Spagna, Coppa del Re: Messi illumina Alba e Neymar, Siviglia piegato ai supplementari (2-0)

SPAGNA – Cartellini rossi, un infortunio eccellente, un palo, solidità difensiva azul-grana e due invenzioni di un genio del calcio: il Barcellona, dopo 90 minuti di battaglia con un sempre organizzato Siviglia, stappa la finale nell’over-time grazie a due sontuosi assist di Leo Messi. Jordi Alba nel primo mini round, e Neymar allo scadere, regalano a Luis Enrique una Copa del Rey più che meritata.

Gameiro, attaccante del Siviglia
Gameiro, attaccante del Siviglia

L’EPISODIO – Il Barcellona imposta la gara secondo i suoi principi: i soldati di Luis Enrique sono i fedelissimi che hanno conquistato la Liga, con il classico 4-3-3 in cui la MSN ha il compito di scardinare la difesa di Emery. Siviglia in campo con il consueto 4-2-3-1, con Iborra che sostituisce N’Zonzi accanto a Krychowiak. La gara, sin dalle prime battute, risulta molto tattica: le occasioni latitano, con Gameiro ingabbiato nella coppia Piquè – Mascherano sino alla mezzora. Scorre infatti il minuto 35 quando Iborra, con una spizzata aerea, spedisce in porta l’ex bomber del Psg che viene steso da Mascherano a pochi metri dall’area di rigore: il signor Carlos del Cerro non ha dubbi, ed estrae la tarjeta roja in faccia all’ex mediano del Liverpool. Barça in 10, con il Siviglia chiamato a fare la partita.

FASE DIFENSIVA – Banega, dopo la strepitosa prestazione in finale di Europa League, continua ad incantare ma i suoi colleghi di reparto Coke e Vitolo risultano nettamente meno incisivi rispetto al match europeo. La truppa del Ramon Sanchez Pizjuan si lascia apprezzare per il possesso palla, ma l’inserimento di Mathieu e la perfetta prestazione di un rigenerato Gerard Piquè consentono a Ter Stegen di trascorrere una serata tutto sommato tranquilla. Anche il tridente più forte del mondo fatica ad infiammarsi, con il terzino degli andalusi Mariano perfetto su Neymar e con un Messi costretto a partire da molto lontano. L’unico lampo, manco a dirlo, è targato Banega che fa tremare i catalani centrando il palo con un destro rasoterra. Luis Enrique è costretto a rinunciare anche a Suarez, che esce per un infortunio muscolare.

CARTELLINI E SOSTITUZIONI – La contesa inizia ad incattivirsi, con il direttore di gara (prestazione molto positiva) costretto agli straordinari nel dispensare cartellini gialli da una parte e dall’altra. Emery, a dieci dal termine, prova a riscaldare la fase offensiva dei suoi togliendo dalla mischia l’ottimo laterale brasiliano Mariano ed inserendo Konoplyanka. Capitan Coke si sposta a fare il terzino, con il centrocampista ucraino chiamato a supportare Gameiro. Da qui iniziano i guai per i giocatori in maglia bianca: Neymar, dopo ottanta minuti di anonimato, approfitta dell’errore di posizione di Coke per involarsi verso la porta di Rico costringendo Banega al classico fallo disperato. Rosso anche per l’ex Valencia, con la conseguente parità numerica ristabilità.

FATTORE MESSI – Nei tempi supplementari la musica cambia: ad alzare il volume della radio ci pensa Leo Messi, che si traveste da trequartista spaccando in due la finale. El dies confeziona un assist al bacio per Jordi Alba, che a pochi passi da Rico deve solo infilare il pallone dell’uno a zero. Davvero splendida la palla offerta dall’argentino, che nella ripresa concede il bis: stavolta è Neymar, partendo sempre da quella corsia mancina diventata terra di conquista dopo l’uscita di Mariano, ad approfittare del secondo regalo di Messi. Due filtrati decisivi dunque, con Luis Enrique che può concludere con il sorriso un’altra meravigliosa stagione del suo Barcellona. Stesso discorso per il Siviglia, applaudito e ringraziato dai suoi tifosi al termine di una prestazione comunque positiva. Il successo in Europa League ha consentito a Gameiro e compagni di entrare nella storia e ricevere la meritata standing ovation anche dopo un k.o.

Tabellino Barcellona-Siviglia:

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Piqué , Jordi Alba, Dani Alves , Mascherano; Rakitic(46′, Mathieu ), Sergio B., Iniesta; Suárez (57′, Rafinha), Messi, Neymar . Allenatore. Luis Enrique.

Siviglia (4-2-3-1): Sergio Rico; Mariano (80′, Konoplyanka), Carrico, Rami, Escudero; Iborra (106′, Fernando Torres), Krychowiak; Banega, Coke, Vitolo; Gameiro. Allenatore. Unai Emery.

Gol: Jordi Alba 96′, Neymar 121′

Ammoniti: Rami, Vitolo, Neymar, Iborra, Dani Alves, Krychowiak, Konoplyanka, Escudero, Gameiro, Carrico

Espulsi: Mascherano, Banega, Carrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *