Lazio Verona, cinque goal per Pioli che torna a vincere – Del Neri sprofonda ultimo in classifica

bigl

 

Sicuramente nella partita disputata ieri sera tra Lazio ed Hellas non sono mancate le emozioni e soprattutto i goal. Sono state sette le reti totali messe a segno, l’unica differenza è che la squadra di casa ne ha segnate ben cinque e pone fine ad un digiuno di goal che andava avanti da troppo tempo.

Turno particolare quello di ieri sera, innanzitutto si è giocato di giovedì in vista dell’appuntamento con il Sei Nazioni di Rugby di domenica e in secondo luogo per la mole di spettatori che hanno raggiunto l’Olimpico. Sono arrivati pressoché 10 mila tifosi ad assistere la partita, lo stadio era praticamente deserto con i settori Nord, curva e distinti chiusi per le offese razziali fatte durante la partita contro il Napoli.

La partita era di fondamentale importanza per entrambe le squadre dato che la Lazio aveva bisogno di morale e di una buona prestazione visti i precedenti, mentre l’Hellas vista la classifica, necessitava più che mai di punti.

Ecco le formazioni titolari :

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Konko, Mauricio, Hoedt, Lulic; Cataldi, Biglia, Milinkovic; Felipe Anderson, Matri, Mauri.

HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini, Pisano,Moras, Helander, Fares; Wszolek, Ionita, Greco, Jancovic; Toni, Pazzini.

FISCHIO D’INIZIO – Il primo tempo comincia su ritmi elevatissimi fin dal primo minuto. Le prime occasioni arrivano da parte della Lazio con Felipe Anderson che calcia un diagonale insidioso e poi con Matri che tocca il pallone in scivolata ma riesce solamente a scheggiare il palo. La risposta del Verona non si fa attendere e prima Toni poi Pazzini, sempre di testa, vanno ad impensierire la porta di Marchetti. La Lazio in campo è padrona del gioco ma la retroguardia dell’Hellas, soprattutto con Greco e Pisano, riesce ad arginare benissimo le incursioni avversarie. Nonostante questa ottima fase difensiva la Lazio riesce comunque a segnare a pochi istanti dalla fine del primo tempo. Cataldi innesca Matri che con un diagonale lentissimo ma preciso riesce a mettere il pallone alle spalle del portiere Gollini ed a infrangere un digiuno di 315 minuti senza goal. Il primo tempo finisce e le squadre vanno negli spogliatoi con la Lazio avanti per una rete a zero.

mitra

RETI A NON FINIRE – Il secondo tempo inizia con un atteggiamento diverso rispetto a quello del primo, complice forse la stanchezza, la spudoratezza o la rabbia, fatto sta che nel secondo tempo vengono messe a segno ben sei reti. Apre le danze al 5′ il capitano Stefano Mauri che mette a segno la sua prima rete stagionale, sempre su assist di Cataldi. E’ tempo di cambi per Luigi Del Neri che butta dentro la mischia Romulo e Gilberto al posto di Fares e Jankovic per dare nuove energie sulle fasce. Al 24′ la formazione di casa sembra mettere una seria ipoteca sul match, Matri in posizione irregolare mette il pallone in mezzo che viene raccolto da Felipe Anderson e segna il più facile dei goal. Lazio Hellas 3-0 e partita “apparentemente” finita. Ma come in ogni sfida che si rispetti arriva la reazione della squadra ospite che riesce a segnare addirittura due reti, prima con Greco su punizione e poi con Toni che da rapace d’area aggira Hoedt e segna. L’Hellas a dieci minuti dalla fine torna in partita e torna a sperare. Purtroppo il sogno svanisce in fretta perchè prima al 37′ con un bel goal al volo di Keita e poi al 45′ su rigore con Candreva, la Lazio chiude la partita e cala il poker.

Finisce 5-2 allo stadio Olimpico con una Lazio che torna a disputare una partita di livello e a far divertire, e un Hellas Verona che può con rammarico guardare una classifica in salita vertiginosa.

luca lazio

 

Tabellino e pagelle :

Lazio Hellas Verona 5-2

Lazio (4-4-2): Marchetti 6; Konko 6.5, Maurício 5, Hoedt 6, Lulić 6.5; Cataldi 7, Biglia 6, Milinković-Savić 5.5; Felipe Anderson 7 (83 Candreva 6.5), Matri 7.5 (80 Klose 6), Mauri 7.5 (72 Keita 6.5) All.: Pioli 7.5.
Hellas Verona (3-5-2): Gollini 6; Pisano 6, Moras 6, Helander 5.5, Fares 6 (50 Rômulo 5.5); Wszołek 6.5, Ioniță 6.5, Greco 6.5, Jancović 6 (50 Gilberto 5); Toni 6.5, Pazzini 6 (68 Gómez 5) All.: Del Neri 5.5

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *