Superlega Unipolsai: 5° giornata di ritorno

ravenna

Si è conclusa la quinta giornata di campionato, andata in scena di mercoledì per dare spazio al weekend di Coppa Italia. L’ultima partita si è giocata ieri sera, giovedì 4/2 e ha visto darsi battaglia la GI Group Monza e la Revivre Milano nel derby. Proprio questa ha regalato a Milano la prima vittoria da tre punti di questa tribolata stagione.

Le sorprese
La pallavolo riserva sempre colpi di scena ai suoi appassionati. Partite dall’esito che fanno stropicciare gli occhi, che i pochissimi in grado di scommetterci su ricorderanno per molto tempo. Una di quelle partite romantiche, quei Davide contro Golia che alla fine vedono trionfare il primo è andata in scena in quel di Trento (cosa che rende ancora più speciale ciò). Infatti, la CMC Romagna è riuscita nell’impresa di espugnare il PalaTrento, infliggendo ai padroni di casa l’unica sconfitta al tie-break della stagione.

Stoytchev non vuole sottovalutare l’avversario e parte con la formazione titolare. Kantor da parte sua schiera la consueta formazione, ma dopo pochissimo tempo deve correre ai ripari per rimediare all’infortunio di Dore Della Lunga, infortunatosi alla caviglia. Al suo posto entra Zappoli, che però dopo solo due set è costretto ad uscire per un affaticamento muscolare. Non sembra una serata fortunata per i romagnoli, che però possono fare affidamento su uno scatenato Maurice Torres e un ottimo Van Garderen. Il portoricano sarà nominato MVP del match, grazie ai suoi 25 punti con uno straordinario 59% in attacco.

Altro risultato contro le aspettative è quello che vede Padova vincente contro Molfetta. I patavini stanno attraversando un buonissimo momento, con un netto miglioramento nel girone di ritorno, che li ha visti inanellare cinque risultati utili consecutivi. D’altra parte Molfetta si conferma una squadra combattiva e ben allestita, ma troppo discontinua. Sugli scudi Stefano Giannotti, che vince la palma di migliore in campo; non va però trascurata la prova di Cook macchiata solo da un rendimento altalenante in ricezione.
La storia la fanno i vincitori, ma se così non fosse, questo riconoscimento sarebbe andato ancora una volta al cubano Hernandez che chiude con 25 punti e un siderale 60% in attacco e tre ace.

Vittorie scontate
Prevedibili le vittorie di Modena e Verona contro Latina e Piacenza nelle due partite più brevi della giornata. L’unica insidia poteva essere il fattore campo, ma è stato troppo ampio il gap tecnico tra le squadre.
Latina scende in campo con la novità in posto due: il rientrante Pavlov. Il forte opposto russo chiuderà con 18 punti, ma con percentuali non elevatissime.

Modena dalla sua fa un po’ di turnover e schiera Bossi e Nikic al posto di Piano e Petric. Mattatori della gara sono Ngapeth e Bruno, che chiuderanno con 25 punti il primo e ben quattro ace il secondo. Latina dalla sua soffre troppo in ricezione contro la battuta modenese, che si conferma ancora l’arma in più dei ragazzi di Lorenzetti. La linea di ricezione di Latina chiuderà con un drammatico 7% di ricezioni perfette e questo si riflette negativamente anche sull’attacco.

Verona invece trascinata dai soliti Sander e Kovacevic riesce a liquidare la pratica Piacenza anche se non senza soffrire. Partenza sorprendente dei piacentini, con la squadra di Giani che sembra rimasta con la mente negli spogliatoi. A parte il primo parziale però la partita è tutta appannaggio dei veronesi. Non sa più cosa fare Giuliani, che le prova davvero tutte arrivando a mettere anche Kohut opposto: il cambio non sortisce però effetti positivi, lo slovacco chiuderà con un misero 32% in attacco.

Civitanova-Perugia

La partita con il maggiore tasso tecnico della giornata non ha deluso le aspettative, è stata infatti una partita appassionante e combattuta, che dopo quattro set ha dato ragione alla corazzata marchigiana.
Arma in più di Blengini è stata la panchina, dove ha trovato più volte i perfezionamenti necessari per cambiare ritmo. Il tecnico nativo di Torino può contare su dodici giocatori di altissimo livello, ognuno dei quali sarebbe titolare in molte squadre di A1. Ha potuto quindi sostituire Cester con Stankovic e Cebulj prima con Priddy e poi con Parodi. Proprio quest’ultimo è stato premiato MVP a fine partita, grazie al suo prezioso apporto in tutti i fondamentali, in particolar modo a muro.

Prestazione però ancor più altisonante è stata fatta da Atanasijevic. L’opposto serbo è praticamente l’unico dei suoi a lottare pallone dopo pallone; per alcuni tratti la partita prenderà la forma di “Lube VS Atanasijevic”. Lo score recita: 29 punti, 54% in attacco, due ace e due muri, miglior realizzatore di giornata. Torniamo al solito discorso: il migliore è indubbiamente lui se ignoriamo il risutato della partita.

Il derby
Arriva la prima vittoria da tre punti per la Revivre Milano, che dà segni di vita e supera in classifica Piacenza. Protagonisti della serata sono Skrimov e il 17enne Riccardo Sbertoli: prodotto del vivaio di Segrate, palleggiatore titolare della nazionale under 19, talento purissimo e futuro della pallavolo italiana. Il bulgaro è autore di una prestazione positiva in ogni fondamentale. Lodevole la prestazione a muro dell’ex trentino Matteo Burgsthaler, che ne mette a segno 8.

Monza non riesce a reagire ai colpi dei milanesi: schiera due opposti (Zanatta e Raic) che in due non fanno neanche 20 punti, assiste alla serata negativa di capitan Botto e a quella disastrosa di Rousseaux e può trovare conforto solo nell’innesto positivo di Galliani: 11 punti in due set e 76% in attacco, il migliore dei suoi.
Inoltre si vede scavalcare in classifica dalla CMC Romagna, autrice dell’impresa trentina.

Adesso spazio al weekend di Coppa Italia, che vedrà protagoniste le quattro squadre migliori del momento: Trento-Civitanova e Modena- Perugia saranno infatti le semifinali. Inoltre andrà in scena sempre al Forum di Assago la finale di Coppa Italia A2 tra Sora e Vibo Valentia. Si prospetta una due giorni ricca di emozioni e divertimento che vedrà assegnare il primo importante trofeo della stagione.

Risultati:
Diatec Trentino-CMC Romagna 2-3 (25-18, 20-25, 25-19, 22-25, 14-16); Ninfa Latina-DHL Modena 1-3 (25-23, 19-25, 23-25, 22-25); LPR Piacenza-Calzedonia Verona 1-3 (25-23, 22-25, 19-25, 19-25); Cucine Lube Banca Marche Civitanova-Sir Safety Conad Perugia 3-1 (18-25, 26-24, 25-20, 25-18); Tonazzo Padova-Exprivia Molfetta 3-2 (25-23, 23-25, 25-22, 20-25, 15-13)

Classifica:DHL Modena 43, Cucine Lube Banca Marche Civitanova 41, Diatec Trentino 36, Calzedonia Verona 32, Sir Safety Conad Perugia 30, Exprivia Molfetta 24, Ninfa Latina 20, Tonazzo Padova 17, CMC Romagna 16, Gi Group Monza 15, Revivre Milano 8, LPR Piacenza 6.

Giovanni Sorrentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *