Sampdoria – Lazio 2-1: blucerchiati salvi e ciao Europa per i biancocelesti

Genova – i blucerchiati cercano i tre punti per accaparrarsi la salvezza e i biancocelesti fanno altrettanto per sperare di raggiungere l’Europa.

Samp Lazio

Primo tempo – La gara parte subito forte con Silvestre che dopo appena 2′ ci prova da distanza ravvicinata ma il tiro viene deviato da un difensore in corner, sul cui sviluppo la difesa laziale spazzer via scongiurato il pericolo. Ma dal gol sbagliato si passa immediatamente al gol subìto, con Candreva che mette in mezzo un pallone per Dordevic che di testa conclude in palo-gol quando siamo giunti solo al 3′. 1 a 0. Al 12′ la Lazio ha tra i piedi di Keita anche l’occasione per siglare il raddoppio ma il laziale, dopo un bel dribbling tra i giocatori della Samp, conclude fuori di un soffio. Dopo 3′ ci riprova lo stesso Candreva raccogliendo un cross in area, ma il tiro viene murato da un difensore blucerchiato. La partenza della Lazio è stata fortissima, i biancocelesti vogliono la vittoria e non temono gli avversari. Ma col passare dei minuti anche la Samp prova a uscire dal guscio, e lo fa nel migliore dei modi al 20′ quando Krsticic serve Fernando il quale, senza pensarci due volte, calcia il pallone nell’angolino basso di destra facendo esplodere la curva sud. 1 a 1 e parità numerica ristabilita. Al 23′ la Samp prova a sfruttare una punizione dalla media distanza, ma Muriel calcia fuori di poco. Anche Dodo ci proverà 15′ più tardi raccogliendo un cross in area, ma anche in questo caso il tiro finisce oltre la linea di fondo. Nell’azione successiva, quanto siamo ormai giunti al 39′, Keita (L) entra in area e cerca di sorprendere Viviano con una rasoiata, ma l’estremo difensore non si fa trovare impreparato e devia in corner. 5′ più tardi, su un’azione da corner stavolta in favore dei biancocelesti, l’arbitro Rizzoli fischia il calcio di rigore per una trattenuta di Dodo, che viene ammonito. Si presenta sul dischetto Candreva con la possibilità di riportare i suoi in vantaggio: l’attaccante mira l’angolino basso di sinistra, ma Viviano vola e riesce a parare! Per lui sono già due rigori parati in due partite! Il primo tempo si concluderà quindi sul risultato di parità.

Samp Lazio

Ripresa – Le due squadre rientrano dagli spogliatoi con l’unica novità, tra le file della Lazio, dell’ingresso di Mauricio per Hoedt. Il secondo tempo è piuttosto equilibrato, senza particolari pericoli corsi da entrambe le squadre. La prima azione un po’ pericolosa la crea la Lazio al 69′ con Dordevic che, dopo essere stato servito da Keita, prova una conclusione ma il tiro finisce abbondantemente fuori. Al 78′ ci prova anche la Samp, con Silvestre che, sugli sviluppi di una punizione, colpisce di testa in area ma il pallone viene facilmente agguantato dal portiere. Ma, dopo neanche un minuto, su un rimbalzo nei pressi della porta il primo ad arrivare è Diakite che, tra il visibilio dei tifosi che affollano Marassi, trova la rete del vantaggio blucerchiato. 2 a 1. La partita terminerà con questo risultato senza particolari azioni degne di nota. La Samp vince in rimonta e ottiene la salvezza contro una Lazio che a questo punto perde le residue speranze di poter raggiungere l’Europa.

Samp Lazio

TABELLINO:

Sampdoria-Lazio 2-1 (primo tempo 1-1)
MARCATORI: Djordjevic (L) al 3’, Fernando (S) al 20’ p.t.; Diakité (S) al 33’ s.t.
SAMPDORIA (3-5-2): Viviano; Diakité, Silvestre, Cassani; De Silvestri, Fernando, Krsticic (dal 29’ s.t. Soriano), Barreto, Dodò (dal 47’ s.t. Skriniar); Muriel (dal 21’ s.t. Correa), Quagliarella. (Puggioni, Brignoli, Sala, Pereira, Palombo, Christodoulopoulos, Rodriguez). All.: Montella.
LAZIO (4-3-3): Marchetti; Basta, Hoedt (Mauricio dal 1’ s.t.), Gentiletti, Konko (dal 38’ s.t. Morrison) ; Onazi, Biglia, Lulic; Candreva (dal 18’ s.t. F.Anderson), Djordjevic, B.Keita. (Berisha, Guerrieri, Mattia, Braafheid, Cataldi, Milinkovic, Mauri, Rossi). All.: S.Inzaghi.
ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
NOTE: spettatori: 21mila circa. Ammoniti: Hoedt (L), Konko (L), Gentiletti (L), Mauricio (L), Skriniar (S) per gioco scorretto, Candreva (L) per proteste., Keita (L) per c.n.r.. Angoli: 4-12. Recuperi: p.t. 0, s.t. 5’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *