Inter, col Genoa sorpresa Palacio?

Milano – Soli, per una notte, come una settimana fa. Dopo la sconfitta di Napoli, l’Inter ha dovuto cedere il primo posto proprio ai partenopei, ora avanti di 1 punto in classifica. Stasera, contro il Genoa, i nerazzurri cercano l’immediato riscatto perché, da lassù, tutto è molto più bello.

ICARDI NI, PALACIO FORSE – Cercare di capire l’ennesima formazione dell’Inter sta diventando il nuovo passatempo degli appassionati del calcio. Lo stratega Mancini, grazie ad una rosa ampia e competitiva, continua a non dare punti di riferimento di formazione e varia moduli ed interpreti a seconda della partita e dell’avversario. Nei tempi recenti, la scelta di Biabiany contro il Frosinone è stata ripagata in termini di risultati e prestazione del francese, migliore in campo nell’occasione; contro il Napoli, l’irruenza di Nagatomo ha scombussolato i piani e la tattica del tecnico jesino, coraggioso nel privarsi – almeno inizialmente – del talento e dell’estro di Jovetic. Con il Genoa, stasera a San Siro, si potrebbe rivedere Palacio, utilizzato col contagocce fino a questo momento. Per l’argentino si tratta di una gara da ex, l’ennesima: la sfida è appena cominciata.

GASP…CHE? – Una breve, e sfortunata, parentesi in nerazzurro, senza gloria, e malumori diffusi. Gasperini non ha lasciato proprio un bel ricordo ad Appiano Gentile e, soprattutto, tra la tifoseria: la sua idea irremovibile della difesa a 3 non si è mai adattata al gioco nerazzurro, storicamente schierata e costruita con un reparto difensivo più folto. Senza rimpianti, Gasperini venne silurato tra la delusione dei risultati e la consapevolezza di aver fallito in uno dei palcoscenici migliori d’Italia. Poi a Palermo, fino al ritorno nella sua amata Genova, dalla parte rossoblù. Sfiora l’Europa League, il sogno di una vita. Quest’anno ci riproverà. Ah, e magari si toglierà qualche sassolino della scarpa contro la sua ex squadra, quella che non l’ha mai rimpianto.

PROBABILI FORMAZIONI – Mancini deve rinunciare allo squalificato Nagatomo e rilancia Telles sulla fascia sinistra, con D’Ambrosio sul versante opposto. In mezzo al campo probabile avvicendamento tra Felipe Melo e Medel, con Guarin e Brozovic a completare il reparto. Jovetic dovrebbe partire dal 1′, così come Ljajic, andato in gol lunedì con Napoli: Icardi scapita per un posto, in alternativa Perisic o Biabiany. Tre giornate di squalifica a Pavoletti e Gasperini punta tutto su Lazovic, Perotti e Gakpè (favorito su Pandev). Capitan Burdisso a comandare il trio di difesa; chiavi del centrocampo affidate Tino Costa e Rincon, con Figueiras e Laxalt sugli esterni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *