Anno nuovo, Inter vecchia: 1-0 ad Empoli con Icardi-gol

FOTO: ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI

I nerazzurri restano in vetta pur non giocando ancora un gran calcio. Icardi trova il suo ottavo gol in stagione, il terzo consecutivo. I ragazzi di Giampaolo protestano per un intervento di Murillo su Pucciarelli.

EMPOLI – Non bella come la Fiorentina; non spumeggiante come il Napoli; non straripante come la Juve degli ultimi mesi. L’Inter di quest’anno naviga esattamente in direzione opposta, dal punto di vista del gioco, rispetto alle dirette avversarie ma con cinismo e concretezza riesce a portare a casa il bottino pieno. L’1-0, come successo ad Empoli (una delle squadre più in forma del campionato), è ormai il “marchio di fabbrica” dell’Inter di Mancini che, nonostante tutto, ad una giornata dal termine del girone d’andata, è ancora lì, in vetta alla classifica.
foto: ANSA
EMPOLI PIMPANTE – Roberto Mancini riparte dal 4-3-3 con Perisic e Ljajic ai fianchi di Icardi (Jovetic in panchina). Il “bell’Empoli” di Giampaolo, risponde col trio Saponara-Pucciarelli-Maccarone che tanto bene ha fatto fino ad ora. La partita nella prima frazione è molto intensa, senza grandissime giocate, con un Empoli che gestisce bene la palla grazie alla qualità dei suoi palleggiatori e l’Inter che difende  e riparte. La prima vera occasione è una punizione di Maccarone dal limite, con Handanovic che risponde presente. Anomalo primo tempo del portierone nerazzurro che gioca quasi da libero (alla Neuer per intenderci), con un paio di ottime sortite dall’area sulle veritcalizzazioni empolesi e prende anche diverse “botte” in pochi minuti: sulla coscia da Pucciarelli, sul braccio da Maccarone e, per finire, viene travolto su angolo da Costa.
Foto: ANSA
IL “MORSO” AL VELENO DI MAURITO La seconda metà inizia con l’Empoli ancora pericoloso: sponda di Pucciarelli per Zielinski che di piatto non c’entra lo specchio della porta. Al 37′ destro violento di Buchel con ancora il portiere sloveno dei nerazzurri a dire di no. Ma, proprio allo scadere, al primo reale tiro in porta, l’Inter fa centro: Icardi “brucia” Barba in anticipo sul primo e deposita in rete l’assist di Perisic dalla sinistra. Risultato bugiardo per quello che si è visto, ma lo si sa, l’Inter di quest’anno è anche, se non soprattutto, questa: brutta, coriacea e spietata.
PROTESTE EMPOLESI Il secondo tempo riparte con l’Empoli in avanti. Nagatomo va “molle” su una brutta palla di Ljajic e la regala a Pucciarelli che trova Saponara, il cui destro è troppo centrale per impensierire più di tanto Handanovic. Prova a reagire l’inter, che alza, che se di poco, il livello di gioco. E’ Brozovic a tentare un tiro piazzato con palla larga di poco.  Il secondo tentativo interista della ripresa porta la firma Kondogbia che, di piattone, mette fuori di poco. Al 28’ ecco le proteste vibranti dei giocatori dell’Empoli per un intervento di Murillo su Pucciarelli servito da Saponara. Per Celi, probabilmente impallato dai giocatori, non è rigore. La girandola di cambi finale non fa mutare il risultato con l’Inter che vince e ritrova la vetta solitaria.
Icardi e compagni festeggiano a fine gara. LaPresse
Foto: ANSA
EMPOLI-INTER 0-1
MARCATORE: Icardi al 46′ p.t.
EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski 6; Laurini 5,5, Costa 6, Barba 6, Mario Rui 6; Zielinski 5,5, Paredes 6,5 (dal 42′ s.t. Piu s.v.), Buchel 5,5 (dal 19′ s.t. Croce 5,5); Saponara 6; Pucciarelli 6, Maccarone 5,5 (dal 19′ s.t. Livaja 6). (Pugliesi, Pelagotti, Cosic, Camporese, Zambelli, Bittante, Maiello, Diousse, Krunic). All. Giampaolo.
INTER (4-3-3): Handanovic 7; D’Ambrosio 6, Miranda 6,5, Murillo 5,5, Nagatomo 6; Brozovic 6, Medel 6, Kondogbia 6 (dal 35′ s.t. Guarin s.v.); Perisic 6,5, Icardi 7 (dal 41′ s.t. Jovetic s.v.), Ljajic 6 (dal 45′ s.t. Juan Jesus s.v.). (Carrizo, Montoya, Santon, Ranocchia, Gnoukouri, Telles, Palacio, Biabiany, Manaj). All. Mancini.
ARBITRO: Celi di Bari.
NOTE: Ammoniti Murillo, Paredes, Brozovic, Croce.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *