Alla fine è solo un pareggio tra Torino e Lazio (1-1)

torino-lazio stemmi

TORINO – Per chi non ha visto la partita e si deve affidare ai racconti e alla cronache sarà piuttosto difficile riuscire a credere che Torino-Lazio sia finita solo 1-1. Già perché le emozioni sono state davvero tantissime, le occasioni innumerevoli e fin dai primi minuti di gioco. Ma alla fine il calcio è anche questo e allora tanti sforzi a volte vengono vanificati da errori fin troppo grossolani.

RIGORI E OCCASIONI – Che nessuno si sarebbe annoiato sugli spalti o davanti alla tv lo si era capito fin dai primissimi minuti quando prima il Torino con un traversone di Bruno Peres messo in angolo da Konko e poi la Lazio con Klose, con Padelli che spazza di piede, sfiorano il vantaggio. Al 7′ occasionissima per i biancocelesti con Djordjevic che sbaglia il colpo di testa da distanza ravvicinata su assist di Klose. Pronta la reazione del Torino che prima fallisce con Immobile, in giornata no, e poi sblocca il punteggio con Belotti che insacca sulla ribattuta del portiere avversario Marchetti. La Lazio non ci sta e si riversa in avanti ma i suoi attacchi, anche se ben strutturati, sono sterili. Al 16′ Felipe Anderson tira al volo ma la palla termina di poco a lato. Due minuti più tardi è Parolo a sfiorare il pari ma il punteggio rimane invariato. Al 20′ contatto in area biancoceleste tra Belotti e Cataldi, il direttore di gara Massa decreta il calcio di rigore. Immobile da dischetto manda alto sopra la traversa. Poco dopo proteste granata per un possibile tocco di braccio di Marchetti fuori area, ma le immagini daranno ragione all’arbitro: la palla è stata rinviata di petto. La partita è un continuo batti e ribatti fino al 31′ quando Benassi sfiora il raddoppio del Torino mandando di poco alto. Sul capovolgimento di fronte Glick salva su Klose. Al 33′ occasione per Immobile che ancora una volta sbaglia. Tra un attacco e l’altro si arriva al termine della prima frazione di gioco. Nella ripresa è la Lazio a partire più aggressiva in cerca del pareggio ma le prime vere occasioni sono ancora per i padroni di casa che sbagliano con Acquah e Belotti. Per gli uomini di Pioli è Savic a sfiorare il gol più volte senza riuscirci. Al 23′ palo di Parolo con Padelli ormai battuto. E’ un assedio della Lazio che al 33′ trova il gol del pareggio su calcio di rigore assegnato da Massa per il fallo di Benassi e Molinaro su Keita e trasformato da Biglia. Nel finale Immobile h la possibilità di riportare in vantaggio i suoi ma fallisce in due occasioni.

IMMOBILE E ANDERSON DA DIMENTICARE – Un rigore sbagliato capita a tutti, non gliene si può fare una colpa ma vedere un giocatore con le capacità di Immobile sbagliare anche le cose più elementari non può non essere un campanello d’allarme. Forse il crollo psicologico è avvenuto proprio dopo l’errore dal dischetto o forse è stata solo una giornata no, di quelle che si dimenticano per poi ripartire più forti di prima. Stesso vale per Felipe Anderson che però in questa stagione è stato più volte “spento”. Forse la Lazio ha sbagliato a non cederlo in estate, ma è facile comprendere che dopo l’ottimo campionato che aveva fatto privarsi di lui sembrava una follia.

OCCASIONE PERSA – Le due squadre possono solo fare un mea culpa su come è finita. Il Torino nel primo tempo aveva la possibilità, e non solo grazie al penalty, di chiudere i conti mettendo in cassaforte la vittoria. La Lazio nella ripresa ha avuto tra le mani non solo il pareggio, poi arrivato su rigore, ma anche la vittoria, ma entrambe hanno sprecato tanto, tantissimo, evidentemente troppo.

TORINO – LAZIO (1-0) 1-1
Marcatori: 12’pt Belotti (T), 33’st Biglia (rig. L)

TORINO: Padelli 6.5, Maksimovic 6, Glik 6, Moretti 6, Bruno Peres 6 (Zappacosta s.v.), Acquah 6.5, Vives 6 (Obi s.v.), Benassi 6,5 (Baselli s.v.), Molinaro 5.5, Belotti 7, Immobile 4.5. A disp. Castellazzi, Ichazo, Bovo, Gabriel Silva, Farnerud, Maxi Lopez, Martinez. All. Ventura
LAZIO: Marchetti 6, Konko 5.5, Bisevac 5, Hoedt 5.5, Lulic 5 (Braafheid 6), Parolo 6.5, Biglia 6.5, Cataldi 5 (Milinkovic-Savic 6.5), Felipe Anderson 4.5, Klose 5 (Keita 7), Djordjevic 5. A disp. Berisha, Guerrieri, Morrison, Onazi, Mauri, Kishna, Candreva, Matri. All. Pioli

ARBITRO: Massa
Ammoniti: Vives, Bruno Peres, Konko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *