Una fatica del diavolo: Milan-Frosinone 3-3

MILANO – Riecco il Milan di Brocchi: svagato in difesa, impreciso in attacco. In mezzo tanta confusione e un po’ di cuore. Che anche questa volta non è bastato. 3-3 con il Frosinone in casa. Peraltro in rimonta da un 1-3 provvisorio sull’orlo del precipizio. Si salva in qualche modo la faccia, ma tutto il resto non c’è più da un pezzo: non c’è un gioco, non c’è un progetto, non c’è un’idea in campo e nemmeno una per il futuro. A mettere il dito nella piaga un Frosinone coraggioso che con un po’ di furbizia l’avrebbe portata a casa. La salvezza si allontana e i rimpianti aumentano.

DONNARUMMA – Partita strana, a volte imprevedibile. Come Donnarumma: fuoriclasse a tratti, portierone junior in altri. Oggi genuinamente nella seconda versione: uscite insaponate, insicurezza generale, un gol e mezzo sulla coscienza. La prima rete arriva gelida, dopo due minuti, con Paganini che lo infila nell’angolo e tutto il Milan che sta a guardare. La seconda su punizione di Kragl, che lo castiga da casa sua allo scadere del primo tempo con un tiro insidioso ma non impossibile. E’ così che il Frosinone si ritrova magicamente in vantaggio di due gol a San Siro.

BARDI – Molta della magia esce dalle mani di Bardi, che nei primi 45 minuti fa un figurone. Il Milan lo impegna più volte, ma lui ci mette le mani da campioncino e il cuore nerazzurro. Alla fine la sua porta regge fino all’intervallo. Che arriva con tutti i fischi del caso per i rossoneri: uno dei punti più bassi della stagione milanista, con molti tifosi che se ne vanno già a metà partita.

ORGOGLIO E DISPERAZIONE – La ripresa è diversa, almeno nel risultato. Perché il Milan oltre all’orgoglio ci mette la disperazione di chi non ha più niente da perdere. Brocchi si gioca tutti gli attaccanti a disposizione e alla fine arriva il pareggio. Ma che fatica. Balotelli è in giornata no da un anno e ci tiene a puntualizzarlo: suo il rigore sbagliato in apertura di secondo tempo. A riportare il Milan in partita ci pensa Bacca, che ribadisce in gol un pallone non trattenuto dal finalmente umano Bardi. Brocchi si rianima ma la scossa dura poco. A riaffossare il Milan è un liscio di Alex, che lancia in rete Dionisi per il terzo gol del Frosinone.

ROVESCIATA E RIGORE – La partita potrebbe anche essere finita a una ventina minuti dalla fine. Se non fosse che l’appena entrato Antonelli si inventa una rovesciata in area e batte Bardi per il 2-3. C’è da divertirsi, a vederla da fuori. Ma per i tifosi del Milan è un dramma senza fine. Che in pieno recupero travolge anche quelli del Frosinone. Rigore per i rossoneri trasformato da Menez, Frosinone ripreso all’ultimo e tre punti d’oro sfumati per un niente. Balotelli potrebbe anche segnare il gol vittoria, ma la traversa gli nega la gioia all’ultimo secondo. Finisce con il pareggio più inutile di sempre. Nel frattempo il Sassuolo corre e oggi sarebbe in Europa. Il Milan no, e sarebbe giusto così.

MILAN-FROSINONE 3-3
PRIMO TEMPO 0-2
MARCATORI Paganini (F) al 2’, Kragl (F) al 44’ p.t.; Bacca (M) al 5’, Dionisi (F) al 9’, Antonelli (M) al 29’, Menez (M) su rigore al 47’ s.t.
MILAN (4-3-1-2) Donnarumma 5; Abate 5,5 (dal 28’ s.t. Antonelli 7), Alex 4, Romagnoli 5,5, De Sciglio 5; Kucka 5, Montolivo 4,5, Josè Mauri 5,5 (dal 33’ s.t. Menez SV); Honda 5 (dal 19’ s.t. Luiz Adriano SV); Bacca 6, Balotelli 4,5.
PANCHINA Abbiati, Diego Lopez, Mexes, Poli, Zapata, Simic, Boateng, Locatelli, Calabria
ALLENATORE Brocchi
ESPULSI nessuno
AMMONITI Balotelli e Kucka per c.n.r.
FROSINONE (4-4-2) Bardi 7; M.Ciofani 6, Russo 5, Ajeti 6, Crivello 5,5 (dal 22’ s.t. Pryyma 5); Paganini 7, Gori 6, Sammarco 6,5, Kragl 7 (dal 35’ s.t. Rosi SV); D.Ciofani 5,5, Dionisi 6,5 (dal 28’ s.t. Gucher SV).
PANCHINA Zappino, Blanchard, Frara, Soddimo, Longo, Tonev, Pavlovic, Carlini
ALLENATORE Stellone
ESPULSI nessuno
AMMONITI Sammarco, Gori, Russo e Pryyma per gioco falloso; Bardi, Kragl e Dionisi per c.n.r.
ARBITRO Massa di Imperia
NOTE paganti 16.401, incasso 259.952,50 euro; abbonati 19.535, quota di 452.385,79 euro. Tiri in porta 12 (compresa una traversa)-5. Tiri fuori 5-2. Angoli 13-2. Fuorigioco 2-2. Recuperi 2’ p.t., 5’ s.t.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *