La legge di Mandzukic: quando il Croato segna la Juve vince

Torino – Dopo un inizio difficile, caratterizzato da tanto scetticismo, il gigante di Croato si è preso la Juventus, ricompensando la fiducia che Allegri gli ha concesso in questo inizio di stagione. Il momento d’oro di Mandzukic ruota molto intorno alle scelte del mister bianconero. Facciamo un piccolo passo indietro, la rincorsa del Croato parte il 25 novembre contro il City. Allegri preferisce, tra l’incredulità e le critiche dei tifosi, il Croato al bomber di Coppa Morata. Esito finale? Mandzukic segna il gol decisivo nella vittoria per 1 a 0 sugli inglesi che vale l’accesso agli ottavi di finale con un turno di anticipo. Da quel momento in poi l’attaccante ex Atletico Madrid non si è più fermato: quattro gol nelle ultime quattro giornate di serie A ma soprattutto una centralità nel progetto tattico di Allegri che lo ha reso un uomo indispensabile.

 

Gol&Vittoria – I gol, in realtà, Mandzukic in carriera li ha sempre segnati, dalla Germania alla Spagna, il feeling con la rete non è mai mancato all’attaccante Croato. Continuità che invece è mancata nei primi mesi in Italia, conseguenze di una forma fisica lontana dal top e soprattutto di una condizione generale della squadra che non aiutata le caratteristiche di Mario. La svolta è stata senza dubbio il passaggio al 3 5 2, i cross di Alex Sandro a Cuadrado e soprattutto un’ottima intesa con Dybala.
Inoltre i gol di Mandzukic significano sempre vittoria, in questa stagione il Croato è andato a segno per 9 volte che hanno sempre significato vittoria per i bianconeri. Gol sempre più importanti che stanno lanciando la Juventus verso una rincorsa che pochi mesi fa sembrava impossibile e che ora invece vede i bianconeri a soli tre punti dalla capolista Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *