Toro, il mal di vittoria continua: adesso c’è il Genoa a Marassi

TORINO – Dopo il pari interno con la Lazio, il Toro cerca di ritrovare la vittoria in casa del Genoa nella 29ma giornata di campionato. Nel frattempo i granata restano dodicesimi a 33 punti.

LA VITTORIA E L’EUROPA NON ARRIVANO – Il pareggio di domenica non è servito a nessuno, questo è evidente. Il Toro ha qualche rimpianto per aver dominato il primo tempo e aver fallito l’opportunità di chiudere la partita con il rigore di Immobile. La Lazio ha dalla sua una buona ripresa e il palo interno di Parolo. I biancocelesti restano ottavi a sei punti dal Sassuolo, però sono ancor in gioco in Europa League; il Toro invece in Europa League non ci è andato e non ci andrà neanche quest’anno…

 

IL BORSINO GRANATA: CHI SALE E CHI SCENDE – Sicuramente sale Belotti, autore del gol e protagonista del fallo da rigore. Il Gallo, sebbene tra alti e bassi, trova il settimo gol (record personale) e resta uno degli elementi più promettenti e pericolosi del Toro.

Andrea Belotti, attaccante del Torino (immagine Tuttosport)
Andrea Belotti, attaccante del Torino (immagine Tuttosport)

Sale anche Padelli, a cui la “punizione” (tre giornate in panchina) sembra aver fatto bene, dandogli più attenzione e sicurezza. Scende sicuramente Immobile, che non trova quella continuità al gol che caratterizzò l’ultima stagione in granata. Ancora una volta rimandato Baselli, che non gioca male ma non crea nemmeno quel gioco e quei gol visti a inizio stagione. Adesso ad attendere il Toro c’è il Genoa, ex squadra gemellata e rivitalizzata dopo la vittoria sull’Udinese.

IL RESTO DEL TORO: IL PUNTO SULLE GIOVANILI – Con la Primavera a risposo in vista del Torneo di Viareggio, scena aperta per la Berretti che vince 1-2 col fanalino di cosa Pistoiese e e rafforza il secondo posto nel girone dietro l’Inter. L’Under 17 A-B, invece, batte 2-0 il Sassuolo e resta terza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *