Euro 2016 – Il Portogallo non vince (e non perde) mai nei 90′, Polonia k.o. dagli 11 metri e semifinale raggiunta: 4-6 d.c.r. (1-1 al 90′)

Nessuna partita vinta nei 90′ regolamentari, ma anche nessuna sconfitta subita per il Portogallo allenato da Fernando Santos. Attenzione ai lusitani che, senza mai convincere davvero, sono comunque arrivati tra le 4 migliori del torneo e ora aspettano di sapere chi tra Belgio e Galles si giocherà con loro un posto in finale.

004540630-d2385ad4-e558-4a9b-a9b2-a087b08b4781

IL MATCH IN PILLOLE – Neanche il tempo di prendere il ritmo che Lewandowski sblocca sé stesso e la partita, regalando il vantaggio alla Polonia.Lewandowski-Polonia-e1465722907991-744x444

Ritmi alti e belle giocate rendono piacevoli i primi trenta minuti di partita con il Portogallo a inseguire e la Polonia a cercare di pungere con accelerazioni repentine. Sullo scadere arriva il pareggio firmato da uno dei migliori in campo, ovvero FILE - This is a Tuesday, June 24, 2014 file photo of Greece's head coach Fernando Santos as he shouts instructs his players during the group C World Cup soccer match between Greece and Ivory Coast at the Arena Castelao in Fortaleza, Brazil. FIFA Monday Aug. 4, 2014 has banned former Greece coach Fernando Santos for eight international matches for verbally abusing officials during his team's World Cup elimination match against Costa Rica. (AP Photo/Natacha Pisarenko/File) ** Usable by LA, DC, CGT and CCT Only **Renato Sanchez, giovane fenomeno neo-acquisto del Bayern. 1-1 e tutto da rifare. Nella ripresa prevale lo studio e, complice l’errore sotto porta di CR7, si “vola” ai supplementari e poi ai rigori senza troppi sussulti. Dagli 11 metri segnano tutti tranne Blaszczykowski, il cui tiro viene bloccato da un buon Rui Patricio, decisivo il rigore finale di Quaresma.

543945262-kI0B-U160176997256qp-620x349@Gazzetta-Web_articoloFOCUS SUL PORTOGALLO – Il Portogallo non ha mai vinto, è vero, ma nessuno è ancora riuscito a battere questa squadra che ha trovato un equilibrio e una solidità mai avuti nel passato recente nelle competizioni internazionali. Merito di Fernando Santos, allenatore-ingegnere che ha dimostrato di saper gestire a dovere gli uomini a sua disposizione. A centrocampo William Carvalho, squalificato per la prossima partita, è stato finora l’imprescindibile perno attorno al quale si sono alternati diversi giocatori da Moutinho fino a Renato Sanchez, stellina classe 97′ che in queste 5 partite ha già fatto vedere per quale motivo il Bayern nei prossimi anni potrebbe essere costretto a sborsare fino a 80 milioni con i bonus. Oltre il tabellino e la “pareggite” va comunque detto che i lusitani hanno sempre prodotto di più dei propri avversari in fase offensiva, peccando però in fase di finalizzazione, complice un CR7 sottotono, fuori posizione e la mancanza di un vero centravanti. Difetto che però non ha compromesso finora il cammino dei rosso-verdi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *