nella sua storia nel più grande palcoscenico del nostro campionato) che aggredisce alto e sorprende l’Inter. Grande parata del solito Handanovic dopo 10′ su Soddimo che colpisce al volo di sinistro un palla proveniente dalla destra. Provano a rispondere i nerazzurri con le combinazioni tra Ljajic e Jovetic, le incursioni di un buon Telles sulla sinistra e di Biabiany sulla destra.

Fonte: inter.it

FELICITA’ BIABIANY – Ed è proprio l’ala francese a sbloccare un match che poteva diventare complicato: tiro di Jovetic ribattuto dalla difesa, palla ripresa e scagliata in porta dal “fratellino” Adem Ljajic, tiro respinto da Leali che non può nulla sul tap-in (non facile) dell’ex Parma. Inter in vantaggio e grande gioia di tutta la squadra per il centrocampista offensivo, tornato a giocare da poco dopo i problemi cardiaci. Il primo tempo si conclude sull’1-0 senza altre grandissime occasioni.

PREMIATA DITTA LJAJIC-ICARDI – Ad inizio ripresa si mostra ancora più tenace ed offensiva la squadra ciociara che impensierisce i padroni di casa sui calci piazzati e trova un Soddimo in giornata che mette ripetutamente in difficoltà Nagatomo. Sempre puntuali e sicuri invece i centrali Murillo-Miranda che limitano bene Ciofani e Castillo. Bene anche il “comandante” Melo davanti la difesa, meno Kondogbia che perde troppi palloni e spesso è impreciso. Passo indietro rispetto all’ultimo match a Torino per il giovane francese. Tocca, allora, alla coppia Ljajic-Icardi chiudere i conti: ottimo scambio nello stretto tra i due con il capitano nerazzurro che deposita in rete a porta vuota e, dopo il match Bologna, anche oggi deve ringraziare il gioiellino proveniente dalla Roma.

fonte: inter.it

TROPPA ACCADEMIA – Cominciano ad aprirsi praterie di fronte agli attaccanti nerazzurri che, nonostante le buone giocate corali, sono imprecisi nell’ultimo passaggio o nella conclusione. Potrebbe essere il momento giusto per far sbloccare Stevan Jovetic, a digiuno dalla seconda giornata o lo stesso Ljajic, a secco addirittura da Febbraio. Biabiany sfiora la doppietta ma si vede respingere il tiro da Blanchard.

MURILLO E BROZOVIC CHIUDONO I CONTI – Quando il match sembra avviato sul 2-0 ci pensano prima Murillo che, spostato a destra con Ranocchia centrale (esce Nagatomo), si fionda in avanti e trova il gol su delizioso assist di tacco di Jovetic. Nel recupero trova il gol anche il neo-entrato Brozovic che colpisce con un diagonale sul secondo palo su servizio di Ljajic (2 assist alla fine per lui). Finisce così 4 a 0. Inter in vetta a 30 punti e finalmente convincente anche dal punto di vista offensivo; il Frosinone resta a 11 punti, in piena lotta per la salvezza.

 Collegamento permanente dell'immagine integrata

INTER-FROSINONE 4-0
MARCATORI: Biabiany al 29′ p.t.; Icardi all’8′, Murillo al 42′, Brozovic al 47′ s.t.
INTER (4-2-3-1): Handanovic 6,5; Nagatomo (dal 15′ s.t. Ranocchia 6) 5,5, Miranda 6,5, Murillo 7, Telles 6,5; Melo 6,5, Kondogbia 5,5; Biabiany (dal 41′ s.t. Perisic s.v.) 7, Jovetic 6, Ljajic 6,5; Icardi (dal 43′ s.t. Brozovic 6,5) 6,5. (Carrizo, Berni, Jesus, Palacio, Guarin, Montoya, Medel, Gnoukouri, D’Ambrosio). All. Mancini.
FROSINONE (4-4-2): Leali 6; Rosi 5, Diakité 5, Blanchard 5,5, Crivello 5; Paganini (dal 38′ s.t. Carlini s.v.) 5,5, Gori (dal 32′ s.t. Gucher s.v.) 5,5, Sammarco 5,5, Soddimo 6,5; Ciofani (dal 32′ s.t. Longo s.v.) 5,5, Castillo 5,5. (Zappino, Gomis, Frara, Verde, M. Ciofani, Bertoncini). All. Stellone.
ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.
NOTE: Ammoniti Diakité, Miranda, Soddimo, Paganini.
MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: Biabiany 7 – Spina nel fianco della retroguardia frusinate, sblocca la gara con un gol non facile e “rischia” anche di fare il bis nella ripresa. VITA NUOVA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *