Palermo-Juventus, i bianconeri dilagano nel finale: 0-3 al Barbera

PALERMO – La Juventus vince 3-0 sul Palermo. A segno nel secondo tempo Mandzukic, al 54’, Sturaro all’89’, Zaza al 93’.

PRIMO TEMPO – Si comincia a ritmo sostenuto, con la Juventus a condurre la partita e il Palermo che ruba palla e riparte veloce. Schemi di gioco molto diversi: 3-5-2 per i bianconeri, con Cuadrado nuovamente titolare, 4-3-1-2 per i rosanero, con Brugman dietro Vàzquez e Gilardino. È proprio Vàzquez a giostrare l’attacco del Palermo, portando il ritmo, cercando e aspettando i compagni; così anche Dybala per la Juve, che spesso arretra rispetto a Mandzukic e gioca quasi un ruolo da regista. La Juventus sfrutta gli esterni, che trovano ampio spazio tra le mezzali del Palermo, ma i bianconeri non trovano mai la porta, complice anche la buona prova dei centrali rosanero. Verso il 30’, la Juventus gestisce molto bene il possesso palla e comincia ad attaccare anche coi suoi difensori: la prima occasione vera arriva proprio con Bonucci, su corner di Dybala, che però non inquadra la porta. Non la inquadrano nemmeno Sturaro e Mandzukic al 44’, nella mischia in area sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

SECONDO TEMPO – Stesso copione nella ripresa: la Juventus continua fare la partita, mantiene il possesso facendo girare bene il pallone e sfruttando i cambi di gioco; soffre il Palermo, che cerca di contenere i bianconeri a centrocampo, lasciando però liberi gli esterni bianconeri. Al 54’, la Juventus si porta in vantaggio: traversone di Dybala da destra, Mandzukic non sbaglia. 0-1. Non si fermano però i bianconeri, che cercano il raddoppio: ci prova Cuadrado, servito da Pogba in ripartenza, Sorrentino respinge. Cala il ritmo, il Palermo non cambia atteggiamento e continua ad aspettare, senza riuscire né a recuperare il pallone, né a ripartire. Verso l’80’, il ritmo cala vertiginosamente, la Juventus rallenta e gestisce il vantaggio, e raddoppia all’89’ con Sturaro, che si inserisce in area servito da Pogba. L’ultima parola però è di Zaza, che scambia con Morata e sentenzia così il Palermo di Ballardini. Finisce 0-3. È una Juventus che gioca con intensità e vince pur senza fare grandi cose; il Palermo, dal canto suo, ad esclusione della prima mezz’ora di gioco, sbaglia proprio atteggiamento gettando la spugna molto presto: e la sua linea difensiva, che invece sembra funzionare bene, non può reggere da sola fino alla fine.

 

IL TABELLINO:

PALERMO-JUVENTUS 0-3 (primo tempo 0-0)

MARCATORI: Mandzukic (J), 54’; Sturaro (J), 89’; Zaza (J), 93’.

PALERMO (4-3-1-2): Sorrentino; Struna (Rispoli, 74’), Goldaniga, Gonzalez, Lazaar; Chochev, Jajalo, Hiljemark (Quaison, 60’); Brugman; Gilardino (Trajkovski, 67’), Vazquez (a disp.: El Kaoutari, Daprelà, Andjelkovic, Trajkovskj, Rispoli, Alastra, Colombi, Maresca, Quaison). All.: Ballardini

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Cuadrado (Lichtsteiner, 68’), Sturaro, Marchisio, Pogba, Evra; Dybala, Mandzukic (Morata, 67’ (a disp.: Alex Sandro, Zaza, Neto, Morata, Padoin, Rugani, Vitale, Lichtsteiner, Rubinho). All.: Allegri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *