Siviglia-Juventus, ombre sul cammino dei bianconeri

Partita senza troppi pensieri, ma da ammimistrare bene per la Juventus.
Il primo posto è fondamentale e seppur stasera si possa tirar indietro un po’ la gamba, non va fatto eccessivamente.
Juve in formazione tipo quindi, com Morata al posto di Mandzukic ed anche ovviamente gli avversari.

Primo tempo
Juventus in palla fino al 16′, quando sfiora il vantaggio con Sturaro, poi prende il pallino del gioco il Sevilla, che fa compiere internventi decisivi a Buffon.
Al 25′ però fiammata Juventina, Morata si divora un goal fatto.
Il primo tempo scorre con molti tentativi da una parte e l’altra ed una grande parata di Buffon, ma sostanzialmente non pare che ci sia eccessiva volontà di farsi male.
Lo 0 a 0 è una logica conseguenza della seconda parte del tempo, in attesa del tutto e per tutto nella ripresa.

Secondo tempo
Juventus più inteaprendente nell’inzio secondo tempo, crea pericolo con una pressione costante sulla trequarti avversaria fino almeno al 15”.
Il Siviglia ci prova, ma pare davvero troppo prevedibile per passare, e fino al 60” la Juve è più pericolosa di fatto.
Poi al 65” la svolta. Corner dalla sinistra e colpo di testa di Llorente a girare sul secondo palo, il classico goal dell’ex.
Il Siviglia trova coraggio e cerca di chiuderla subito dopo, anche con Gameiro che subentra proprio a Llorente, la Juve pare assai stordita e non reagisce.
Da Monchengladbach arrivano brutte notizie e la Juve si sveglia. Entra Cuadrado per incidere di più.
La Juve ci prova ma è cofusionaria, e non crea mai occasioni nitide.
Oltre al 90″ (vengono dati 5 min. Di recupero) Morata ha la palla del pareggio, ma Morata, in serata davvero no, si mangia un altro goal fatto.
La Juve non riesce più a prenderla e rimane una grande delusione per un girone che era sicuramente da vincere, specie dopo aver battuto due volte il City, e che invece finisce da seconda con grandi rischi per il prossimo turno: tutte le grandi sono arrivate prime, e se anche l’Arsenal fallirà la qualificazione domani, con solo il PSG in seconda fascia da Big. Davvero un grande rimpianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *