Ronaldo matador di Madrid trascina il Real alle semifinali – Ibra in Europa continua a deludere e passa il City

europa champions

cri ronni

SEMPLICEMENTE, CRISTIANO RONALDO – Si dice che per essere un campione o meglio un fenomeno, non si debbano sbagliare le partite importanti, i match point. Ieri il Real Madrid di Zidane, grazie al suo fenomeno Cristiano Ronaldo è riuscito a rimontare e ad accedere alle semifinali della competizione più importante d’Europa e forse del mondo. Dopo 17 minuti di partita il campione portoghese aveva già segnato 2 reti e al 32′ del secondo tempo ha ipotecato il passaggio del turno mettendo in rete il pallone del 3-0 finale. Inutile dire che il Santiago Bernabeu era totalmente in delirio per CR7. La partita si è sbloccata al 15′ quando un cross di Carvajal sporcato dal difensore è carambolato sui piedi di Ronaldo che a pochi passi dalla porta di Benaglio ha buttato il pallone in rete. Dopo soli 2 minuti calcio d’angolo di Kroos che il portoghese sfrutta al meglio e di testa sigla la rete del raddoppio delle merengues. Da quel momento in poi il Wolfsburg è entrato in pieno blackout e oltretutto ha perso anche la sua punta di diamante Draxler per infortunio. In entrambe le reti dei padroni di casa è stata complice la retroguardia tedesca, troppo intimidita e remissiva. Il Real è stato padrone del campo per tutti i 90′ e al 32′ della ripresa ha chiuso i giochi segnando il terzo goal su punizione, sempre con Ronaldo. Tirando le somme finali, allora viene da chiedersi come possa essere successo che una squadra con un parco giocatori che può permettersi di lasciare J.Rodriguez e Isco in panchina , abbia potuto perdere per 2-0 nel match d’andata. In ogni modo gli undici di Zidane sono riusciti nella remontada e si sono guadagnati un biglietto d’accesso alle semifinali.

RECORD MAN – Solo per indicare alcune pillole statistiche. Con la partita di ieri, Ronaldo ha segnato 46 goal stagionali in 42 presenze e 94 goal in carriera in Champions League. Inoltre il portoghese è il giocatore ad aver segnato nella storia più reti nei quarti, più reti su punizione( 11 pari a Del Piero),più goal nella fase a gironi(11) e più triplette( 5 come Messi).

kdeb

NON E’ DESTINO ZLATAN – Sicuramente nella top 10 dei calciatori più forti al mondo. Sicuramente il predatore d’area più temibile del mondo. Sicuramente una certezza che in Europa è uno dei più grandi flop del mondo. Anche ieri sera Zlatan Ibrahimovic non è riuscito a lasciare il segno nella massima competizione Europea. Alle semifinali ci accedono i ragazzi di Pellegrini che grazie ad una prestazione di sacrificio, sono riusciti a vincere per 1-0 contro il Psg. I francesi non si sono mai resi pericolosi se non con due calci piazzati dello svedese; l’unico ad essersi dannato ed  ad   aver corso tantissimo è stato Cavani che però non è mai riuscito a trovare la stoccata finale per gettare il pallone in rete. Il match di ieri sera è stato sbloccato al 31′ della ripresa da Kevin De Bruyne, gioiellino belga di 24 anni, che grazie ad un colpo di rara precisione ha segnato forse il goal più importante della sua carriera. Inoltre da sottolineare che nel primo tempo è stato annullato( giustamente) un goal a Ibra e Aguero ha sbagliato dagli undici metri, proprio come lo svedese all’andata. Non rimane che chiedersi quanto  pesino quel rigore e quel “rigore in movimento” sbagliati nella partita di andata da Zlatan. La risposta sembra abbastanza ovvia.

DE BRUYNE DA FAVOLA – Dopo aver segnato all’andata, ieri sera Kevin De Bruyne ha sicuramente messo la sua firma sulla qualificazione alla semifinale. Il goal trasformato dal belga ieri sera all’Etihad è un vero capolavoro di potenza e precisione. Infatti a meno di un quarto d’ora dalla fine, il belga è stato perfetto nel raccogliere il passaggio di Fernando, accentrarsi e trovare un conclusione a giro sulla quale Trapp non poteva farci assolutamente nulla. Ora possiamo sicuramente dire che i 74 milioni di euro sborsati dallo sceicco quest’estate, sono stati spesi bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *