In & Out – Focus sui gironi di Europa League

Il Napoli si riprende dopo la batosta subita in campionato contro il Bologna ed infila ben cinque reti al Legia, la Lazio già qualificata riesce solamente a pareggiare in Francia con il St.Etienne, mentre la Fiorentina di Sosa vince di misura grazie alla rete di Babacar contro i portoghesi del Belenenses.

Le sintesi delle partite disputate dalle italiane :

NAPOLI – LEGIA :

Riguardando la partita ci si accorge di quanti goal avrebbe potuto fare il Napoli ieri sera, se ne potrebbero contare almeno 7-8 mentre invece ne sono stati messi a segno solamente 5, anche se forse “solamente” non è il termine più consono.

Ieri sera al San Paolo non vi era neanche la formazione titolare, lasciato a riposare per esempio il pipita, ma è anche vero che l’avversario non era dei più ostici che uno può incontrare sul proprio cammino europeo. Tutto sommato, tra pali, goal annullati e fuorigioco inesistenti, l’armata di Benitez ha sconfitto il Legia per 5-2.

Il pubblico partenopeo si scalda già al 18′ quando un tiro sporco di David Lopez si schianta contro la traversa,  il portiere avversario  riesce solo a guardare il pallone e a sperare che non entri. Al 31′ si sblocca il match, grazie al goal del sierraleonese naturalizzato inglese Nathaniel Chalobah che mette a segno la sua prima rete con la maglia azzurra del Napoli. In una serata come questa non poteva ovviamente mancare il sigillo di Lorenzo Insigne che infatti al 37′ si trova da solo davanti al portiere e firma il goal del raddoppio.

NAPOLI SENZA PIETA’- Si poteva pensare che stasera il Napoli avrebbe preso la partita alla leggera vista la qualificazione già certa, invece gli undici di Rafa Benitez corrono e lottano come dei leoni. Al 46′ viene annullato, per motivi ancora ignoti, un goal validissimo di Chiriches che era stato più bravo di tutti a saltare e a colpire il pallone di testa. Il secondo tempo non coincide con un cambio di copione, gioca solo il Napoli. Infatti  al 56′ arriva la terza rete, questa volta realizzata da Callejon su assist di Mertens.

Al 61′ piccola defiance della squadra di casa che illusa da un fuorigioco inesistente, resta immobile e permette al Legia di accorciare le distanze con la rete di Vranjes. Le distanze si accorciano, quindi il Napoli decide di attaccare con ancora maggiore intensità e quindi dopo soli tre minuti arriva il quarto goal, grazie ai piedi di Mertens che ha disputato una partita davvero su livelli elevatissimi, ottima vetrina per lui questa Europa League.

FINALE DI PARTITA- Quando al 70′ la partita sembra praticamente conclusa e il Legia si può tranquillamente definire uno spettatore non pagante, arriva Mertens e si improvvisa fenomeno, dribbla tutti sulla destra, entra in area e prova un “cucchiaio” sul portiere avversario che viene salvato dall’intervento provvidenziale di un suo difensore; non è finita qui, infatti proprio sulla ribattuta del difensore arriva la conclusione al volo di Callejon che si stampa sul palo.

Infine al primo minuto di recupero sempre Mertens trova la doppietta personale con un tiro dalla lunghissima distanza sulla quale Kuciak non può proprio nulla. Un colpo di testa al 93′ di Prijovic chiude la partita sul 5-2 finale.

Sicuramente dopo questa performance i tifosi del Napoli saranno riusciti a mandare giù il boccone amaro della sconfitta subita in campionato contro i neo promossi del Bologna.

FIORENTINA – BELENENSES : Per sintetizzare questa partita, secondo me, basterebbe dare un occhiata alle statistiche : i tiri complessivi della Fiorentina sono stati 22 mentre quelli dei portoghesi solamente 4, il possesso di palla si delinea su una percentuale di 64% a 36% ed infine 18 falli commessi dalla squadra ospite rispetto ai 6 dei viola. Si può parlare di risultato bugiardo ? Ebbene sì, la Fiorentina passa il turno ed accede ai sedicesimi ma l’ 1-0 sicuramente andrà stretto ai tifosi viola che hanno assistito ad una gran partita dei loro idoli.

Sicuramente la terapia Sosa a Firenze sta funzionando a meraviglia, ieri la Fiorentina è stata per tutti i 90′ minuti molto propositiva e ha giocato su ritmi elevatissimi; importantissime le incursione sulle fasce di Gilberto e di Marcos Alonso, il secondo oltretutto è anche andato vicinissimo alla rete con un tiro dalla distanza.

Alla fine il goal della vittoria è arrivato grazie ad un numero di Babacar che in area fa fuori un difensore avversario e da fermo punisce il portiere avversario ed insacca la palla in rete.

Tra i momenti più salienti della partita, possiamo sottolineare la traversa presa da Babacar al 25′ con un colpo di testa e anche al 47′ quando Sepe rischia l’unica volta l’incolumità della sua porta, oltretutto con un tiro beffardo deviato proprio da uno dei suoi difensori. Infine al 53′ altra traversa, sempre di testa ma con questa volta il  protagonista è Alonso.

Gli undici di Sosa grazie a questo successo mettono un’ipoteca sul passaggio del turno e accedono ai sedicesimi come secondi del girone.

ST.ETIENNE – LAZIO : La Lazio di Pioli chiude da imbattuta il girone G dopo una bellissima partita contro il St.Etienne finita con un pareggio per una rete a testa.

Sicuramente la sfida tra i francesi e i laziali è stata la sfida più equilibrata tra quelle giocate ieri dalle italiane. Le danze vengono aperte al 52′ quando il mitra Matri è bravissimo a raccogliere l’assist fortuito di Konko e spedire il pallone in rete; inoltre solamente due minuti più tardi Djordjevic si divora il goal del KO sbagliando una conclusione elementare a due passi  dalla porta. Il St.Etienne nonostante il risultato a sfavore non abbassa mai la testa e continua ad attaccare impensierendo innumerevoli volte l’estremo difensore laziale Berisha. Infatti al 76′ arriva la rete del pareggio di Eysseric che dalla distanza tira in porta e grazie ad una traiettoria ingannevole riesce a insaccare il pallone oltre le spalle di Berisha. Nel finale il St.Etienne rischia addirittura di vincerla questa partita se non fosse che Maupay  davanti alla porta calcia fuori in malo modo. Finisce 1-1 contro il St.Etienne, i tifosi della Lazio nonostante un campionato non brillante si potranno consolare con un primo posto nel girone e con un passaggio di turno da testa di serie.

LE QUALIFICATE DEI GIRONI :

  • PRIMA FASCIA – Napoli, Lazio, Basilea, Athletic Bilbao, Molde, Krasnodar, Rapid Vienna, Braga, Liverpool, Lokomotiv Mosca, Tottenham, Schalke.
  • SECONDA FASCIA – Saint-Étienne, Fenerbahce, Sion, Borussia Dortmund, Villareal, Marsigia, Midtjylland, Fiorentina, Sporting Lisbona, Anderlecht, Sparta Praga, Augsburg.

Ora non resta che attendere i sorteggi nell’urna di Nyon che avverranno lunedì 14 dicembre alle ore 13.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *