Basket Playoffs: il punto della situazione

nba-playoffs-golden-state-warriors-los-angeles-clippers1

Tempo di Playoff nel mondo, dove si gioca mediamente ogni 2 giorni, quindi parte da oggi una rubrica che farà il giro dell’Europa con sconfinamento negli Stati Uniti, e temporaneamente in Canada, per raccontare le post season dei maggiori campionati del vecchio continente e della Lega per eccellenza.

LITUANIA – Seguendo una cronologia dei fatti ben precisa va detto che in Lituania non ci sarà la solita finale tra lo Zalgiris Kaunas e il Lietuvos Rytas Vilnius perché il terzo incomodo, il Neptunas Klaipeda (già avversario dell’Olimpia nel gironcino della seconda fase di Eurocup) ha deciso per la seconda volta in 3 anni di sbarrare la strada alla squadra della capitale e quindi, salvo suicidi, Sarunas Jasikevicius potrebbe conquistare il suo primo titolo da capo allenatore dopo l’esonero di Gintaras Krapikas ai primi di Gennaio e il 18mo assoluto per i verdi da quando il paese baltico è tornato indipendente.

GRECIA – Rimanendo in tema di verdi, il Panathinaikos già avanti 1-0 dopo aver sbancato il Pireo è andato a tanto così dal 2-0 dopo forse l’ultimo clutch shot della sfolgorante carriera di Dimitris Diamatindis che però è stato vanificato senza pietà dall’ennesima trovata di Vassilis Spanoulis che in controtempo elude la difesa quasi perfetta di Nick Calathes e riporta la serie in parità.

ITALIA – Si tinge di verde anche il playoff di Serie A Italiana dove la Sidigas Avellino infligge la prima sconfitta in questa post season alla Grissin Bon (emiliani avanti 2-1), che paga nel primo tempo la situazione falli dei lunghi e nel secondo la poca efficienza delle guardie nonostante un’ottima distribuzione dei punti e così Buva e Cervi, supportati da Ragland, Nunnally e la passione del PalaDelMauro, regalano il punto che dimezza le distanze e promette un resto della serie che potrebbe decidere tutto alla settima. Mentre al Taliercio di Mestre la serie si tinge di oro-granata perché l’Umana Reyer passa in vantaggio nella serie con l’EA7 grazie alla coppia di cervelli in campo Pargo-Green che vincono il duello a distanza con Kalnietis e Lafayette mentre il 2/14 dal campo appesantito dallo 0/9 da 3 di Alessandro Gentile alimenta per l’ennesima volta il dubbio (e rafforza la certezza) che l’assetto senza il figlio di Ferdinando, al netto della prodezza di Gara3 a Trento, permette alla squadra di equilibrare un attacco dove Simon si deve accontentare di 7 tiri e costringe proprio il play-guardia lituano a “svestirsi” dai compiti di regia per provare a mettere insieme quei punti che Gentile non porta e l’11% da 3 nei playoff dovrebbe far scattare l’alert nello staff tecnico, Repesa in testa.

SPAGNA – E’ finita nella domenica senza spezzatino la stagione regolare della Liga ACB targata Endesa con la prodezza di Sastre del CAI Saragozza che estromette il Bilbao dai playoff e che elegge Ioannis Bourousis MVP della stagione per acclamazione. Per quanto riguarda la classifica finale Barcellona Lassa e Real Madrid si aggiudicano come da copione le prime 2 piazze e troveranno quasi certamente in semifinale rispettivamente Baskonia e Valencia, e proprio questi ultimi incrocieranno i guantoni nel primo turno l’Unicaja Malaga di Joan Plaza nell’accoppiamento più interessante di questa prima tornata, non così scontato anche se gli andalusi non sono più la squadra che aveva impressionato nella prima parte di stagione.

GERMANIA – Tempo di semifinali anche in Bundesliga dove il Bamberg di Trinchieri in panchina e di Melli e Zisis in campo conduce 1-0 contro i bavaresi del Bayern mentre il Ratiopharm Ulm strappa il fattore campo agli Skyliners di Francoforte. Cominciano a breve anche le semifinali in Turchia dove sarà un affare solo tra squadre di Istanbul dopo che i campioni uscenti del Karsiyaka Izmir sono usciti alla bella contro il Galatasaray che troverà i finalisti di Eurolega del Fenerbahce mentre nella parte alta si incontrano Anadolu Efes e Darussafaka Anche nell VTB, lega sovranazionale che comprende prevalentemente squadre russe con altre dell’est europa come ceche, ucraine, lettoni, finlandesi, estoni e georgiane, è tempo di semifinali e dopo il rovinoso 0-3 del Lokomotiv Kuban Krasnodar (recentemente alle Final Four di Eurolega a Berlino) per mano del più quotato Khimki Mosca (Shved, Rice e Zoran Dragic nel reparto dietro tanto per gradire) , anche per il gialloblu c’è poco da fare contro i freschi campioni d’Europa del CSKA che sono già 2-0 con vista finale e dove attendono la vincente di Unics Kazan-Zenit San Pietroburgo (2-1 per i biancoverdi trascinati dall’ex Soresina, Biella, Virtus Bologna e Olimpia Keith Langford)

NBA – Nella notte Toronto, trascinata dall’accoppiata da 67 punti DeRozan-Lowry portano la serie con Cleveland sul 2-2, risultato che potrebbe sembrare ai più clamoroso ma secondo noi nemmeno tanto. In realtà dopo la beneficiata dei primi 2 turni con cappotto a suon di triple contro Detroit e Atlanta e se vogliamo anche le prime 2 coi canadesi, appena i giocatori del quintetto scendono appena sotto il rigo del rendimento medio sembra tornare la squadra di prima dell’esonero di David Blatt, ovvero scollata e a cui non bastano 55 punti del dinamico duo James-Irving ma contro questo Biyombo, che fa rima con Mutombo, difficile andare a tirare dalle parti del pitturato. Mentre Golden State stanotte dovrà riscattare il -28, che è stato per un attimo anche -41, per riequilibrare prima di tutto la serie ma soprattutto ritrovare quell’armonia in attacco che però dovrà ripartire dalla difesa che è sembrata in più di una circostanza un torero nella Chesapeak Arena e dovrà soprattutto mettere alla prova l’attuale stato redenzione tecnica di Russell Westbrook, che sta ottimizzando i tiri e coinvolgendo i compagni in una maniera quasi sconvolgente e che è il vero ago della bilancia rispetto a un Durant che per l’attuale Draymond Green sembra un qualcosa di inarrivabile e soprattutto immarcabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *