Al Dall’Ara è show: Bologna batte Napoli 3-2

destro napoliBOLOGNA – Il sipario sulla domenica di Serie A si è aperto al Dall’Ara dove è andata in scena una partita ricca di emozioni fin dalle prime battute. Vince il Bologna 3-2 dopo 87′ di dominio e un finale da cardiopalma, Higuain si sveglia nel finale e fa doppietta, ma non basta ad evitare la prima sconfitta partenopea dopo 105 giorni.

BOLOGNA-NAPOLI-DESTRO-ROSSETTINISBLOCCA DESTRO, RADDOPPIA ROSSETTINI – Un primo tempo vivace e senza pause quello messo in scena da Bologna e Napoli. Le due compagini non hanno lasciato spazio a tatticismi, affrontandosi a viso aperto. Al 14′, dopo un’occasione per parte targate Brienza e Callejon, la partita si sblocca: Destro, insegue un lancio in profondità di Diawara, difende alla grande il pallone dall’attacco di Albiol e, all’altezza del dischetto, batte un incolpevole Reina. Il vantaggio galvanizza i rossoblu che poco dopo trovano persino la rete del 2-0 sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A segno Rossettini, lasciato colpevolmente solo al limite dell’area piccola. La reazione del Napoli c’è e le occasioni non mancano ma Mirante, aiutato dal palo, dice di no a Insigne e Callejon, bloccando il punteggio fino alla pausa.

higuainDESTRO FA DOPPIETTA, POI SI SVEGLIA HIGUAIN – Quello che scende in campo per la seconda metà di gioco è tutto un altro Napoli, ma il muro del Bologna è impenetrabile e gli uomini di Donadoni non rinunciano a farsi vedere in avanti. Al 14′ della ripresa Destro si trova fra i piedi i un pallone malamente gestito da Hamsik e non ci pensa un secondo a tirare: la conclusione non è irresistibile ma Reina non calcola bene il rimbalzo e arriva il terzo gol rossoblu. Gli uomini di Sarri accusano e la partita sembra segnata, tanto che per poco Mounier non segna il 4-0, nel finale però sale in cattedra Higuain, che dimostra ancora una volta quanto possa fare la differenza avere un fuoriclasse in squadra. La doppietta dell’argentino però non basta e al triplice fischio è il Bologna ad alzare le braccia.

CHE BOLOGNA – Da Mirante a Destro partita sontuosa per i rossoblu. Un mese e mezzo fa il Bologna era il fanalino di coda di questa Serie A, oggi la musica è cambiata, 10 punti in 5 partite con Donadoni in panchina e Napoli battuto con una grande prestazione. Nel finale il calo di tensione è evidente e poteva costare caro, alla fine comunque arrivano 3 punti d’oro che, in attesa degli altri risultati, vedono i rossoblu prendere le distanze dalla zona rossa.

GIORNATA NO PER IL NAPOLI – Fino a 4′ dalla fine era una giornataccia da cancellare in fretta, la doppietta del solito Higuain ha reso meno pesante il divario, ma il risultato non cambia: vetta del campionato mancata e Juve in avvicinamento a sole 4 lunghezze dagli azzurri. Quasi inesistenti le note positive per Sarri e i suoi, che ancora una volta non riescono a sbancare in Emilia, uno stop pesante che arriva dopo ben 105 giorni di imbattibilità. Ora l’imperativo deve essere quello di lasciarsi alle spalle questa battuta d’arresto e ripartire dalle certezze costruite negli ultimi mesi, una su tutti Gonzalo Higuahin.

IL TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI: 3-2 (primo tempo 2-0)
BOLOGNA (4-3-3) Mirante; Rossettini, Oikonomu, Gastaldello, Masina; Taider, Diawara (dal 46′ s.t. Pulgar), Brienza (dal 20′ s.t. Brighi); Rizzo (dal 29′ s.t. Mbaye), Destro, Mounier. (Da Costa, Stojanovic, Ferrari, Morleo, Donsah, Crisetig, Giaccherini, Falco, Acquafresca).
All.: Donadoni.
NAPOLI (4-3-3) Reina; Hysaj (dal 18′ s.t. Maggio), Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (dal 31′ s.t. David Lopez), Jorginho, Hamsik; Callejon (dal 20′ s.t. Mertens), Higuain, Insigne. (Rafael, Gabriel, Henrique, Chiriches, Strinic, Valdifiori, Dezi, Chalobah, El Kaddouri).
All.: Sarri.
MARCATORI Destro al 14′, Rossettini al 21′ p.t.; Destro al 15′, Higuain al 42′ e 45′ s.t.
ARBITRO
Mazzoleni di Bergamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *