Top e Flop 25-26^ Giornata: Una messa a fuoco sui tecnici, chi sale e chi rischia di cadere!

LAPR1516-khqG--687x458@Gazzetta-Web_mediagallery-page

Le giornate numero 25 e 26 registrano il sorpasso juventino sul Napoli in testa alla classifica; la Fiorentina resiste dall’assalto di una Roma rinata dalla cura Spalletti (ora a 5 vittorie consecutive) al terzo posto. In ottica Europa League il Milan stacca ulteriormente la settima piazza, contesa da Bologna, Empoli, Lazio e Sassuolo. La lotta retrocessione sembrava già conclusa nel girone d’andata, ma la crisi delle genovesi ha alimentato le speranze di Carpi e soprattutto Frosinone, ora a soli due punti dalla Sampdoria quartultima. Tra Empoli e Sampdoria troviamo le compagini più in difficoltà del momento: Udinese, Torino, Atalanta, Genoa e Palermo. Dato il momento cruciale della stagione, i Top e i Flop di queste ultime due giornate riguarderanno gli allenatori, chi rischia la panchina, chi sente già profumo di conferma.

FLOP 25-26^ Giornata

 

Atalanta's coach Stefano Colantuono waits for the start of a Serie A soccer match against Chievo at Bentegodi stadium in Verona, Italy, Saturday, Oct. 5, 2013. (AP Photo/Felice Calabro')

 

3. Stefano Colantuono

Partiamo dal coach romano subentrato ad un altro romano, Stramaccioni (ora al Panathinaikos) che sta mettendo a dura prova la proverbiale pazienza del patron Pozzo. Dopo le vittorie contro Torino e Atalanta, i bianconeri sono riusciti a racimolare solamente 3 punti in 8 partite, senza riuscire a vincerne una, scendendo alla quindicesima piazza, a soli due punti dalla Sampdoria quartultima. Ad una difesa ormai notoriamente distratta, si aggiunge un reparto offensivo incapace di segnare più di una rete a partita nelle ultime otto giornate. Il rigore sbagliato da Di Natale negli ultimi minuti contro il Genoa disegna perfettamente la necessità di rifondazione, sia in panchina che in campo.

Foto LaPresse - Valerio Andreani 20/12/2015 Città Genova ( Italia) Sport Calcio Sampdoria vs Palermo Campionato Serie A TIM 2015 2016 - Stadio "Luigi Ferraris" Nella foto: Montella Photo LaPresse - Valerio Andreani 20 December 2015 Città Genova ( Italy) Sport Soccer Sampdoria vs Palermo Italian Football Championship League A 2015 2016 - "Luigi Ferraris" Stadium In the pic: Montella

2. Vincenzo Montella

Dei problemi dell’areoplanino sulla panchina blucerchiata si è ampiamente parlato nelle edizioni precedenti: se trasportiamo l’attuale media punti (9 in 14 partite), sulle 38 giornate di un campionato intero, il risultato è impietoso, 24 punti. Il Frosinone (sempre più vicina e prossima avversaria in campionato) terzultimo, dopo 26 giornate ne ha collezionati 23. Qualsiasi altro allenatore sarebbe già stato mandato a casa senza alcun rimpianto, ma la pazienza di Ferrero sembra esser più che giustificata dalle ultime stagioni del coach napoletano sulla panchina viola. Nel caso remoto che er Viperetta resista fino a giugno e lo confermi, Montella avrebbe un’estate davanti per plasmare la mentalità dei blucerchiati e scacciare i fantasmi di questa tremenda stagione, iniziata male e proseguita sempre peggio.

Foto Marco Rosi/LaPresse 10 05 2014 Milano ( Italia ) Sport Campionato di calcio Serie A TIM 2013/2014 Inetr ( Milan ) Vs S.S. Lazio allo Stadio Meazza di Milano. Nella foto : Foto Marco Rosi/ LaPresse 10 05 2014 Rome ( Italy ) Sport Football Italian Championship Season 2012/2013 Inetr ( Milan ) Vs S.S. Lazio at the Meazza stadium in Milan. In the picture SS Lazio's coach Edy Reja

1. Edi Reja

Il tecnico friulano, con 5 punti in 11 partite, con l’ultima vittoria che risale a inizio dicembre, è il più in bilico del campionato. Le partenze di Maxi Moralez e Denis, pedine fondamentali nelle scorse stagioni della Dea, ha solo reso più difficile l’uscita del tunnel dei nerazzurri, dopo un ottimo inizio di stagione. Il mercato invernale ha portato oltre a Freuler, Diamanti e Borriello, giocatori ormai da tempo in declino e ben lontani da poter permettere un salto di qualità. L’infortunio del Papu Gomez, ormai leader della Dea, rischia di pregiudicare ulteriormente la situazione, con il quartultimo ormai distante solo quattro punti.

TOP 25-26^ Giornata

LAPR0115-kQQB-U130741630261P0B-620x349@Gazzetta-Web_articolo

3. Roberto Stellone

Comunque vada a finire la stagione cociara, l’ex bomber granata è ormai a pieno merito uno dei coach rivelazione di questo campionato. Con una rosa composta in gran parte da esordienti nella massima serie, ha portato avanti un progetto umile e senza fronzoli: nelle ultime cinque partite ha rosicchiato altrettanti punti ad una Sampdoria sempre più in crisi, ormai distante sole due lunghezze. Dopo il pareggio nel derby con la Lazio dell’ultima giornata, l’undici di Stellone volerà proprio a Genova, in un match che potrebbe cambiare la storia del campionato e del club: conquistare tre punti contro la diretta concorrente sarebbero un gran passo verso la prima, storica, salvezza.

142747116-45b03a06-ba57-4615-8068-18871fb99299

2. Luciano Spalletti 

Tralasciando l’inevitabile polemica sul caso Totti (prima o poi sarebbe toccato a qualcuno, voci di corridoio dicono che prima dell’approdo di Rudi Garcia, Villas Boas avrebbe rifiutato la panchina giallorossa per evitare di gestire questa situazione), l’allenatore livornese è riuscito finalmente a ridare verve alla Roma. La goleada contro il Palermo, quinta vittoria consecutiva, ha riportato prepotentemente i giallorossi in piena lotta per il terzo posto, occupato dalla Fiorentina a sole due lunghezze. Nel campionato più intrigante dell’ultimo decennio, un ritorno a pieno regime dei capitolini potrebbe rappresentare un’insidia pure per le prime due della classe, in piena fuga ma distanti solo 7 e 8 punti.

maxw-654

1. Massimiliano Allegri

Il coach bianconero ha saputo più volte, nella sua carriera bianconera, ribaltare l’opinione nei suoi confronti, ma non sembra capace di farlo in modo banale. Nella stagione passata ha zittito le contestazioni al suo approdo sulla panchina torinese dopo l’addio di Conte non solo stravincendo il campionato, ma sfiorando il Triplete. La magia della stagione passata sembrava essersi estinta questa stagione dopo una decina di giornate, con 12 punti e conseguente 16esima posizione: Allegri, tanto per cambiare, esagera ancora. Inanella 14 vittorie consecutive, e nella partita contro il Napoli, conquista la quindicesima e il primo posto, proprio a discapito dei campani. La striscia si fermerà la giornata seguente, contro il Bologna, ma il primo posto rimane bianconero grazie al contemporaneo pareggio del Napoli in casa contro il Milan. I numeri sono impressionanti: contando la Coppa Italia, la Juventus non subisce gol da nove partite; nelle ultime 15 di campionato, la porta di Buffon è stata bucata solo 5 volte. Stasera allo Juventus Stadium arriva il Bayern Monaco del quasi Citizens Guardiola e degli ex Vidal e Coman, vedremo se il coach livornese saprà stupirci l’ennesima volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *