Mbakogu trascina il Carpi nella fossa, due rigori sbagliati e finisce 3-1 in favore della Lazio

MODENA, ITALY - NOVEMBER 22: Jerry Mbakogu of Carpi shows his dejection during the Serie A match between Carpi FC and AC Chievo Verona at Alberto Braglia Stadium on November 22, 2015 in Modena, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

La corsa salvezza del Carpi potrebbe essere arrivata al capolinea, uno degli artefici di questo salto nel precipizio è sicuramente l’attaccante nigeriano Jerry Mbakogu che da centravanti ha segnato solamente due reti in tutta la stagione e ieri per finire in En Plein ha sbagliato due volte consecutive dagli undici metri. Ora gli emiliani dovranno affrontare l’Udinese domenica prossima alla Dacia Arena mentre i loro contendenti per la salvezza del Palermo giocheranno in casa contro un Hellas già retrocesso. Alla Lazio invece questa vittoria serve solamente a blindare l’ottavo posto e quindi di assicurarsi la Coppa Italia senza preliminari; piccola soddisfazione per la squadra di Simone Inzaghi.

Come erano schierati in campo :

Carpi: (4-4-1-1): Belec ; Letizia, Romagnoli, Poli, Gagliolo ; Pasciuti, Cofie, Bianco, Di Gaudio; Lollo; Mbakogu . All.: Castori .
Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, Hoedt, Bisevac , Konko; Parolo, Biglia, Lulic ; Candreva Klose , Anderson All.: S.Inzaghi .

Non ci sono grandissime novità nel Carpi dal punto di vista della formazione, Castori conferma il solito 4-4-1-1 con Mbakogu prima punta supportato da Lorenzo Lollo, centrocampo e difesa dei titolarissimi. Inzaghi che invece si gioca la sua conferma sulla panchina biancoceleste, punta sul tridente d’attacco formato da Klose, Anderson e Candreva.

PARTE MEGLIO IL CARPI MA SUL DISCHETTO MBAKOGU SBAGLIA – Comincia la partita e i padroni di casa hanno subito una marcia in più, infatti la prima occasione arriva sui piedi degli emiliani con Lorenzo Lollo che spara centrale contro Marchetti. Poco dopo i laziali reclamano un calcio di rigore per un presunto tocco di mano di Gagliolo, l’arbitro concede solamente il corner. La tensione in campo sale ufficialmente al decimo minuto di gioco quando Hoedt atterra Mbakogu che si guadagna il calcio di rigore. Sarebbe stato un goal importantissimo in chiave salvezza ma invece il nigeriano si fa parare il rigore da Marchetti e il risultato resta invariato. Per ora solamente un goal in tutta la stagione per Mbakogu, oltretutto segnato su rigore.

CARPI DI MALE IN PEGGIO – Come insegna una delle più celebri frasi del calcio, “goal sbagliato, goal subito”, anche in questo caso il detto non si smentisce. Infatti dopo che il Carpi ha sbagliato il penalty, i laziali sono andati in vantaggio con la rete dell’1-0. Bisevac è riuscito a perforare la porta di Belec dopo un azione rocambolesca e un doppio salvataggio sulla riga di Bianco. La Lazio sale molto di livello in campo e non passa molto che trova anche la rete del raddoppio. Intorno alla mezz’ora, Anderson dall’out di destra innesca un traversone nel mezzo che viene deviato da Antonio Candreva che segna la rete del 2-0. Il Carpi nonostante il doppio svantaggio avrebbe l’occasione di riaprire il match a pochi minuti dallo scadere del primo tempo quando viene designato un altro calcio di rigore per un fallo di mano di Mauricio. Anche questa volta si prende la responsabilità Mbakogu che tira un rigore imbarazzante, lento e centrale che Marchetti controlla facilmente. Ora la salvezza del Carpi sembra proprio in bilico e il pubblico si fa sonoramente sentire nei confronti dell’attaccante numero 99. Si va negli spogliatoi con la Lazio avanti per due reti a zero.

Lazio's Antonio Candreva jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Carpi FC vs SS Lazio at Alberto Braglia Stadium in Modena, Italy, 08 May 2016. ANSA/ELISABETTA BARACCHI

SALVEZZA IN BILICO – Ricomincia il secondo tempo ma il “bomber” biancorosso è ancora incredibilmente presente in campo. L’unico cambiamento che farà mister Castori sarà quello di inserire Kevin Lasagna per diventare più pericolosi ed aumentare la velocità di manovra. Infatti così è stato, fin da subito l’attaccante cambia volto alla partita e in ben due occasioni si costruisce l’azione da solo e va vicino alla rete di pochissimo. In campo il clima è caldissimo sia per la doppia espulsione di Biglia e Djordjevic nel finale ma anche per i tifosi del Carpi che inneggiano al ritorno di Marco Borriello suscitando una reazione nel loro attaccante Mbakogu che prova a zittirli mettendosi il dito davanti alla bocca.

Alla fine però la protagonista in campo è comunque la Lazio che riesce a segnare anche il terzo goal con Klose che all’interno dell’area non sbaglia e buca Belec. Il Carpi riesce anche ad accorciare le distanze con Mbakogu ma tutto ciò risulta inutile poiché il risultato finale è di 3-1 in favore dei Laziali che blindano l’ottavo posto mentre per gli emiliani la salvezza si fa quasi impossibile.

TRA SALVEZZA E PARACADUTI – Ora per il Carpi l’obbiettivo salvezza si fa davvero difficile, in primo luogo perché la settimana prossima dovrà affrontare l’Udinese alla Dacia Arena mentre i suoi contendenti del Palermo sfideranno al Barbera un Hellas Verona che è già matematicamente retrocesso, come il Frosinone. Inoltre c’è la questione del paracadute monetario in casa della retrocessione del Palermo. Praticamente un errore della distribuzione dei milioni di euro chiamati appunto “paracaduti” incentiverebbe l’Hellas Verona a sperare nella salvezza del Palermo. Infatti  gli scaligeri se i palermitani tornassero in serie B perderebbero in pratica 5 milioni di euro che andrebbero invece a Zamparini. Basti pensare che in una dichiarazione stampa di ieri,  il presidente del Palermo stava già parlando della salvezza e del miracolo che è stato ottenerla alla penultima giornata. Ora parlerà solamente il campo e l’etica sportiva che i giocatori del Verona dovrebbero avere per rispetto di una competizione così prestigiosa come la serie A.

zamparini

TABELLINO E PAGELLE :

Carpi Lazio 1-3

CARPI : Belec 5.5, Letizia 5.5, Romagnoli 4,5, Poli 5,5, Gagliolo 5, Pasciuti 5 (31′ st Verdi 6), Bianco 6 (21′ st Crimi 6), Cofie 5 (1’st Lasagna 6.5), Di Gaudio 5.5, Lollo 5,5, Mbakogu 3,5. All. Castori 5.

LAZIO : Marchetti 8, Basta 6, Bisevac 6.5, Hoedt 5 (16′ pt Mauricio 6), Konko 6, Parolo 6, Biglia 5.5, Lulic 6, Candreva 6.5 (23′ st Djordjevic 5), Klose 6.5, Felipe Anderson 6 (5′ st Onazi 6).  All. S. Inzaghi 7

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *