Il Carpi spera, la Samp crolla

L'esultanza di Lollo

Carpi – mentre i cugini del Genoa,  dopo la sconfitta nel derby della Lanterna, contano due vittorie consecutive, la Samp invece, pur avendo vinto la stracittadina, rimedia la seconda sconfitta in due gare e adesso si ritrova con il Genoa alle spalle di un solo punto. Il Carpi balza al terz’ultimo posto e a quattro punti dal Palermo, pesantemente sconfitto appunto in casa del Genoa, e spera in un miracolo-salvezza.

Carpi Sampdoria

Primo tempo – la gara si fa subito emozionante e Antonio Cassano al 15′ trova il gol, ma il guardalinee alza la bandierina e l’arbitro annulla per netta posizione irregolare. La gara procede equilibrata e il match offre occasione su entrambi i lati. Rompe gli schemi Lollo al 28′, quando il pallone gli rimbalza nei piedi in area e ribadisce in rete senza pensarci due volte mirando l’angolino basso di sinistra. Il Carpi passa, ma la Samp reagisce e dopo soli 5′ trova il gol del pareggio grazie Soriano che innesca Correa smarcato in area che insacca il pareggio nell’angolino di destra. Dopo 5′ la Samp ha un’altra grande occasione con Cassano, che riceve un passaggio millimetrico al limite dell’area e calcia con prontezza verso lo specchio della porta, ma il pallone si stampa sulla traversa. Il primo tempo termina con le squadre in parità.

Cassano alle prese con Pasciuti
Cassano alle prese con Pasciuti

Secondo tempo – la prima grande emozione della ripresa arriva al 55′, quando Fernando (S) ferma un’azione offensiva degli avversari con un fallo. L’arbitro lo grazia e gli risparmia il cartellino giallo ma assegna il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Mbakogu che con freddezza insacca sfiorando il palo alla destra di Belec. La Samp si ritrova ancora una volta ad inseguire e prova a reagire al 62′ con una bella punizione dal limite dell’area di Fernando che prova a riscattarsi del rigore causato poco prima, ma il pallone si scaglia sul palo sinistro. Secondo legno per la Samp. Subito dopo Montella manda in campo forze fresche e butta nella mischia Muriel e Carbone per Barreto e Pereira. Ma è ancora il Carpi a rendersi pericoloso al 71′ con Mbakogu, l’autore del rigore, che controlla bene un passaggio in area e si crea lo spazio per calciare un tiro basso centrale che un difensore blucerchiato è costretto a superarsi per riuscire a spazzare. All’80’ Montella rileva anche Correa, l’autore del gol del momentaneo pareggio, per Rodriguez. All’86’ Gagliolo riceve dall’arbitro il secondo cartellino giallo che gli costa l’espulsione, lasciando così in 10 uomini la sua squadra nel tentativo finale di portare a casa tre punti preziosi. La Samp prova a raddrizzare almeno parzialmente il match ma i suoi tentativi offensivi sono blandi. Le principali occasioni arrivano solo da calcio piazzato ma non vengono sfruttate adeguatamente. Tra Carpi e Sampdoria fa 2 a 1.

Carpi Sampdoria

Castori ottiene tre punti d’oro in chiave salvezza per il suo Carpi, come dicevamo ora a -4 dal Palermo. La Samp crolla, le aspettative in casa blucerchiata, per questa gara, erano ben diverse.

Castori si compiace con i suoi
Castori si compiace con i suoi

 

TABELLINO:

CARPI-SAMPDORIA 2-1 (1-1).
MARCATORI: Lollo (C) al 27′, Correa (S) al 33′, Mbakogu su rig. (C) al 55′.

CARPI: Belec; Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo, Letizia; Pasciuti, Cofie, Bianco (Lasagna dal 61′), Di Gaudio (Crimi dal 66′); Lollo; Mbakogu (Mancosu dal 75′). (Brkic, Suagher, Crimi, Marrone, Daprelà, Martinho, Matos). All.: Castori.
SAMP: Viviano; Pedro Pereira (Carbonero dal 64′), Silvestre, Zukanovic, Regini; Soriano, Fernando, Barreto (Muriel dal 64′); Eder, Cassano, Correa (Rodriguez dal 80′). (Puggioni, Brignoli, Coda, Palombo, Ivan, Christodoulopoulos). All.: Montella.

ARBITRO: Mariani di Aprilia.
NOTE: espulso al 86′ Gagliolo (C); ammoniti Gagliolo (C), Cofie (C), Soriano (S).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *