Empoli corsaro, Maccarone colpisce ancora: 0-1 all’Olimpico, per il Toro è proprio crisi

TORINO – L’Empoli si conferma tra le rivelazioni del campionato, riprendendosi prontamente dalla sconfitta (a testa alta) con l’Inter ed andando a vincere sul terreno del Toro. I granata sono alla quarta sconfitta consecutiva in partite ufficiali e adesso la parola “crisi” pare davvero giustificata. I ragazzi di Ventura restano quattordicesimi a 22 punti, quelli di Giampaolo salgono al settimo posto con 30 punti e sentono profumo d’Europa.

LE FORMAZIONI – Diverse le novità per il Toro: Ventura ripropone in attacco Martinez e Gazzi a centrocampo, ma soprattutto in difesa rientra Maksimovic dopo tre mesi di infortunio. In panchina Quagliarella, contestato dopo le scuse ai tifosi del Napoli. Nessuna novità invece per l’Empoli, con Giampaolo che schiera praticamente la formazione tipo.

IL TORO SPRECA CON MARTINEZ, L’EMPOLI OSA CON MACCARONE E MARIO RUI – Il Toro parte amministrando il gioco e provando a rendersi pericoloso. Ci riesce al 14’: Martinez viene liberato in piena area ma calcia praticamente in bocca a Skorupski che devia sul fondo. L’Empoli, graziato, si scuote e dà i brividi al Toro: prima Maccarone tira a fil di palo (22’) poi Mario Rui centra la traversa su punizione. Nel finale il Toro torna a giocare un po’ e ha un’altra buona occasione: Maksimovic pesca Martinez davanti a Skorupski, ma il venezuelano sbaglia ancora malamente.

Josef Martinez, attaccante del Torino (fonte immagine: www.gazzetta.it)
Josef Martinez, attaccante del Torino (fonte immagine: www.gazzetta.it)

SECONDO TEMPO: MACCARONE COLPISCE… – La ripresa parte senza cambi e con la stessa impressione del primo tempo: Toro che prova a costruire senza riuscirci, Empili che difende con ordine senza rinunciare al contropiede. Al 10’ i toscani colpiscono: Maccarone vince un rimpallo su Gazzi, si muove bene in area e infila Padelli sotto le gambe.

empoli

…E IL TORO PERISCE – Il Toro prova a reagire e due minuti dopo ha una occasione con Belotti, ma l’ex Palermo calcia fuori da buona posizione. Ventura inserisce Zappacosta per Molinaro e Maxi Lopez per un fischiatissimo Belotti, ma i cambi non danno gli effetti sperati: l’Empoli gestisce il vantaggio e si fa anche vivo in area avversaria. L’unico guizzo granata è al 26’, quando un bel tiro di Bruno Peres costringe Skorupski alla deviazione in angolo. I minuti rimanenti sono una sterile pressione del Toro e un paio di incursioni di Saponara e Paredes in contropiede (fuori di un soffio il tiro di quest’ultimo). Niente di più ma all’Empoli basta e avanza: finisce 0-1 all’Olimpico, con i fischi assordanti della Curva Maratona ad accompagnare l’uscita dal campo dei granata.

Daniele Padelli, portiere del Torino (immagine La Stampa)
Daniele Padelli, portiere del Torino (immagine La Stampa)

TORINO-EMPOLI 0-1
Marcatore: st 11′ Maccarone.
Torino (5-3-2): Padelli 5; Brino Peres 5.5, Maksimovic 6.5, Glik 6, Moretti 6, Molinaro 5 (15′ st Zappacosta 6); Benassi 5 (36′ st Vives n.g.), Gazzi 6.5, Baselli 5.5; Belotti 5 (23′ st Maxi Lopez 5.5), Martinez 5. A disposizione: Ichazo, Castellazzi, Bovo, Jansson, Silva, Avelar, Prcic, Quagliarella. Allenatore: Ventura.
Empoli (4-3-1-2): Skorupski 7; Laurini 6.5, Barba 5.5, Costa 6, Mario Rui 6.5; Buchel 5.5 (st 6′ Croce 6), Paredes 6, Zielinski 6; Saponara 6.5; Livaja 5 (st 6′ Pucciarelli 5.5), Maccarone 7 (41′ st Piu n.g.). A disposizione: Pelagotti, Camporese, Bittante, Tonelli, Zambelli, Maiello, Dioussé, Krunic. Allenatore: Giampaolo.
Arbitro: Gervasoni di Mantova (assistenti Schenone e Peretti; giudici di porta Mariani e Pezzuto; IV uomo Crispo).
Note: Ammoniti: pt 20′ Molinaro, pt 26′ Buchel, pt 32 Livaja, pt 35′ Belotti, pt 46′ Maccarone, st 18′ Barba, st 45′ Zappacosta, st 48′ Laurini. Recupero: pt 1′, st 5′.

MACCARONE 7 (MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN) – Il centravanti dell’Empoli sta vivendo una seconda giovinezza: cinque degli ultimi sette gol dei toscani portano la sua firma. Oggi non strafa ma è comunque bravissimo ad approfittare di un rimpallo e trovare la rete che decide il match.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *