Volley F., qualificazioni olimpiche 2016: l’Italia passa dal baratro alla speranza di qualificazione. Decisive Egonu e Diouf

L’Italia resta ancora appesa alla qualificazione grazie al successo in rimonta al tie break sul Belgio. Le azzurre, sotto per 1-2, si riprendono e battono le belghe al quinto set grazie ad Egonu e Diouf, dopo aver annullato un match point alle avversarie. Ora battendo la Polonia possono ancora sperare nella qualificazione alla semifinale del torneo di Ankara che assegna un posto per i Giochi di Rio 2016.

10633295_998757643530596_6826053676238794471_o
L’Italia, dopo tanta sofferenza, può esultare per il successo al tie break

I SESTETTI – Il tecnico Bonitta ripropone il sestetto iniziale visto ieri con la Russia, con Ferretti al palleggio, Centoni opposta, Del Core e Bosetti in banda, Chirichella e Guiggi al centro e la novità Sansonna libero. Il Belgio si affida alla consueta formazione con la palleggiatrice Dirickx, l’opposta Van Hecke, le schiacciatrici Rousseaux e Leys, le centrali Aelbrecht e Heyrman ed il libero Courtois.

LA PARTITA – Il primo set della partita è molto simile a quello di ieri con la Russia, con l’Italia che non riesce proprio ad entrare in partita. Il Belgio ringrazia e con Van Hecke e Aelbrecht, si porta a condurre senza problemi (16-25). Dal secondo set, con Egonu in campo per Bosetti, la musica inizia a cambiare con le belghe che calano e le azzurre che sono più concentrate. Il break arriva sul 20-17 con un muro proprio di Egonu, con l’Italia che riesce a impattare (25-23). Nel terzo parziale ci sono sul parquet Orro e Diouf, oltre alla confermata Egonu, con quest’ultima che parte alla grande con 5 punti personali (6-3). Il Belgio, però, non ci sta e con un parziale di 0-6 ribalta subito la situazione (6-9). Leys diventa infermabile (9-15), l’Italia ci prova fino alla fine (22-23), ma una doppietta di Van Hecke (22-25) riporta avanti il Belgio.

RIMONTA – Il ct Bonitta conferma la linea giovane nel quarto set, con le azzurre che dal 10 pari prendono il comando. Il filotto in battuta di Diouf (14-10) porta al primo allungo, poi sempre l’opposta e Egonu (21-15) stendono definitivamente le avversarie (25-17). Nel tie break l’Italia sembra più motivata con Danesi in campo per Chirichella, con le azzurre avanti di tre al cambio campo (8-5). Il Belgio si riporta in partita (8-8), l’Italia rifugge (13-10), ma si decide tutto ai vantaggi (13-13). Orro regala in primo match point alle azzurre, ma Van Hecke e Leys ribaltano la situazione e mettono l’Italia con le spalle al muro (14-15). Il trio Diouf (in attacco), Danesi (a muro) e Egonu (in battuta) concedono ancora qualche speranza di qualificazione all’Italia (17-15).

DECISIVE – La panchina azzurra, a differenza di ieri con la Russia, è stata decisiva per ribaltare la non facile situazione che si era creata oggi contro il Belgio. Con Centoni e Bosetti sottotono, Valentina Diouf e Paola Egonu si sono caricate la squadra sulle spalle, giocando una super partita conclusa rispettivamente con 20 e 21 punti personali. Buona prestazione anche dalla centrale Martina Guiggi (15 p.) e di Anna Danesi, subentrata nel tie break e autrice di 5 punti.

ORA POLONIA – Domani si giocherà l’ultima partita del girone, decisiva per il passaggio alla semifinale. La classifica, al momento, vede Russia in testa a quota 6, Belgio a 4, Italia a 2 e Polonia che chiude a 1. L’Italia deve battere la Polonia e sperare in una vittoria della Russia sul Belgio per proseguire il suo inseguimento alle Olimpiadi di Rio 2016.

Questo il tabellino della partita.

ITALIA – BELGIO 3-2 (16-25; 25-23; 22-25; 25-17; 17-15)

ITALIA: Ferretti 1, Centoni 6, Del Core 8, Bosetti 3, Chirichella 4, Guiggi 15, Sansonna (L), Orro, Diouf 20, Gennari, Egonu 21, Danesi 5. N.e.: De Gennaro. All. Bonitta.

BELGIO: Dirickx 5, Van Hecke 23, Rousseaux 15, Leys 12, Aelbrecht 10, Heyrman 16, Courtois (L), Van de Vyver, Biebauw, Vandesteene, Lemmens, Ruysschaert. N.e.: Grobelna, Van Gestel. All. Vande Broek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *