La Juve vince la ‘prova del 9’: 2-1 a Marassi con la Sampdoria

L'esultanza della squadra che si aggiudica il derby

GENOVA – Finisce 1-2 il posticipo tra Sampdoria e Juventus. A segno nel primo tempo, Pogba al 17’; nella ripresa, Khedira al 46’, e Cassano al 64’.

PRIMO TEMPO – Si gioca tutto nella metà campo della Sampdoria, a ritmo basso, con la Juventus che fa la partita spingendo soprattutto dalla sinistra, con Evra; i blucerchiati concedono pochi spazi in area e fanno affidamento sugli esterni Carbonero ed Eder per le ripartenze. Primo guizzo della partita è di Hernanes al 16’: buon tiro di sinistro da oltre venti metri, Viviano respinge coi pugni. Nella Juventus, in assenza di Marchisio, è Bonucci a impostare: palla alta nella trequarti, Pogba, spalle alla porta, stoppa e calcia; tiro non potente ma preciso, Cassani non può intervenire e per Viviano c’è poco da fare. 1-0 per i bianconeri. Il gol scuote la Samp, che si affaccia nell’area di rigore per la prima volta al 19’ con la prima azione di Cassano ad allargare per Cassani, il cui cross si spegne in fallo laterale. E dopo la reazione dei blucerchiati, che nel frattempo hanno cominciato a pressare di più i bianconeri, Viviano è di nuovo chiamato in causa, questa volta su punizione di Dybala, su cui non arriva nessun altro ad eccezione del portiere. Al 41’ è invece punizione per i blucerchiati al limite dell’area bianconera: va Fernando a calciare, ma il pallone si schianta sulla barriera.

SECONDO TEMPO – Comincia bene la Juventus nella ripresa: al 2’ Dybala trova un bel filtrante per Khedira, che non può sbagliare. È il 2-0 per i bianconeri. Dall’altra parte, però, la Sampdoria prosegue così come aveva terminato il primo tempo: le giocate migliori vengono sempre dai piedi di Cassano, vedasi il cross da destra per Eder al 60’. La Juventus però sfiora il 3-0 almeno in un paio di occasioni: la prima con Dybala, sinistro a giro che Viviano manda in corner; la seconda con Morata, in tuffo su cross di Hernanes. La partita si accende, la Samp prende coraggio e la riapre: Carbonero, in caduta, trova il tocco di prima per Cassano, che prende il tempo a Buffon e insacca. 1-2 al 64’. Blucerchiati vicini al raddoppio con Fernando, che si accentra e carica il destro, pallone fuori di pochissimo. Il ritmo si alza, la Sampdoria resta in partita e si rende pericolosa fino alla fine: all’88’, punizione di Fernando, Zukanovic colpisce alto; poco dopo, Carbonero prova il cross in area, Buffon interviene. Finale rovente, la Juventus soffre gli ultimi minuti e la Samp rimane in dieci. Finisce 1-2 ed è la nona vittoria di fila per i bianconeri, che si piazzano secondi in classifica.

 

IL TABELLINO:

SAMPDORIA-JUVENTUS 1-2

MARCATORI: Pogba (J), 17’; Khedira (J), 46’; Cassano (S), 64’.

SAMPDORIA (4-3-3): Viviano; Cassani, Moisander, Zukanovic, Regini; Fernando, Barreto (Muriel, 73’), Soriano (Ivan. 37’); Carbonero, Cassano, Eder (Rodriguez, 85’) (a disp.: P.Pereira, Krsticic, Coda, Rodriguez, Puggioni, Muriel, Correa, Palombo, Christodoulopoulos, Ivan, Brignoli). All.: Montella

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Rugani, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner (Cuadrado, 65’); Khedira, Hernanes, Pogba, Evra; Dybala (Padoin, 86’), Morata (Zaza, 75’) (a disp.: Sturaro, Padoin, Vidalo, Audero, Caceres. Asamoah, Alex Sandro, Zaza, Cuadrado, Neto). All.: Allegri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *