Sassuolo – Sampdoria 0-0: porta stregata per i neroverdi. Viviano eroe della serata para un rigore, la Samp resiste in 10 uomini e si salva

Sassuolo – la squadra di Di Francesco le prova tutte per tentare di raggiungere in Milan al sesto posto, ma a questo punto le speranze si affievoliscono. Per il match infrasettimanale tornano a disposizione del mister neroverde anche Sansone e Vrsaljko. Per la Samp, invece, la più grande novità è Muriel che scende in campo al posto di Quagliarella. Fin dai primi minuti è il Sassuolo a partire forte quando un rinvio troppo corto di Dodò permette a Belardi di tentare la conclusione, ma il tiro termina fuori di poco e Viviano si salva. Berardi avrà altre occasioni, ma sembra che oggi fatichi a centrare la porta, come al 22′, quando recupera palla su un rinvio maldestro di Viviano ma conclude malamente fuori. Pochi minuti dopo ci prova anche la Samp con un bolide di De Silvestri respinto dall’estremo difensore Consigli. Al 27′ la svolta: Ranocchia ferma malamente Defrel involato verso la porta. L’arbitro Mariani, alla prima in Serie A, lascia inizialmemte correre tra le proteste generali ma, richiamato poi dall’assistente Tasso, estrae il secondo giallo sul difensore blucerchiato che sarà costretto a raggiungere anzitempo gli spogliatoi. Defrel è costretto ad uscire infortunato e lascerà il posto al compagno di squadra Trotta. Anche Biondini sarà costretto a lasciare il campo per stiramento. La Samp, in dieci uomini, subisce l’azione degli avversari e rischia addirittura un’autorete in seguito ad un cross di Vrsaljco, ma per fortuna Viviano riesce a parare in qualche modo. Al 42′ sarà invece Diakitè ad anticipare in modo provvidenziale Cannavaro, e successivamente anche Viviano è bravo a salvare su Peluso. Il primo tempo, nonostante le tante emozioni, si conclude a reti inviolate in un risultato che sta stretto ai padroni di casa.

Sassuolo Sampdoria

Chi si accontenta gode – nel secondo tempo la Samp corre ai ripari e Montella chiude con un grande catenaccio per difendere un pareggio che, vista la situazione, sarebbe prezioso. Ma la strada è ancora lunga. Viviano all’8′ si fa trovare presente su un gran tiro di Trotta e poi anche De Silvestri ferma bene Peluso. Il Sassuolo attacca incessantemente ma non trova il gol. Trotta prova addirittura un colpo di tacco invece che servire Sansone solo in area, e spreca un’ottima occasione. A questo punto ci prova timidamemte anche la Samp con Muriel, ma Consigli è reattivo ed evita il peggio. Sulla sponda opposta anche Viviano è decisivo su Magnanelli. Il Sassuolo non riesce a sfondare il muro blucerchiato e la squadra si innervosisce, Sansone viene anche rimproverato dai suoi per le sue pecca di egoismo. Al 26′ i padroni di casa ci provano ancora con Acerbi, ma il solito Viviano para in due tempi. Al 39′ replica e para anche su tentativo a girare di Sansone. Ma proprio nel finale, all’89’ l’arbitro concede un rigore al Sassuolo per un fallo di Krsticic su Berardi. A incaricarsi del tiro dal dischetto sarà lo stesso attaccante. I tifosi tengono il fiato sospeso: finalmente vi è la possibilità concreta di sbloccare una partita che i padroni di casa hanno provato a vincere in tutti modi. Tuttavia, il solito Viviano, protagonista assoluto del match, strozza l’esultanza di tutto lo stadio parando il rigore e inchiodando il risultato sul definitivo 0 a 0. La Samp si tiene stretta il punto difeso fino allo stremo e che gli permette di definirsi salva. Per la squadra di Di Francesco, invece, si allontana il sogno di acciuffare il Milan e di raggiungere l’Europa.

Sassuolo Sampdoria

TABELLINO:

SASSUOLO – SAMPDORIA 0-0

 SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Biondini (dal 37’ s.t. Duncan), Magnanelli, Pellegrini (dal 32’ s.t. Falcinelli); Berardi, Defrel (dal 30’ p.t. Trotta), Sansone. (Pomini, Pegolo, Longhi, Politano, Pierini, Ferrini, Broh, Corbelli, Adjapong). All.: Di Francesco.
SAMPDORIA (3-4-2-1): Viviano; Diakitè, Ranocchia, Cassani; De Silvestri, Fernando, Barreto, Dodò; Soriano (dal 12’ s.t. Krsticic), Correa (dal 1’ s.t. Silvestre); Muriel (dal 28’ s.t. Quagliarella). (Puggioni, Brignoli, Rodriguez, Pereira, Christodoulopoulos, Skriniar). All.: Montella.
ARBITRO: Mariani di Aprilia.
NOTE: Al 44′ s.t. Viviano ha parato un rigore a Berardi. Espulsi: Ranocchia (Sam) al 27’ p.t. per doppia ammonizione. Ammoniti: Cannavaro, Pellegrini e Berardi, Diakitè, Dodò, Ranocchia e Krsticic per gioco falloso. Angoli: 8–4 per il Sassuolo. Recuperi: p.t. 2’, s.t. 4’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *