Risorge il Napoli ancora nel segno del “Pipita”: espugnata Bergamo (1-3)

Gli uomini di Sarri passano grazie ad un rigore di Hamsik (che ne sbaglia un altro) e la doppietta di Higuain. Del Papu Gomez il momentaneo pareggio di una bella Atalanta.

BERGAMO – Torna a vincere il Napoli dopo il punto conquistato nelle ultime due partite contro Bologna e Roma, con un “Pipita” sempre più decisivo in questo campionato: 16 gol in 17 partite per lui, praticamente un mostro. Una comunque bella e gagliarda Atalanta ha ceduto il passo alla maggiore qualità degli avversari che, soprattutto nel primo tempo, hanno subito il continuo pressing dei padroni di casa. Nella ripresa, però, l’ex attaccante del Real Madrid ha fatto la differenza nell’1-3 finale, troppo pesante per quanto visto in campo.

TREMA IL NAPOLI — Subito vicino al gol l’Atalanta con Denis che lancia a rete Moralez: sulla conclusione del “folletto” bergamasco, Reina riesce a respingere di piede. Poco spumeggiante questo Napoli, sulla scia degli ultimi incontri, con Higuain stretto nella morsa della coppia Paletta-Stendardo. Il primo tempo del campione argentino non è propriamente da ricordare: prima Bassi gli respinge una conclusione sul cross di Hysaj, poi si fa anticipare da Paletta su suggerimento di Jorginho. Meglio i padroni di casa che creano più volte momenti di apprensione nella difesa partenopea: prima con Grassi che, dal limite, scaglia un tiro che sorvola di poco la traversa; poi, è Cigarini che esalta le doti di Reina. Dall’altra parte Hamsik non riesce a farsi a vedere ed Insigne gioca troppo largo e isolato sulla sinistra.

Foto Ansa

DUE PIPITE SOTTO L’ALBERO — Ma nella ripresa cambia subito la musica: ma a dirigere l’orchestra, a sorpresa ed in maniera incredibile, è l’atalantino De Roon che, nel tentativo di anticipare Higuain, provoca goffamente il rigore toccando di mano. Sul dischetto va Hamsik (fermo al gol segnato alla “prima” contro il Sassuolo) che realizza col “brivido”: palla sulla traversa e di poco aldilà della linea di porta: che sia benedetta la gol-line technology! Sotto di un gol, l’Atalanta reagisce alla grande trovando subito il pareggio con Gomez dopo due minuti: stupenda la combinazione con Moralez e Denis, palla che s’insacca all’angolino basso. Ma, a questo punto, sale in cattedra il fenomeno di questo campionato, ovvero Gonzalo Higuain: stacco di testa su corner di Jorginho al 17′ e partita chiusa cinque minuti dal termine con un’azione di contropiede. C’è ancora il tempo per Hamsik di fallire un  rigore concesso da Rocchi per il fallo di Paletta su Mertens. Il difensore argentino, con passaporto italiano prende il doppio giallo e viene espulso, così come era successo all’altro oriundo, ma del Napoli, Jorginho. Torna a volare il Pipita e di conseguenza il Napoli, che resta al secondo posto appaiato con la Fiorentina.

ATALANTA -NAPOLI 1-3 
MARCATORI: Hamsik (N) al 7′ (rig.), Gomez (A) al 9′, Higuain al 17′ e 40′ s.t.
ATALANTA (4-3-3): Bassi 6,5; Bellini 5,5 (dal 18′ s.t. Raimondi s.v., dal 34′ Masiello s.v.), Stendardo 6, Paletta 5, Brivio 6; Grassi 6, De Roon 4,5 (dal 33′ s.t. D’Alessandro s.v.), Cigarini 6; Moralez 6, Denis 6, Gomez 6,5. (Radunovic, Toloi, Migliaccio, Estigarribia, Saugher, Monachello). All. Reja.
NAPOLI (4-3-3): Reina 6,5; Hysaj 6, Albiol 6, Koulibaly 6, Ghoulam 6; Allan 5,5 (dal 21′ s.t. David Lopez 6), Jorginho 5,5, Hamsik 7; Callejon 6, Higuain 7,5 (dal 44′ s.t. Maggio s.v.), Insigne 5,5 (dal 27′ s.t. Mertens 6,5). (Rafael, Gabriel, Strinic, Henrique, Valdifiori, Chiriches, Gabbiadini, El Kaddouri, Chalobah). All. Sarri.
ARBITRO Rocchi di Firenze.
NOTE Espulsi: Jorginho al 28′ s.t., Paletta al 45′ s.t. Ammoniti: Koulibaly, Jorginho, Cigarini per gioco scorretto.

MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: Higuain 7,5. Beh, che dire. Semplicemente il miglior giocatore del campionato, una spanna sopra tutti. Se continua così può far sognare Napoli e sfondare il tetto dei 30 gol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *