Roma, troppi errori e poca cattiveria: il Real Madrid replica il 2-0 dell’andata

MADRID – Dzeko, Salah, ancora Salah. Tre occasioni nitide per andare in vantaggio e far tremare il Bernabeu. Tutte e tre fallite. Il Real Madrid ringrazia e chiude la pratica con Ronaldo e James. Gli spagnoli bissano lo 0-2 dell’andata all’Olimpico e accedono meritatamente ai quarti. Poco brillanti le merengues, che tirano spesso, da ogni posizione, ma senza creare troppi pericoli fino al gol di Ronaldo. La Roma si arrende prima nella testa che nei fatti. Ancora più vistose dell’andata le occasioni, ma l’esito è il medesimo: zero gol. Così Spalletti nel post-partita non cerca alibi: “Essere soddisfatti mi angoscia”.

DZEKO E SALAH SCIUPANO – Rispetto all’andata si parte senza Nainggolan e Rudiger nella Roma, Benzema nel Real Madrid. Spalletti opta per un coraggioso 4-2-3-1, schierando Dzeko dal 1′, Zidane si affida al tridente Bale-Ronaldo-James. La partita è godibile e non conosce particolari pause o tregue. Il Real Madrid attacca e si scopre, la Roma è ordinata in difesa e abile a ripartire in contropiede. Gli spagnoli ci provano solo con le conclusioni da fuori. All’11’ una punizione di Ronaldo finisce alta a lato. Al 14′ Dzeko si divora lo 0-1. Salah salta due avversari sulla fascia sinistra, mette in mezzo per El Shaarawy che lascia sfilare per Dzeko, il bosniaco a pochi passi dalla porta calcia fuori. Un gol a questo punto della gara avrebbe cambiato la storia della partita, ma non sarà l’unica occasione mancata. Al 28′ infatti è Salah a sprecare: a parti invertite, l’egiziano riceve palla da Dzeko, si presenta di fronte a Navas ma calcia, di destro, fuori. Il Real Madrid tira un sospiro di sollievo e riparte: si moltiplicano i tentativi di tiro, pochi nello specchio e sempre sventati da un ottimo Szczesny. Il primo tempo si chiude sullo zero a zero, e non è una buona notizia per la Roma. I due gol falliti peseranno sicuramente sul proseguo della partita.

CR7 E JAMES NON FALLISCONO – L’infortunio di Pjanic costringe Spalletti a inserire Vainqueur. Gli spagnoli partono subito forte e su azione insistita impegnano più volte, nel giro di pochi secondi, Szczesny. Sul cambio di fronte arriva la terza grande occasione della serata giallorossa: su contropiede, Salah si ritrova ancora davanti a Navas, ma calcia per la seconda volta fuori. Per tre volte la Roma avrebbe potuto rimettere in discussione la qualificazione, ma per tre volte sbaglia clamorosamente. Al 56′ buono spunto di Florenzi, che salta Ramos e tira, respinge Navas. Un minuto dopo Manolas, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, tira da pochi metri ma Navas para con i piedi. Il Real Madrid è tutt’altro che irresistibile: zero gioco, squadra sbilanciata e talvolta superficiale. Ma la Roma non ne approfitta, pur avendo il merito di costruire nitide occasioni da rete. Così sono i padroni di casa a scegliere di chiudere la contesa in cinque minuti. Al 64′ arriva il gol di Ronaldo, su cross del neo-entrato Vazquez. Al 68′ raddoppia James. Si aprono gli spazi e le merengues potrebbero affondare anche il terzo colpo, ma Ronaldo tira a lato. Nel finale Spalletti concede a Totti di prendersi la standing ovation del pubblico del Bernabeu, andando a sostituire El Shaarawy. I giallorossi arrivano vicini al gol, ormai inutile, all’88’, ma Perotti colpisce il palo su conclusione al volo; il pallone viene poi respinto da Navas. Passa il Real, meritatamente. La Roma esce con rammarico: troppi errori per poter restare in gioco a questi livelli. L’impresa non era impossibile, ma manca ancora qualcosa per poter ambire a certi risultati.

REAL MADRID-ROMA 2-0

Marcatori: 64′ Ronaldo, 68′ James

REAL MADRID (4-3-3): Navas; Danilo, Sergio Ramos, Pepe, Marcelo; Modric (75′ Jesé), Casemiro (84′ Kovacic), Kroos; Bale (61′ Vazquez), Ronaldo, James. A disp.: Casilla, Varane, Carvajal, Isco. All. Zidane

ROMA (4-2-3-1): Szczesny; Florenzi, Manolas, Zukanovic, Digne; Pjanić (46′ Vainqueur), Keita (86′ Maicon); Salah, Perotti, El Shaarawy (74′ Totti); Dzeko. A disp.: De Sanctis, Torosidis, Castan, Iago Falque. All. Spalletti

Ammoniti: Danilo (RM), Zukanovic (R)

Arbitro: Szymon Marciniak (POL)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *