Empoli – Udinese: che empoli, ma il catenaccio friulano manca di poco il colpaccio!

508228712

 

Empoli – Al Castellani si presenta l’Udinese di Colantuono che, come i padroni di casa, non attraversa il miglior periodo di forma della stagione. Bianconeri ancora a ricerca della vittoria che manca dal match dell’epifania contro l’Atalanta, arrivano in toscana con l’obbligo di riuscire a ritrovare una solidità tattica che manca da inizio stagione. Empoli che rappresenterebbe l’avversario ideale: con soli 3 punti in 4 partite l’undici di Giampaolo attraversa il peggior momento stagione. Colantuono schiera il consueto 3-5-2, dando subito spazio ai nuovi arrivati: a sostegno di Zapata c’è l’ex Carpi, di proprietà della Fiorentina, Ryder Matos; centrocampo di qualità con Bruno Fernandes, Lodi e Halfreddson (ex Hellas Verona). Giampaolo risponde con il classico 4-3-1-2, rispolverando Croce a centrocampo e Camporese in mezzo alla difesa.

Calcio d’inizio – L’Empoli prende subito in mano il pallino del gioco, con i bianconeri che si limitano a ripartire: dopo una straordinaria parata di Karnezis su punizione di Paredes, Bruno Fernandes lancia Matos che, una volta a tu per tu con Skorupski, serve Zapata nell’area piccola che deve solo appoggiare in rete: è vantaggio Udinese. Seconda parte di tempo che prosegue con i bianconeri che prendono man mano fiducia, grazie ad una difesa attenta ed ad un Bruno Fernandes in gran spolvero, che sfiora il raddoppio poco prima del termine della prima frazione di gioco.

maxresdefault

 

Duvan Zapata festeggia il gol del vantaggio

Ancora Udinese – Pronti, via: Duvan Zapata sfiora il raddoppio. I toscani mantengono improduttivamente il possesso palla, e le occasioni arrivano solo per i bianconeri, che sfiorano più volte il raddoppio. La gara inizia ad innervosirsi e Adnan stende ingenuamente Zielinski in area, è rigore. Sul dischetto va inizialmente Maccarone, che lascia poi a Saponara: il suo tiro è debole e viene facilmente respinto da Karnezis, bianconeri sempre in vantaggio. Azzurri che non si fanno scoraggiare dal rigore fallito (tra l’altro il primo penalty stagionale concesso ai toscani) e continuano a cercare il pareggio: Pucciarelli prima, e Mario Rui (vicinissimo all’eurogol) sfiorano rete. Negli ultimi partita la partita si fa sempre più fisica e dopo 5 ammonizioni in poco meno di 10 minuti arriva finalmente il pareggio dell’Empoli: triangolazione perfetta Maccarone-Pucciarelli con quest’ultimo (migliore in campo sportmain) che insacca facilmente. La partita si spegne subito dopo, con le due compagini visibilmente provate da questo turno infrasettimale.

508227980

 

Manuel Pucciarelli festeggia il pareggio con capitan Maccarone.

Parola alla classifica – Pareggio che porta sia Empoli che Udinese a sorpassi in classifica: i bianconeri salgono al 14esimo posto sfruttando la sconfitta del Palermo contro il Milan; toscani che superano Lazio e Sassuolo portandosi alla settima piazza. Risultati che per ora salvano Colantuono, in bilico ormai da più di un mese e colpevole di un assenza preoccupante di propositività. Le statistiche di questo match suonano impietose al coach romano: 28% di possesso palla, 5 tiri in porta a cospetto dei 19 dei toscani: i 27 falli sono la dimostrazione di quanto la squadra stia patendo, soprattutto a livello mentale, la disorganizzazione di quest’ultimo periodo. Invece l’Empoli soffre il periodo no di Saponara, in netto calo rispetto al girone d’andata, riuscendo comunque a confermarsi una delle migliori realtà tattiche stagionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *